Harvey Weinstein: una storia che non ha una fine

Reading Time: 6 minutes

Si siamo ancora qui a parlare di Harvey Weinstein ma sembra proprio che, per fare alcune citazioni, “Non ci sia pace tra gli ulivi” o anche sembra quasi “La storia infinita”. Siamo ormai da mesi bombardati da queste notizie sia del Signor Weinstein ma anche ormai di molte altre persone del mondo dello spettacolo. Ma oggi continueremo a scoprire altri dettagli raccapriccianti.

La sconcertante nuova esposizione che ci fornisce il New York Times, pubblicata martedì sera, è un tuffo nelle persone che hanno cercato di nascondere o aiutare le sue azioni, altri che hanno tentato di estrarre la verità e quelli che si limitavano a guardare dall’altra parte.

Il lungo articolo è quasi una lista di tutti le menti e gli agitatori che hanno aiutato Weinstein a manipolare e controllare la sua immagine pubblica. Secondo il New York Times , le loro azioni / inazioni gli hanno permesso di presumibilmente vittimizzare le donne per decenni.
Il dramma, la direzione sbagliata e i misfatti che vengono raccontati nel pezzo del NYT sono sufficienti per riempire cinque film. Fa venire i brividi, vero?

Andiamo a vedere cosa dicono avvocati e altra gente. Mi raccomando tenetevi pronti a leggere di tutto e di più. E si indignatevi, arrabbiatevi, reagite come più volete, ma questo ormai è il mondo in cui viviamo e dobbiamo in qualche modo migliorarlo in primis noi.

“Il signor Weinstein non ha mai commesso un atto di violenza sessuale, ed è sbagliato e irresponsabile confondere pretese di comportamento impolitico o rapporti sessuali consensuali in seguito pentiti, con una falsa dichiarazione di condotta criminale”, gli avvocati del produttore cinematografico, Blair Berk e Ben Brafman , hanno detto a E! Notizie in una nota Mercoledì. “C’è un ampio canyon tra la semplice accusa e la verità, e siamo certi che qualsiasi calcolo sobrio dei fatti non provi alcuna violazione legale, tuttavia, da chi è offeso dal comportamento di Weinstein, riceverà le più sincere scuse per tale comportamento”.

Io non commento nemmeno queste frasi perché sono proprio, non saprei come definirle, per la prima volta resto basita e senza parole.

Ma andiamo avanti… Ecco alcune delle rivelazioni più sbalorditive della pubblicazione sulla “macchina della complicità” del magnate ormai caduto…

1. Ha cercato di fermare il NYT affinchè non pubblicasse le devastanti prime accuse su di lui nel mese di ottobre.

L’articolo dice che Weinstein ha avvertito: “Sono un uomo che ha una grande risorsa”.

2. Non tutti gli agenti hanno protetto i loro clienti: l’ attrice Mia Kirshner, i cui nonni sono sopravvissuti al ghetto di Lodz in Polonia, dice che quando aveva 19 anni venne a New York e i suoi agenti al CAA organizzarono un incontro con Weinstein nel suo albergo per discutere di un ruolo in un possibile film sulla rivolta del ghetto di Varsavia.

“Abbiamo pensato che fosse una gran bella parte”, ha detto. Ma poi affermano che il produttore voleva scambiare sesso per un’opportunità di carriera, ma lei lo ha respinto.

La CAA ha detto in una dichiarazione che volevano scusarsi “con qualsiasi persona che l’agenzia abbia deluso per non aver rispettato le grandi aspettative che ci siamo posti”.

3. Weinstein ha cercato di incontrare Ronan Farrow: la pubblicazione afferma che a settembre Weinstein ha assaltato l’ufficio di Bryan Lourd , il co-presidente della CAA, per lamentarsi di un articolo del New Yorker che il loro cliente Ronan Farrow stava scrivendo sulla sua presunta cattiva condotta.

4. Weinstein raccontò ad altre donne di aver dormito con Gwyneth Paltrow per convincerle a dormire con lui. Più di 20 anni fa, la Paltrow avrebbe dichiarato al suo agente Rick Kurtzman della CAA che Weinstein le aveva fatto delle avance in una stanza d’albergo, ma lei rifiutò lui.

Nella nuova intervista, ha affermato che quando ha detto a Kurtzman cosa fosse successo che “sembrava incredulo” ed  ha espresso disgusto, ma non ha suggerito di discutere l’episodio con i piani alti dell’agenzia. Kurtzman ha rifiutato di commentare.

Ma il Times riporta, a sua insaputa, Weinstein ha detto ad altre donne che non lo ha rifiutato. La Paltrow afferma che ora altre donne le hanno detto che ha cercato di costringerle a fare sesso dicendogli  di aver fatto sesso con l’attrice di Shakespeare in Love, e che dormire con lui era

“la cosa migliore che si potesse fare per la propria carriera in questo momento.”

Gwyneth Paltrow dice che le donne sono andate da lei nelle ultime settimane per dirle che Weinstein ha usato il suo nome in diversi incontri.

Ha detto che le conversazioni con le vittime sono state sconvolgenti. Nell’intervista, Paltrow ha detto: “Non è la prima persona a mentire sul fatto di andare a letto con qualcuno, ma ha usato la bugia come arma d’assalto”.

5. Ha avuto amici Reporters a dargli informazioni: AJ Benza, ex giornalista di gossip del New York Daily News , ha spiegato che alla fine del 2003 o all’inizio dell’anno successivo, ha cenato con Weinstein per discutere un piano su come tirarlo fuori da una potenziale situazione imbarazzante.

Benza dice che mentre Weinstein era sposato con la sua prima moglie è stato coinvolto con Georgina Chapman. Il produttore voleva che il rapporto fosse confidenziale fino a quando il suo divorzio non fosse stato finalizzato. Benza ricorda di aver detto a Weinstein: “Potrei fornire alle ragazze delle PR ragazze un sacco di pettegolezzi – un sacco di storie – e se la gente viene da loro con” Harvey ha una storia di relazione “, possono scambiare”.

“Ha detto, ‘AJ, devono essere buone storie’, e ho detto, ‘Non ti preoccupare.'”

Benza dice che poi ha raccolto un fermo mensile. La portavoce di Weinstein, Sallie Hofmeister, ha dichiarato al The Times che i pagamenti mensili a Benza erano destinati alle pubbliche relazioni durante la disputa di Miramax con la Disney.

6. Weinstein ha stretto un accordo con i media americani.
La verità ha cominciato a trapelare nel 2015 dopo che la polizia di New York City ha interrogato Weinstein sulla presunta tentazione di una modella italiana, Ambra Battilana.

Apparentemente, i media americani hanno usato una strategia nota nelle redazioni tabloid come “catturare e uccidere”, che significa acquisire diritti esclusivi su storie negative e quindi scegliere di non pubblicarle.

Nel caso Battilana, la compagnia ha cercato di acquistare la sua storia, ma non è mai stata venduta. American Media dice che era perché il prezzo di Battilana era troppo alto. Ma il portavoce della modella ha detto che “non ha mai cercato o sollecitato offerte”. Il Times riferisce di aver visto documenti che mostrano il modello che respinge i tentativi di essere pagati per la sua storia.

I pubblici ministeri non hanno intentato accuse contro Weinstein a causa di “prove insufficienti”.

Secondo il NYT, American Media ha ammesso di aver raccolto informazioni per aiutare Weinstein a causa di interessi commerciali reciproci.

“Nella misura in cui AMI ha fornito informazioni” off the record “a Weinstein sui suoi accusatori,” la società ha dichiarato in una dichiarazione che gli stava fornendo informazioni “in un momento in cui il signor Weinstein negava qualsiasi molestia”.

La dichiarazione ha anche detto che Howard non avrebbe lasciato che le informazioni fossero pubblicate.

7. Lena Dunham ha cercato di avvertire la gente circa Weinstein: Il produttore vantava amici potenti nel mondo di Hollywood, ma anche nel mondo della politica come Obama e Bill e Hillary Clinton.

Dunham ha detto al NYT che nel 2016 era preoccupata per la visibilità del magnate durante la campagna elettorale della Clinton, Weinstein ospitava i fund-raiser e appariva in eventi elettorali. Aveva sentito storie dirette e indirette di altre donne su inquietanti incontri con il produttore, così si è presa cura lei di avvisare la portavoce della campagna di Hillary Clinton.

“Voglio solo che tu sappia che Harvey è uno stupratore e questo verrà fuori ad un certo punto”, ha detto Dunham a Kristina Schake , vice direttrice della comunicazione della campagna. Dice che ha anche detto, “Penso che sia una pessima idea per lui ospitare ostaggi di fondi e essere coinvolto perché è un segreto di Hollywood che ha un problema con l’aggressione sessuale”.

La star di Girls ha ricordato che Schake era sorpresa dalle sue parole e ha detto che avrebbe detto a Robby Mook, responsabile della campagna di Clinton.

Dunham ha detto che ha anche avvertito Adrienne Elrod, una portavoce di Clinton che ha lavorato con le celebrità. Dunham dice che non pensava di aver fatto nulla per le sue preoccupazioni da settimane prima delle elezioni, il produttore ha aiutato a organizzare una raccolta fondi a Broadway per raccogliere fondi con Julia Roberts, Anne Hathaway e altro ancora.

Queste sono solo alcune delle tante cose che salteranno fuori da questa terribile storia che come dicevo all’inizio non avrà fine o se ce l’avrà sarà veramente disastrosa. Quindi non ci resta che aspettare per vedere cosa succederà nei prossimi mesi.

Come sempre vi ricordo che per poter rimanere aggiornati su questa storia e altro di seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page