Happiest Season il film che ha avuto un successo epico potrebbe avere un sequel

Reading Time: 8 minutes

Articolo preso e tradotto da variety.com

Happiest Season, da Tri-Star Pictures di Sony ed eOne, è sempre stato pronto a fare la storia, come prima commedia romantica natalizia su una coppia dello stesso sesso da un importante studio di Hollywood. Poi la pandemia ha fatto irruzione, lasciando a Sony poca scelta se non quella di vendere “Happiest Season” a Hulu. Sembra che sia andata a meraviglia: Variety  ha appreso esclusivamente da Hulu che “Happiest Season” ha battuto i primi record per lo streamer. Durante il lungo weekend del Ringraziamento, il film ha avuto i migliori spettatori per qualsiasi film originale sul servizio nel suo weekend di apertura e ha attirato più nuovi abbonati rispetto a qualsiasi altro titolo precedente.

happiest season sequel

Ma ecco a cosa è dovuto il successo di Happiest Season

Diretto da  Clea DuVall e co-scritto da DuVall e Mary Holland (che è anche co-protagonista del film), “Happiest Season” è una storia in uscita, che ruota attorno ad Abby (Kristen Stewart) e Harper (Mackenzie Davis). Quando Harper invita Abby a casa per Natale, avendo in qualche modo dimenticato per un momento che non ha ancora fatto coming out con la sua famiglia, chiede ad Abby di fingere di essere etero fino a quando le vacanze non sono finite, dopodiché giura che farà coming out con i suoi nervosi genitori, Ted e Tipper (Victor Garber e Mary Steenburgen). Agli eventi natalizi sotto pressione della famiglia, ne derivano dei disguidi allucinanti e Harper ferisce i sentimenti di Abby, minacciando la relazione.

Ovviamente, essere il primo nel suo genere per il pubblico LGBTQ sottorappresentato significa che Happiest Season ha ispirato una quantità assoluta di opinioni profondamente sentite, che si sono manifestate sia nelle  recensioni  che sui  social media  – la maggior parte di loro era amorevole, anche se alcuni volevano che Abby prendesse una strada diversa. Ma a meno che tu non viva sotto una roccia i tuoi feed sui social media del Ringraziamento erano pieni di pensieri – anzi, punti fortemente discussi    su “Happiest Season”. Naturalmente, secondo Hulu, è stato il film originale più discusso della compagnia su Twitter, ed è stato nel complesso il film più twittato durante il fine settimana di vacanza, con tre trend.

“Ovviamente, volevamo tutti un’uscita nelle sale per questo, e Sony è stata un ottimo partner”, ha detto DuVall a  Variety  lunedì sera. “Ma Hulu ha appena preso la palla e ha fatto un lavoro così incredibile, ed era così appassionato. È davvero incoraggiante per me che così tante persone volessero pubblicare questa storia.”

DuVall – un attrice prolifica, diventata scrittrice e regista – ha anche parlato dell’ardente amore di Internet per Riley di Aubrey Plaza, con compassione per il viaggio di Harper e la possibilità di un sequel. (AVVISO SPOILER sull’intero film, ovviamente!)

Qual è stata la tua esperienza del film in corso mercoledì e del suo ricevimento?

È stato davvero straordinario. In tutti gli anni in cui ho fatto questo lavoro, non sono mai avuto questo riscontro e così tante persone mi hanno contattato. È stato davvero fantastico. E vedere su Twitter persone che ne parlavano è stato davvero emozionante. Fare qualcosa che tante persone stavano notando, non ci sono davvero abituata. Sono davvero una ragazza che vola sotto il radar.

Mentre stavo guardando la conversazione svolgersi online durante il fine settimana, una cosa che stavo pensando è che happiest season non può essere solo un film, perché è anche un simbolo, ma penso che lo renda difficile quando lo è anche una storia che è personale per te. Puoi dire di essere  la prima  in questo tipo di situazione? È un peso?

Penso che sia un privilegio. E sì, so che essere la prima che arriva ci siano molte aspettative. Ma sentivo anche che era così tanto tempo che un film come questo fosse fatto su questa scala, sai? Tutto quello che speravo davvero era che avrebbe dato agli studi o agli streamer l’impressione che film come questo avessero un pubblico e che le persone volessero vederli. Volevo solo fare un lavoro abbastanza buono da riuscire a fare di più su scala più ampia. Quelle storie LGBTQ sarebbero – sai, che ce ne sarebbero di più!

Entrando in alcune delle cose di cui le persone hanno parlato – ovviamente, hai scritto il film in modo che Abby finisca con Harper, ma ci sono così tante persone che vogliono che Abby stia con Riley! 

Vogliono  che Abby  stia con Riley, o vogliono loro stare con Riley? Voglio dire, può anche essere entrambe le cose.

Penso che siano entrambe le cose? Ma vogliono decisamente che Abby stia con Riley.

Si. Voglio dire, ascolta: Aubrey è incredibile. È incredibile in generale ed è stata fantastica in questo film. Ero così eccitata quando ha accettato di farlo. Ed ero così eccitata quando era sul set; ero così eccitata in sala di montaggio. Essere in grado di fare un film e coinvolgere qualcuno che amo e ammiro tanto quanto amo e ammiro Aubrey – e poi vedere le persone innamorarsi di lei – è  così  gratificante. Non li biasimo per averla amata tanto quanto loro.

E penso che sia anche così bello avere un film in cui le persone hanno queste conversazioni e stanno avendo questi dibattiti. Quelle persone sono fidanzate.

Puoi parlare della creazione di Riley in generale? Cosa volevi dal suo personaggio?

Penso che ci sia qualcosa di così specifico nel momento in cui sei l’unica persona queer in una situazione e un’altra persona queer si presenta. È un tale sollievo. C’è una stenografia; c’è un conforto lì – è solo un’esperienza molto specifica. La maggior parte delle volte sono l’unica persona queer su un set, sai? E poi quando c’è un’altra persona queer lì, o una donna queer in particolare, sono immediatamente attratta da quella persona. E siamo immediatamente attratti l’uno dall’altro e si sviluppa una stenografia.

Quindi il personaggio di Riley era quello, Volevo darlo ad Abby. Volevo darle un conforto in una situazione che era difficile. Sono amica con così tante donne queer. E abbiamo una connessione molto speciale, una relazione molto speciale. Ma questo non significa che quando, tipo, sto avendo un brutto momento nella mia relazione sentimentale, scappo con loro. Anche se è Aubrey Plaza!

Forse non l’hai visto, ma ci sono interi post su quanto chiaramente Abby dovrebbe scappare con Riley. È una sorpresa?

Penso che abbia meno a che fare con il film e più con la tua filosofia sulla crescita e il perdono. Scrivere questo film dalla prospettiva di una donna di 43 anni che non è sempre stata la migliore di me stessa – è stata una strada lunga, ventosa e disordinata per arrivare alla persona che sono ora. Sono molto orgogliosa della persona che sono ora, ma non sono sempre stata quella persona. È capire che a volte devi andare in basso in modo da poter recuperare la tua strada. E capisco l’impulso di tagliare e correre, ed essere tipo,  al diavolo questo. Ma credo anche che le persone possano migliorare, crescere e cambiare. Possono riconoscere che forse il loro comportamento non è buono come sanno che può essere e che fanno uno sforzo consapevole per cambiarlo.

Credo anche che essere chiuso sia davvero doloroso. Non è un posto facile dove stare. E penso che avere compassione per qualcuno in quella situazione sia davvero importante. Il personaggio di Harper è qualcuno che penso provi molta vergogna per questo – si sente male. Niente di tutto questo è facile per lei, sai?

Ho passato quattro anni con Harper – mi sento come se la capissi e la amo così tanto. E penso che ne valga la pena. Voglio il meglio per tutti i personaggi del film. E penso che il messaggio che puoi sbagliare, che puoi fare il lavoro e migliorare sia davvero importante. Sii gentile con te stesso e abbi compassione. Perché penso che la compassione scarseggi.

Sì.

Ed è davvero come una caratteristica umana così importante, e una che non ho avuto per molto tempo. E una che crescendo, ho in qualche modo sviluppato. È qualcosa su cui ho dovuto lavorare. E ora sono così compassionevole che piango sempre alle pubblicità. Piango, tipo, al video di Dodo delle persone  che hanno lasciato il loro cane a casa quando si sono trasferiti . Non riesco a capire perché qualcuno dovrebbe fare quella scelta! Piango e piango. E il mio partner mi guarda, tipo “Cosa stai facendo?”

happiest season sequel

A tal fine, ho visto molto odio nei confronti di Harper non solo per aver portato Abby in questa situazione in primo luogo, ma che la sua prima reazione è stata quella di dire: “Non sono gay!” dopo che è stata scoperta da sua sorella Sloane (Alison Brie). Puoi parlare di come tu e Mary avete scritto quella scena?

È stato davvero il momento dell’ultima regressione. Non appena arrivano a casa, lei inizia a regredire a poco a poco, e scivola di nuovo in quella vecchia dinamica familiare. E nel momento in cui ciò accade, è al massimo della paura. Fare il coming out in questo modo è davvero intenso. Anche Sloane sta regredendo. Nel momento in cui lo fa, si rende conto: “Oh mio Dio, cosa ho appena fatto?”

Harper ha la reazione, e poi viene colpito immediatamente dalle ripercussioni. È il suo sedere, sai? Sta toccando il fondo in quel momento. Tutti i vecchi comportamenti, tutta la roba della famiglia di origine non viene solo ribollendo in superficie, ma come un geyser che scoppia. È un momento molto doloroso che alla fine è il catalizzatore per liberarsi da quel comportamento e fare la scelta che non ha mai avuto la forza di fare prima. È estremo.

Quando tu e io abbiamo parlato per la prima volta , hai detto che la lotta di Harper per tornare a casa e chiudersi ha reso il personaggio “la parte più difficile dell’intero film”.

È umanizzare questa esperienza che penso che molte persone non abbiano visto se non l’hanno vissuta. La incontri nei peggiori quattro giorni della sua vita quando non è se stessa. È stato difficile scriverla, ma anche quando stavamo lavorando con il guardaroba, perché non tornerà a casa con i suoi vestiti normali, perché sua madre li sceglierà. Sta cercando di emulare la persona che i suoi genitori vogliono che sia. Essere in grado di cogliere tutte le sfumature e farlo sembrare autentico, e farlo sentire radicato – è una sfida.

Indossa un enorme cappotto nella scena di apertura, ma il suo guardaroba è più vintage, meno attillato. È più il vero Harper. E poi immaginandola mentre si prepara, prepara la valigia e pensa: “Perché mia madre  non  mi darà del filo da torcere?” Tipper compra persino ad Harper un vestito che sembra identico a un vestito che Tipper indossa nel film. I suoi genitori cercano costantemente di trasformarla in modo sottile e non così sottile nella persona che vogliono che sia, quindi guarda tutto attraverso quella lente. Penso che sia una cosa molto reale. Che tu sia queer o no, i genitori che curano i propri figli in ogni momento è davvero soffocante.

Ci sono un buon numero di uomini gay che conosco che si sono trovati sorprendentemente attratti dalla performance di Aubrey Plaza nei panni di Riley – uno di quelli mi ha dato questa domanda, in effetti! Avevi la sensazione che le persone sarebbero state attratte dal suo personaggio in quel modo? Voglio dire, questa è una cosa completamente nuova per lei.

Perché è così magnetica?

Si.

Non penso che tu pensi davvero, tipo, tutti si innamoreranno di qualcosa. Non ci ho pensato. Sapevo che le persone l’avrebbero amata nel film. Sapevo che era fantastica. 

Quando ho intervistato Kristen Stewart , ha parlato di come la coppia debba essere minacciata, ma duh, è una commedia romantica, ovviamente stanno insieme. Ma c’è stato un momento durante il processo di scrittura di questa storia in cui Abby è rimasta sola ?

No. È molto interessante, però. Tipo, hmm – improvvisamente mi sto portando in un viaggio con quel finale alternativo.

Voglio dire, sarebbe una strana commedia romantica, immagino.

Non penso sia così strano. È una specie di “Il matrimonio del mio migliore amico”.

Vorresti fare un sequel? Tutti quei romanzi natalizi di Netflix hanno tutti dei sequel, perché non questo?

Mi piacerebbe fare un sequel.

Hai qualche idea?

Voglio dire, ho un paio di idee. Ci siamo divertiti così tanto a realizzare il film che ne stavamo parlando. Ma era anche come, chi sapeva se a qualcuno sarebbe importato del film o no? Quindi sono decisamente più che aperta all’idea.

Le persone ne saranno felici, specialmente se c’è un sequel spinoff di Riley! Clea, questo è il primo lungometraggio incentrato sulle lesbiche che è diventato virale in questo modo. Come ci si sente?

Non capisco nemmeno cosa significhi virale. In realtà faccio spesso questa battuta a casa nostra. Ad esempio, riceverò due messaggi di testo e risponderò: “Sono diventata virale”. Sono davvero così entusiasta che le persone stiano guardando il film e ne siano influenzate, e abbiano conversazioni su di esso. C’è stata così poca visibilità per qualcosa di simile a venire fuori ed essere così visibile e così visto e voluto da così tante persone – è molto entusiasmante.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page