New Amsterdam 2 x 07 “Good Soldiers” Recensione

Commento personale alla puntata

Sono sempre più preoccupata per Max e le sue visioni della moglie ormai morta, ma sono felice che finalmente abbia fatto entrare i suoi amici e colleghi in casa sua a farsi dare una mano con le faccende domestiche. Per quanto riguarda Vijay stiamo finalmente conoscendolo molto di più in questa stagione e devo dire che mi piace scoprire nuove parti della sua storia passata. Per quanto riguarda Laurel, invece, credo fortemente che riuscirà a farcela a non ricadere nell’abuso di medicinali, grazie soprattutto alle due “guardi del corpo” che ha scelto per proteggerla!!

Con questo nuovo episodio, New Amsterdam ha dimostrato ancora una volta che non c’è nessuna serie in televisione così abile nel manipolare flagrantemente le tue emozioni. Oderei felicemente questa dannata cosa se potessi, ma anche il mio cuoricino non è immune ai suoi tristi montaggi musicali, ai suoi piccoli strappi di speranza e alle sue inesorabili tragedie minori. “Good Soldiers” parlava di guarigione, a volte in modo non convenzionale, e il suo tono insolitamente cupo ha posto le basi letteralmente per un grande emotivo.

Max ha bisogno di molto più aiuto di molti altri, si sta ancora svegliando con affianco sua moglie Georgia nonostante sia … morta. La scorsa settimana ha respinto l’aiuto di Helen e questa settimana deve trovare una scusa per farlo – non vuole estranei in casa, dati tutti i piatti sporchi e le macchie di sangue. Abbastanza giusto, suppongo.

Ad ogni modo, un giovane ragazza arriva in pronto soccorso e subito dopo ci si rende conto che deve fare un’intervento chirurgico su consiglio di Lauren e Floyd, dove si scopre che ha la leucemia e ha bisogno di un trapianto di midollo osseo, ma c’è un problema ha un raro gruppo sanguigno significa che sua madre non è compatibile con lei. Suo padre è, un estraneo e sconosciuto a lei. Floyd lo chiama chiedendogli se farà la cosa giusta, mormorando che vorrebbe che suo padre avesse fatto lo stesso. Backstory! Più tardi anche quello.

Warren, sorprendentemente, arriva all’ospedale, pronto a fare finalmente bene a sua figlia, che riconosce a malapena da quanto è diventata così grande negli anni dall’ultima volta che l’ha vista. La procedura gli viene spiegata e, in una conversazione racconta a Floyd la sua storia e suggerisce che forse non avere tuo padre in giro non è sempre una brutta cosa. Ad ogni modo, dona il suo midollo osseo e poi sgattaiola via, di cui Floyd è infastidito: vorrebbe che fosse rimasto per la lunga strada che seguirà il trapianto, ma la madre di Makayla ritiene che fosse lì quando contava, e forse è abbastanza. Sembra insolitamente ragionevole.

Il paziente di Vijay è Nathan Fisk (Anthony Michael Lopez), un veterano militare affetto da PTSD a cui ovviamente bisogna fare affidamento se non – a chi altro? – Iggy. Ma nella sessione di terapia di gruppo piena di soldati litigiosi, tutti i quali hanno perso più di quello di cui sentono di poter fare a meno, diventa presto chiaro che Iggy, in un gradito cambiamento, non può assolutamente capire il loro dolore. Non ha mai combattuto per il suo paese, non ha mai perso una parte di se stesso che non può essere restituita. Lo considera una sfida per la sua esperienza e suppongo che sia empatico e escogita una soluzione terapeutica tipicamente non ortodossa: tutti eseguiranno una rappresentazione di Sofocle.

Il testo è scelto in base alla sua rilevanza per le loro esperienze di guerra; li aiuterà a trovare le parole per descrivere il loro trauma che attualmente non possiedono. Questa è la teoria, comunque. Vijay pensa che farli recitare una tragedia greca che rispecchi quasi direttamente le loro esperienze di vita reale è un po’ troppo, e forse potrebbe fare più male che bene. Vijay e Iggy stanno litigando sul modo migliore di trattare un paziente che condividono, ma a un livello più profondo, Vijay sta lottando con i suoi stessi demoni, come scopriremo.

Prima dell’esibizione, che deve avvenire di fronte a visitatori e personale riuniti, Nate decide di non riuscire a interpretare il ruolo; rivivere di nuovo le sue esperienze. Vijay si offre di prendere il suo posto, rivelando al gruppo che anche lui ha prestato servizio nell’esercito e sarebbe onorato di unirsi alla loro compagnia. Comincia così una interpretazione terribilmente commovente e fortemente accentuata di Sofocle fronteggiato da un piangente Vijay e vari spettatori toccati. Vijay interrompe la sua esibizione inginocchiandosi e baciando il terreno, finalmente privo di un segreto che aveva tenuto nascosto anche a quelli più vicini a lui.

Helen e Max hanno, invece a che fare con, un insabbiamento da esporre . La loro paziente è Elizabeth Archer (Eileen Grubba), una donna che, anni prima, era confinata su una sedia a rotelle con una piastra di metallo inserita nella sua colonna vertebrale, dopo che un tumore aveva apparentemente danneggiato la sua colonna vertebrale. Ora è senza cancro, ma la placca si è spostata, il che significa che è necessario un altro intervento chirurgico per correggerlo. Quell’intervento rivela che non ha mai avuto bisogno della piastra in primo luogo; il chirurgo causò danni irreparabili alla sua colonna vertebrale e installò la placca per coprire il suo errore. Quando Helen lo riferisce a Max, è naturalmente arrabbiato e inizia una crociata per esporre la negligenza.

I registri dell’ospedale rivelano che il tirocinante presente all’epoca era il dottor Clint Hartman, che Max spigola negli spogliatoi, pronto a distruggere qualsiasi sua possibilità di carriera. Ma Clint rivela che, nonostante sia stato giovane e inesperto e abbia detto di dimenticare ciò che ha visto, ha riferito tutto l’accaduto, al decano della medicina, Dean Fulton. Non è mai stato fatto nulla al riguardo.

Questo rende Max ancora più furioso e amareggiato. Lui e Karen Brantley tendono un’imboscata al Decano a casa sua e lo bombardano di accuse, di cui non sembra preoccuparsi troppo. Ha interiorizzato questo genere di cose come parte del lavoro. Ci si aspetta che i leader di New Amsterdam se ne occupino e, se riescono a dormire la notte, probabilmente non stanno facendo bene il loro lavoro. Max non riesce a dormire la notte, ma è perché ha le visioni della moglie morta, quindi non considera degno il costo etico. Decide di assicurarsi che il Dr. Tolman non operi mai più, anche se ciò significa che New Amsterdam ne potrebbe pagare le conseguenze duramente. Fare la cosa giusta è più importante per lui, e comunque non riesce a dormire bene, quindi perché no?

Il primo passo nel fare la cosa giusta è confessare a Elizabeth che ciò che le è successo non era necessario ed è la loro colpa. E lei non la prende bene, suggerendo l’assunzione di avvocati assetati di sangue. Ad un certo livello, questo è ciò che Max vuole. Quando Karen arriva con una generosa offerta di insediamento, la rimprovera di continuare a cercare di coprire tutto; pagare qualcuno è davvero così diverso dal nascondere un lavoro sotto una lastra di metallo? Sta invece scrivendo una nuova politica, che espone tutto e ritiene responsabili i medici, e se il loro lavoro o l’ospedale dovessero soffrire di conseguenza, allora così sia.

Lauren ha anche una buona notizia in “Good Soldiers”. È autorizzata per un secondo intervento chirurgico alla gamba, ma il suo chirurgo le fa sapere che non ha assolutamente alcuna possibilità di superarlo senza antidolorifici. Se si dilata nel recupero, la sua mobilità a lungo termine potrebbe essere minacciata, e quindi la sua posizione in ospedale, che richiede un po’ più di agilità di quanto una donna con una gamba sola possa realisticamente fornire. Informa Helen della notizia e Helen suggerisce che si possono fare eccezioni per i farmaci antidolorifici prescritti, a patto che qualcuno responsabile sovrintenda alla sua assunzione. Sarebbe lei. Ma aiuta anche avere un taskmaster che non prende prigionieri a portata di mano per cose del genere, così Lauren chiede l’aiuto al dottor Ligon per tenerla sotto controllo. È felicemente d’accordo.

Un lieto fine, almeno. Floyd, presumibilmente raggiunto un punto di svolta nella sua vita, invia a Evie un messaggio per farle sapere che vorrebbe invitare suo padre al loro matrimonio. E poi l’intera banda si presenta all’appartamento di Max. Non vuole estranei lì dentro, ma i suoi amici e colleghi difficilmente si qualificano come estranei. Per quanto riguarda il fantasma di Georgia, ottiene l’approvazione di cui ha bisogno: va bene far entrare le persone. Soprattutto se stanno per lavare i piatti.

Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.