Giornata della memoria

Giornata della memoria
Reading Time: 5 minutes

L’olocausto è un argomento incredibilmente difficile, ma ci sono stati alcuni film belli, inquietanti e commoventi su di esso.

giornata-della-memoria

Quando creano un film sull’Olocausto, uno degli eventi più orribili nella storia dell’umanità, i registi sono costretti a camminare su una linea sottile. Uno studio completo degli eventi coinvolti e dei personaggi ritratti è necessario per evitare di dare una visione imprecisa della tragedia rappresentata. Ci sono stati registi che non hanno utilizzato questo sistema, ovviamente, ma per fortuna una buona percentuale di loro ha scelto di dedicarsi al lavoro extra necessario per preservare l’accuratezza storica.

Di solito ci si può aspettare che i film creati sull’inevitabile calamità dell’Olocausto siano seri contendenti alle premiazioni, poiché i registi hanno un grado di perfezionismo più elevato quando affrontano argomenti delicati, ottenendo risultati complessivamente migliori. Oggi guardiamo film che non solo hanno trattato gli eventi catastrofici dell’Olocausto come sono accaduti, ma sono stati anche generalmente magistrali, eccellendo in qualità basate sulla produzione come la scrittura e la cinematografia. 

Ecco i migliori film per la Giornata della Memoria

Son of Soul (2015)

giornata-della-memoria

Son of Saul , un dramma storico ungherese, Saul Ausländer (Geza Rohrig) è un detenuto di Auschwitz costretto ad aiutare nello smaltimento dei corpi recuperati dalle camere a gas. Quando assiste al brutale soffocamento di un ragazzo che si rivela essere sopravvissuto alla gasazione, Saul crede che il ragazzo sia suo figlio e desidera una degna sepoltura ebraica per la giovane vittima, ma non riesce a trovare un rabbino per eseguire il rituale necessario.

Il Diario Di Anna Frank (1959)

Il film del 1959 Il diario di Anna Frank è adattato dall’omonima commedia, che a sua volta è basato sul diario della vita reale dell’adolescente olandese Anne Frank (interpretata nel film da Millie Perkins), da cui teneva mentre si nascondeva Nazisti durante la seconda guerra mondiale.

Il film descrive in dettaglio la sua vita familiare, le sue relazioni e i suoi hobby, dipingendo il tipo di quadro realistico e spesso inquietante della vita durante l’Olocausto che solo un testimone oculare può veramente fare. A sua volta, ha ricevuto intensi elogi dalla critica, vincendo otto nomination (tra cui Miglior film) e tre vittorie agli Oscar del 1960 e guadagnandosi un posto nella lista AFI dei film più stimolanti di tutti i tempi.

La Vita È Bella (1997)

giornata-della-memoria

Nel film italiano del 1997 La vita è bella , in parte basato sul libro Alla fine, ho battuto Hitler , quella che inizia come una storia d’amore apparentemente perfetta tra il fantasioso proprietario di una libreria Guido (interpretato da Roberto Benigni, che ha anche diretto il film) e la sua La bella ed erudita moglie Dora si trasforma in qualcosa di molto più orribile quando l’intera famiglia (compreso il figlio Giosué) viene mandata in un campo di concentramento, dove vengono divisi per genere.

Guido usa il suo ingegno per trasformare la sopravvivenza contro i mali del campo in un gioco per il giovane Giosué, promettendo una ricompensa futura se il ragazzo completa con successo i compiti necessari per tenersi fuori dai guai. La bellissima (e strappalacrime) storia di amore e devozione è diventata un enorme successo al momento del rilascio, diventando uno dei film in lingua straniera con il maggior incasso di tutti i tempi e vincendo tre premi Oscar.

Il Pianista (2002)

giornata-della-memoria

Diretto da Roman Polanski , Il pianista del 2002 racconta la vera storia del sopravvissuto all’Olocausto Władysław Szpilman (interpretato da Adrien Brody), che decide di nascondersi a Varsavia durante la seconda guerra mondiale nonostante le autorità tedesche popolassero l’area, assistendo a molte delle più grandi operazioni di resistenza della guerra e alla fine essere salvato dalla scoperta dall’eroico ufficiale tedesco Wilm Hosenfeld.

Il film è stato distribuito con il plauso della critica, ottenendo elogi per la sua recitazione, storia e qualità artistiche, e ha ricevuto sette nomination e tre Oscar al 75esimo Academy Awards.

Schindler’s List (1993)

Uno dei film più universalmente riconosciuti degli ultimi trent’anni, il successo di Steven Spielberg del 1993 Schindler’s List è rimasto nel cuore di coloro che lo hanno visto molto tempo dopo che lo schermo è diventato nero. Il film segue Oskar Schindler (Liam Neeson), un magnate tedesco che salvò la vita a centinaia di ebrei durante l’Olocausto impiegandoli nella sua vasta selezione di fabbriche di smalti e munizioni.

Il film ha ricevuto il plauso universale per la sua storia, che non evita mai gli elementi più raccapriccianti della persecuzione, la scrittura, che mostra momenti teneri di cruda umanità, e la recitazione, che è stata descritta da molti punti vendita come brillante e ben realizzata. Mentre molti di questi film sono straordinari di per sé, Schindler’s List si distingue come il film raro che colpisce tutte le note giuste.

Il BAMBINO con il pigiama a righe (2008)

Il bambino con il pigiama a righe è una storia vista attraverso gli occhi innocenti di Bruno, il figlio di otto anni del comandante di un campo di concentramento, che stringe amicizia con un ragazzo ebreo dall’altra parte della recinzione del campo. Il film è tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore irlandese John Boyne. È un film brillante sulle linee che ci dividono e sull’innocenza dell’infanzia in contrasto con le crudeltà della guerra in un mondo adulto.

La scelta di Sophie (1982)

giornata-della-memoria

Interpretato da una giovane Meryl Streep (che ha vinto l’Oscar come migliore attrice per questo film), La scelta di Sophie parla di un’immigrata polacca di nome Sophie che condivide una pensione a Brooklyn con il suo amante, Nathan, e un giovane scrittore, Stingo. Sembrano condurre una vita felice e spensierata ma, mentre il film avanza, i flashback rivelano gli orribili ricordi di Sophie di un campo di concentramento nazista e le difficili scelte che ha dovuto fare per sopravvivere.

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page