First Look alla serie Lord of the Rings: The Rings of Power

Reading Time: 15 minutes

Articolo preso e tradotto da vanityfaircom

Il mondo di Galadriel è un mare in tempesta. Lungi dalla saggia ed eterea regina degli elfi che Cate Blanchett ha portato negli acclamati film di Peter Jackson, la Galadriel interpretata da Morfydd Clark nella prossima serie di Amazon Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potereè migliaia di anni più giovane, arrabbiata e sfacciata quanto intelligente, e certa che il male incombe più vicino di quanto chiunque possa immaginare. 

Galadriel (interpretata da Morfydd Clark)

Nell’episodio due, i suoi avvertimenti la portano alla deriva, letteralmente e in senso figurato, fino a quando non lotta per la sopravvivenza su una zattera nei mari tempestosi di Sundering Sea insieme a un naufrago mortale di nome Halbrand (Charlie Vickers), che è un nuovo personaggio introdotto nello show. Galadriel sta combattendo per il futuro; Halbrand sta scappando dal passato. I loro destini intrecciati sono solo due delle storie intrecciate per una serie TV che, se funziona, potrebbe diventare un fenomeno globale. Se non è all’altezza, potrebbe diventare un ammonimento per chiunque, per citare JRR Tolkien, scava troppo avidamente e troppo in profondità.

Ecco tutto quello che sappiamo sulla serie di Lord of the Rings

La serie di Amazon, che debutterà su Prime Video il 2 settembre, non è basato su un romanzo di Tolkien in sé, ma sul vasto retroscena che ha esposto nelle appendici della trilogia del Signore degli Anelli . Cinque stagioni probabilmente costeranno allo studio ben oltre $ 1 miliardo. Quel tipo di budget potrebbe decimare la maggior parte degli altri studi, ma Tolkien, come i viaggi nello spazio, è un’ossessione personale per il fondatore di Amazon Jeff Bezos, che è tra le persone più ricche del mondo. Questa è un’impresa commerciale di grande valore che gli consentirà di creare la serie TV più costosa ed elaborata mai realizzata. 

Sebbene Jackson non sia collegato al progetto, i suoi film, così come il loro successore spirituale Il Trono di Spade, ha dimostrato che c’è un vasto pubblico per il fantasy immersivo. Naturalmente, molti hanno cercato di catturare lo stesso pubblico e pochi sono sopravvissuti o hanno prosperato.

first look the rings of power lord of the rings
Galadriel, comandante degli eserciti del nord.

A causa dell’immensa ricchezza di Bezos, The Rings of Powerè in realtà un rischio meno finanziario che reputazionale. Amazon ha bisogno di affermare definitivamente che può produrre spettacoli di prestigio giganteschi e, con questa serie, sta corteggiando il pericolo aggiuntivo di modificare ed elaborare il canone di un amato narratore. 

Gli showrunner, Patrick McKay e JD Payne, sono terribilmente consapevoli della pressione. La loro serie si destrerà tra 22 stelle e trame multiple, dalle profondità delle miniere di nani delle Montagne Nebbiose all’alta politica del regno elfico di Lindon e alla potente isola umana simile ad Atlantide, Númenor. Tutto questo si concentrerà, alla fine, attorno all’incidente che dà il nome alla trilogia. 

“La forgiatura degli anelli”, afferma McKay. «Anelli per gli elfi, anelli per i nani, anelli per gli uomini, e poi l’unico anello che Sauron usava per ingannarli tutti. È la storia della creazione di tutti quei poteri, da dove vengono e cosa hanno fatto a ciascuna di quelle razze”. La domanda alla base della produzione, aggiunge, era questa: “Possiamo inventare il romanzo che Tolkien non ha mai scritto e farlo come la serie di mega eventi che potrebbe accadere solo ora?”

La sopravvivenza di Galadriel in mare non è solo un punto cruciale della storia all’inizio della serie, ma gli showrunner lo ricordano come un momento cruciale sul set in Nuova Zelanda nel marzo 2020.

“Morfydd era da pochi giorni a essere Galadriel, il che probabilmente è terrificante ”, dice McKay. “Lei è in acqua. Ci sono molti effetti visivi. C’è musica e luce”. Ma nonostante la scena importante di fronte a loro, la troupe dello show era incollata ai loro telefoni: in 45 minuti, si è sparsa la voce che nella vicina Australia Tom Hanks aveva contratto il COVID, l’NBA aveva annullato la sua stagione e l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva dichiarato un pandemia. “Stiamo solo dicendo: ‘Oh, mio ​​Dio, cosa faremo? Dovremo chiudere tutto’”, afferma McKay. Il panico ha metastatizzato, scatenando altre ansie, grandi e piccole. “E’ stato terrificante. ‘Dio mio, qualcuno capirà cosa stiamo cercando di fare qui? È troppo ambizioso? Non abbiamo idea di cosa accadrà domani.’ “

“Riesci a immaginare di tornare in un mondo così amato e affrontare l’asticella dei film di Peter Jackson? Eravamo, tutto il tempo, molto consapevoli delle enormi aspettative. “

Ma uno per uno, l’equipaggio ha messo giù i telefoni. “Tutti si stavano accalcando intorno al monitor mentre stavamo girando questo primo piano in cui il viso di Galadriel riempie lo schermo e lei piange, e decide: devo combattere ”, dice McKay. Non appena la scena è finita, il palcoscenico è esploso in applausi. “E’ un perfetto esempio di come Tolkien e la Terra di Mezzo abbiano un modo per trovarti, anche nei momenti più bui e incerti”, dice Payne.

Qualunque altro caos potesse capitargli, finalmente sentivano di essere sulla strada giusta. I primi tre episodi, che VF ha visto, suggeriscono che lo fossero. Lo spettacolo è un sontuoso e avvincente mix di intrighi di palazzo, magia, guerra e mitologia e ci sono abbastanza misteri per alimentare un migliaio di podcast. Alcuni personaggi saranno familiari e saranno l’attrazione iniziale mentre gli spettatori osservano il loro destino leggendario svolgersi. Ma i volti completamente nuovi potrebbero alla fine diventare ancora più coinvolgenti, dal momento che i loro destini sono letteralmente non scritti.

Owain Arthur  nei panni del principe Durin IV, principe del vivace regno sotterraneo di Khazad-dûm
first look the rings of power lord of the rings
La principessa nana Disa, interpretata da Sophia Nomvete, in piedi all’ingresso di Khazad-dûm.
L’elfo silvano Arondir, interpretato da Ismael Cruz Córdova, è un personaggio creato per la serie.

In precedenza, questa parte della storia era più famosa come rovine. Dopo il successo del suo racconto per bambini del 1937, Lo Hobbit, Tolkien riportò la sua attenzione su un volume di storia della Terra di Mezzo, che i suoi editori rifiutarono. (Una versione più completa fu pubblicata postuma come Il Silmarillion. ) Quindi, mentre la seconda guerra mondiale della sua vita infuriava intorno a lui, Tolkien creò un’avventura su esseri di società molto diverse mettendo da parte le loro differenze per sradicare un male prepotente. Questo, ovviamente, era Il Signore degli Anelli.

In quella storia, un’improbabile compagnia si avventura a Mordor per distruggere l’anello di Sauron. Lungo la strada, Tolkien voleva che i personaggi attraversassero un paesaggio sfregiato pieno dei resti delle molte civiltà e battaglie precedenti. Il loro viaggio, dopotutto, non consisteva nell’affrontare un nuovo pericolo, ma infine nell’eradicarne uno antico, un flagello della malvagità che aveva tormentato la terra per eoni. Tolkien inventò interi regni, poi li fece crollare come sfondo.

Galadriel e Halbrand (Charlie Vickers) si incontrano in circostanze terribili.

L’effetto ha funzionato fin troppo bene. Dopo la pubblicazione di The Fellowship of the Ring e The Two Towers , rispettivamente nel luglio e nel novembre del 1954, i lettori divennero ossessivi. “La maggior parte delle persone vuole più (e migliori) mappe”, scrisse Tolkien a un amico nel 1956. “I musicisti vogliono melodie e notazioni musicali. Gli archeologi chiedono informazioni su ceramica, metallurgia, strumenti e architettura…. Gli storici richiedono maggiori dettagli sulla struttura sociale e politica”. Per dare loro tutto, Tolkien informò il suo editore, “avrebbe richiesto un libro almeno delle dimensioni del vol. 1.”

Invece, prendendo in prestito dal suo rifiutato Silmarillion, ha spremuto migliaia di anni di storia in circa 150 pagine di poscritto, che divennero note come le Appendici. Queste linee temporali, genealogie e note sulla lingua e la cultura divennero così importanti per Tolkien che interruppe persino la pubblicazione del libro finale, Il ritorno del re, per completarle. “Svolgono un ruolo importante nel produrre l’effetto totale”, spiegò Tolkien a un editore straniero nel 1961, “producendo il senso irresistibile della realtà storica”.

Dopo la morte di Tolkien, suo figlio Christopher prese le redini della tenuta ed era notoriamente protettivo, se non intransigente, riguardo agli adattamenti del lavoro di suo padre, temendo la commercializzazione a ogni passo. “A Christopher non piaceva davvero Il Signore degli Anelli di cipolla e la glorificazione della violenza fine a se stessa”, afferma lo studioso di Tolkien e professore del Wheaton College Michael Drout. “Era nato nel 1924, quindi il grande franchise di film con effetti speciali non era qualcosa a cui importava. Se suo padre non avesse venduto tutti i diritti del Signore degli Anelli e degli Hobbit per pagare le tasse di successione, non credo che Christopher le avrebbe vendute.

first look the rings of power lord of the rings
Elrond (Robert Aramayo) è un giovane leader elfo politicamente ambizioso. 

Nel corso degli anni Christopher Tolkien ha lasciato sul tavolo offerte redditizie per altro materiale della Terra di Mezzo. Ma nel 2017, mentre si preparava al ritiro, i Tolkiens hanno tenuto un’asta sorprendente. Stavano vendendo i diritti delle Appendici che delineavano ciò che l’autore aveva definito la Seconda Era della Terra di Mezzo, insieme a qualsiasi riferimento a quel periodo ne Il Signore degli Anellisi. Se non sei aggiornato sulla tua età, il secondo è (apparentemente) un momento di pace per la Terra di Mezzo dopo un’era di orrore e conflitto. 

Il malvagio dio Morgoth è stato sconfitto e il suo apprendista, Sauron, è scomparso. All’inizio della serie, Galadriel sta dando la caccia agli ultimi resti dei loro collaboratori, che hanno reclamato la vita di suo fratello. La Terza Era, e le avventure di Frodo, Sam e la compagnia, attende migliaia di anni nel futuro.

Il prezzo di partenza per l’asta della tenuta di Tolkien era di 200 milioni di dollari, il che sarebbe stato un non inizio se non fosse stato per l’ossessione dell’industria di trovare il prossimo Game of Thrones. E il denaro non era l’unico fattore scoraggiante. Una manciata di personaggi senza età, come gli elfi Galadriel ed Elrond, potrebbero apparire nella nuova serie come se stessi più giovani, ma lo studio che la realizza dovrebbe rinunciare agli hobbit e ai maghi preferiti dai fan, che non erano i principali attori della Seconda Era . La tenuta di Tolkien voleva anche un input nella direzione della serie.

Questo tipo di budget potrebbe decimare altri studi, ma Tolkien, come i viaggi nello spazio, è un’ossessione personale per Jeff Bezos.

Il potenziale vantaggio, tuttavia, era uno spettacolo imperdibile con un pubblico integrato che poteva virtualmente garantire la sopravvivenza nella Grande Guerra Globale dello Streaming. HBO e Netflix erano tra gli offerenti, ma il team Amazon di Bezos ha vinto i diritti per $ 250 milioni. 

“Personalmente è un grande fan di Tolkien, è incredibilmente appassionato di tutto questo e molto esperto”, afferma Jennifer Salke, a capo degli Amazon Studios. “Il suo desiderio di essere ambiziosi, e per noi ambiziosi con i nostri contenuti, è sempre stato chiaro dal momento in cui sono arrivato qui. Questo si adattava perfettamente a quella grande ambizione, quella di affrontare qualcosa che richiederebbe l’intera azienda che lavora insieme per essere eseguita”.

Amazon non confermerà il budget dello show, ma oltre ai soldi per i diritti, il governo della Nuova Zelanda ha fissato le spese di produzione a 462 milioni di dollari solo per la prima stagione. Quella cifra include la costruzione di infrastrutture che verranno utilizzate nelle stagioni successive ed è stata compensata da uno sconto fiscale di 108 milioni di dollari. Ma al contrario, la recente serie fantasy di Amazon The Wheel of Time sarebbe costata 80 milioni di dollari a stagione. Una volta preso in considerazione l’eventuale campagna di marketing globale, e il costo di quelle stagioni successive, non c’è dubbio che The Rings of Power alla fine supererà il miliardo di dollari.

first look the rings of power lord of the rings
Bronwyn (interpretato da Nazanin Boniadi) con il suo amore proibito, Arondir (Ismael Cruz Córdova), nel villaggio di Tirharad.

Proprio come Tolkien ha affidato la sua ricerca a Frodo Baggins e Samwise Gamgee, Amazon ha scelto due improbabili nuovi arrivati. McKay e Payne sono amici del liceo della Virginia settentrionale che scrivono insieme a Hollywood da 13 anni. The Rings of Power è il loro primo elenco IMDB accreditato. Loro sanno, è sbalorditivo anche per loro. 

“Abbiamo lavorato su così tanti progetti con così tante persone fantastiche ed eccitanti che non sono mai state realizzate o lavorato su cose che sono state realizzate e non abbiamo ottenuto riconoscimenti”, afferma McKay. “Eravamo un po’ un cavallo oscuro. E Amazon ha parlato con tutti, chiunque avesse un’idea per Il Signore degli Anelli.”Aggiunge Payne: “Eravamo appassionati del materiale e avevamo una ripresa che corrispondeva agli appetiti e alle ambizioni di Amazon”. 

Apparentemente avevano anche un importante campione in JJ Abrams, che li conosceva dai loro scritti in un film di Star Trek e, secondo quanto riferito, ne cantava le lodi.

Presentare 50 ore di televisione ai dirigenti di Amazon, e alla fine anche alla famiglia Tolkien, è stato arduo ma niente in confronto allo scrivere, produrre e dare vita allo spettacolo. “Ci sentivamo degli hobbit”, dice Payne. “Ci siamo sentiti come due persone molto piccole in un mondo molto grande a cui era appena stato affidato qualcosa che significava così tanto per così tante persone diverse”. Gli showrunner si sono ritrovati a citare la famosa battuta di Frodo dalla fine di The Fellowship of the Ring. “Patrick ed io ci guardiamo spesso nei momenti difficili dello spettacolo e diciamo: ‘Sono felice che tu sia con me, Sam.’ “

“Lui è Sam”, aggiunge McKay. “Sto scherzando, io sono Sam.”

Elrond e Galadriel si riuniscono nel maestoso regno elfico di Lindon. 

Un progetto di queste dimensioni non verrebbe mai realizzato da solo. I dirigenti di Amazon, ancora relativamente nuovi ai contenuti originali, hanno riunito un team di supporto esperto. Il co-produttore esecutivo di Game of Thrones Bryan Cogman è intervenuto come consulente per aiutare McKay e Payne a far decollare il progetto, e il regista veterano JA Bayona ( Jurassic World: Fallen Kingdom ) ha stabilito il tono della serie dirigendo i primi due episodi .

Bayona è stata attratta non solo dalla sceneggiatura del duo, ma anche dalla loro disponibilità ad accettare consigli. “Fin dall’inizio, mi sono fidato di questi ragazzi”, dice Bayona. “Sapevo cosa stavano passando e loro sapevano cosa stavo passando anche io, perché puoi immaginare di tornare in un mondo così amato e [affrontare] l’asticella dei film di Peter Jackson? Eravamo, tutto il tempo, molto consapevoli delle enormi aspettative”.

Si è formata una borsa di studio.

first look the rings of power lord of the rings
La Bronwyn di Nazanin Boniadi è una madre single e guaritrice, vista qui nella sua farmacia nelle Terre Meridionali della Terra di Mezzo.

Finora Amazon non ha detto praticamente nulla del suo spettacolo. La segretezza ha infastidito alcuni fandom, abituati, com’erano, alla stretta relazione e al flusso costante di informazioni dietro le quinte da Jackson e New Line Studios. Si può davvero rovinare un testo di 66 anni? Dato che molti non hanno familiarità con le Appendici, la risposta è in realtà sì. “Riteniamo che tutto questo lavoro, tutta quella sicurezza e tutta quella protezione andranno effettivamente a vantaggio dei nostri clienti”, afferma Vernon Sanders, capo della televisione statunitense/globale per Amazon. 

Da parte sua, Salke pensa che la segretezza e l’intensa curiosità dei fan che genera siano salutari per lo spettacolo. “Chiunque stia esaminando, o inseguendo volantini, o cercando di sbirciare in ogni crepa possibile per ottenere dettagli, o addirittura speculare, è tutta una questione di coinvolgimento e passione dei fan. Quindi lo vediamo come tale”, dice. “La speculazione è benvenuta”. Il silenzio radio è stato la norma con Marvel, DC,Star Wars e Game of Thrones dell’ultima stagione , ma le tattiche clandestine di Amazon hanno raggiunto nuovi livelli. Anche i membri del cast sono stati assunti senza che gli fosse stato detto quali parti avrebbero interpretato.

C’è stata una fuga di notizie nel 2019 che, per quanto innocua, ha preoccupato alcuni di coloro che guardavano da lontano. Lo studioso di Tolkien residente nello spettacolo, un accademico ampiamente rispettato di nome Tom Shippey, ha rilasciato un’intervista apparentemente non autorizzata a un sito di fan tedesco a luglio, esprimendo un parere su ciò che lo spettacolo poteva e non poteva esplorare. Non molto tempo dopo, Shippey non era più coinvolto nella serie. 

Sia lui che gli showrunner si rifiutano di dire cosa sia successo esattamente, ma l’ovvia ipotesi è stata fatta dai fan. “Sembra che l’NDA sia fondamentalmente ‘Se lo dici a qualcuno, possiamo metterti attraverso una cippatrice'”, dice Drout, il professore di Tolkien. Amazon non condivide più i nomi dei suoi studiosi.

The Rings of Power ha perso alcuni altri giocatori lungo la strada, inclusi gli attori Will Poulter e Tom Budge. Insieme all’abbandono di Shippey, dello scenografo Rick Heinrichs e di uno dei dirigenti che hanno aiutato a negoziare l’accordo con Tolkien in primo luogo, la responsabile del genere Amazon Susan Tal Yguado, quelle perdite hanno suscitato preoccupazione sul fatto che la produzione fosse caotica all’inizio. Ma i fan dei film ricorderanno che Stuart Townsend è stato sostituito da Viggo Mortensen anche dopo aver iniziato a brandire una spada in Nuova Zelanda. In qualsiasi viaggio lungo, insistono i dirigenti e gli showrunner, è inevitabile che alcuni non completino il viaggio.

Il regista JA Bayona indica la strada a due cacciatori nomadi che vagano per i campi della Terra di Mezzo.

Come fan del genere per tutta la vita, Payne e McKay capiscono l’ansia che alcuni provano per lo spettacolo. “Sappiamo cosa vuol dire anticipare qualcosa ed essere terrorizzati dal fatto che non sarà quello che speri”, afferma McKay. “Siamo stati quei ragazzi molte volte.” Il duo può ufficialmente risolvere alcune preoccupazioni.

Dopo che è stata diffusa la notizia che Amazon aveva assunto un coordinatore dell’intimità per il suo set in Nuova Zelanda, alcuni fan hanno temuto che la produzione potesse aver perso di vista ciò che rende Tolkien Tolkien. “La mia preoccupazione sarebbe se diventasse un Trono di Spade nella Seconda Era”, dice Dimitra Fimi, studioso di Tolkien e docente all’Università di Glasgow. “Non sarebbe ciò che si assocerebbe alla visione di Tolkien. Sarebbe anche derivato”.

first look the rings of power lord of the rings
Gli showrunner Patrick McKay (a sinistra) e JD Payne (a destra) sul set neozelandese di 
The Rings of Power. 

Quindi ci saranno livelli occidentali di violenza e sesso nella Terra di Mezzo di Amazon? In breve, no. McKay dice che l’obiettivo era “fare uno spettacolo per tutti, per i ragazzi di 11, 12 e 13 anni, anche se a volte potrebbero dover tirare su la coperta sugli occhi se è un po’ troppo spaventoso. Abbiamo parlato del tono nei libri di Tolkien. Questo è materiale che a volte fa paura, a volte molto intenso, a volte piuttosto politico, a volte piuttosto sofisticato, ma è anche commovente, rassicurante e ottimista. Si tratta di amicizia e di fratellanza e perdenti che superano la grande oscurità”.

Un’altra preoccupazione: la serie metterà gli hobbit nella Seconda Era? Insomma (si fa per dire), sì e no. 

“Una delle cose molto specifiche che dicono i testi è che gli hobbit non hanno mai fatto nulla di storico o degno di nota prima della Terza Era”, dice McKay. “Ma davvero, ti sembra la Terra di Mezzo se non ci sono hobbit o qualcosa di simile agli hobbit?” 

Gli antenati hobbit di quest’epoca sono chiamati harfoots. Potrebbero non vivere nella Contea, ma sono abbastanza vicini agli hobbit. 

McKay e Payne hanno costruito una società pastorale che prospera sulla segretezza e sull’evasione dei rilevamenti in modo che possano interpretare una sorta di Rosencrantz e Guildenstern sono mortistoria a margine delle missioni più grandi. Due adorabili e curiosi scaltri, interpretati da Megan Richards e Markella Kavenagh, incontrano un misterioso uomo perduto la cui origine promette di essere uno degli enigmi più allettanti dello show.

La domanda guida alla base della produzione: “Possiamo inventare il romanzo che Tolkien non ha mai scritto e farlo come la serie di mega eventi che potrebbe accadere solo ora?”

La serie di Amazon amplierà anche la nozione di chi condivide il mondo della Terra di Mezzo. Una trama originale è incentrata su un elfo silvano di nome Arondir, interpretato da Ismael Cruz Córdova, che sarà la prima persona di colore a interpretare un elfo sullo schermo in un progetto di Tolkien. È coinvolto in una relazione proibita con Bronwyn, un guaritore di villaggio umano interpretato da Nazanin Boniadi, un attore britannico di origini iraniane. 

Altrove, un britannico di origine giamaicana, Sir Lenny Henry, interpreta un anziano zotico, e Sophia Nomvete ha un ruolo da rubare la scena nei panni di una principessa nana di nome Disa, essendo quest’ultima la prima donna di colore a interpretare una nana in Il Signore degli Anelli film, nonché la prima nana femmina. “Ci è sembrato naturale che un adattamento del lavoro di Tolkien riflettesse l’aspetto reale del mondo”, afferma Lindsey Weber, produttrice esecutiva della serie. “Tolkien è per tutti. Le sue storie parlano delle sue razze immaginarie che fanno del loro meglio quando lasciano l’isolamento delle proprie culture e si uniscono”.

Quando Amazon ha pubblicato le foto del suo cast multiculturale, anche senza i nomi dei personaggi o i dettagli della trama, lo studio ha subito un attacco riflessivo da parte dei troll, il tipo online anonimo. “Ovviamente ci sarebbero state pressioni e contraccolpi”, dice la studiosa di Tolkien Mariana Rios Maldonado, “ma la domanda è da chi? Chi sono queste persone che si sentono così minacciate o disgustate dall’idea che un elfo sia nero, latino o asiatico?”

Anche i fan più accaniti che considerano sacrosanto il lavoro di Tolkien riconosceranno il suo messaggio di unità. Rimanere fedeli a questo è importante quanto realizzare la sua visione di luoghi e personaggi di quest’epoca poco conosciuta nella sua narrativa. Vedremo finalmente la piena gloria di Khazad-dûm, la necropoli cavernosa scavata nelle Montagne Nebbiose, dove, ne La Compagnia dell’Anello di Jackson,Gandalf gridò notoriamente al Balrog: “Non passerai!” 

Lo spettacolo esplorerà quel regno quando era ancora pieno di luce, cibo e musica. Porterà anche in vita il fabbro elfico Celebrimbor (Charles Edwards), poiché la sua abilità con i metalli e la magia porterà alla forgiatura degli anelli. E un giovane e astuto architetto e politico elfo di nome Elrond (Robert Aramayo) salirà alla ribalta nella mistica capitale Lindon. Un’altra trama seguirà un marinaio di nome Isildur (Maxim Baldry) anni prima che diventi un guerriero e tagli l’anello di corruzione dell’anima dalla mano di Sauron, per poi cadere lui stesso vittima dei suoi poteri.

first look the rings of power lord of the rings
Charlie Vickers nei panni di Halbrand, un nuovo personaggio che è un fuggitivo dal suo stesso passato.

Parlando di Sauron, la presenza del cattivo è un fattore importante per tutta la Seconda Era, culminando nella sua resurrezione come tiranno. All’inizio dello spettacolo, ci sono solo accenni del pericolo in arrivo. Alcuni li vedono chiaramente; altri non lo vogliono necessariamente. Bayona ha attinto dai suoi ricordi di quando è cresciuto in Spagna, un paese che si sta ancora riprendendo da una guerra civile decenni prima della sua nascita. 

“Abbiamo avuto una dittatura per 40 anni, quindi si notano le ripercussioni della guerra e l’ombra del passato”, dice, notando che “Shadow of the Past” è in effetti il ​​titolo del primo episodio. 

“Penso che tutto questo riguardi le ripercussioni della guerra. C’è un’idea che sembra molto fedele a Tolkien, che è l’intuizione. Galadriel ha l’intuizione che le cose non sono aggiustate, e c’è ancora qualcosa in agguato”.

Nei romanzi, le cose di cui sopra si svolgono nel corso di migliaia di anni, ma Payne e McKay hanno compresso gli eventi in un unico momento. È la loro più grande deviazione dal testo e sanno che è un grande cambiamento. “Abbiamo parlato con la tenuta di Tolkien”, dice Payne. “Se sei fedele all’esatta lettera della legge, racconterai una storia in cui i tuoi personaggi umani muoiono ogni stagione perché stai saltando 200 anni nel tempo, e quindi non ti incontrerai davvero in grande , importanti personaggi canonici fino alla quarta stagione. Guarda, potrebbero esserci dei fan che vogliono che facciamo un documentario sulla Terra di Mezzo, ma racconteremo una storia che unisce tutte queste cose”.

Gli showrunner hanno chiaramente un grande rispetto per Tolkien, ma non puoi fare un adattamento di 50 ore senza correre rischi creativi. “Pensiamo che il lavoro alla fine parlerà da sé”, dice Payne quando gli viene chiesto se le preoccupazioni e le speculazioni dei fan lo innervosiscono mai. “Prima che un’orchestra inizi, il pubblico parlerà tra loro, ma poi non appena inizia la musica, sei dentro e stai ascoltando quella musica”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page