First Kill Stagione 1 Recensione

First Kill Stagione 1 Recensione
Reading Time: 4 minutes

Indice dei contenuti

Qui la nostra recensione del primo episodio di First Kill

Questo il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale alla prima stagione

È sicuramente imperfetto, ma ci sono abbastanza idee convincenti in First Kill che il mondo e i suoi personaggi potrebbe avere un seguito oltre questa stagione iniziale.

first kill stagione 1 recensione

Ma ecco cosa ci mostra la prima stagione di First Kill

Guarda, è sempre ovvio e cliché confrontare le storie di amanti sfortunati con Romeo e Giulietta , ma in tutta onestà, la nuova serie LGBTQ+ di Netflix in otto parti, First Kill , fa riferimento alla commedia del Bardo in modo piuttosto esplicito. 

In effetti, arriva persino al punto che i suoi personaggi centrali trascorrono la notte in un letto in un set del liceo costruito per una interpretazione dell’opera teatrale, e occasionalmente fa alcune citazioni. I confronti non sono esattamente sottili.

Ma la dinamica è, almeno, aggiornata. Ora è più precisamente Juliet & Juliet , anche se uno di loro è un vampiro e l’altro è un cacciatore di mostri, il che è un dilemma ancora più precario rispetto al testo originale. 

First Kill fa anche un ulteriore passo avanti avendo Juliette (Sarah Catherine Hook) – oh, sì, si chiama letteralmente Juliette – come rampollo di un’antica, virtualmente indistruttibile linea di vampiri purosangue chiamata Legacies, mentre la sua corteggiattrice, Calliope (Imani Lewis) , è la piccola di una cucciolata di cacciatori di mostri nati e cresciuti per i quali un’eliminazione dell’eredità sarebbe l’equivalente di un pescatore occasionale che aggancia il mostro di Loch Ness.

first kill stagione 1 recensione

Com’era prevedibile, però, nessuna delle due ragazze si adatta davvero alle rispettive famiglie e alle loro dinastie leggendarie. Jules è al culmine della sua prima uccisione, una sorta di momento di crescita per i vampiri adolescenti i cui appetiti stanno diventando troppo forti per essere soppressi dalle pillole di sangue, letteralmente capsule di sangue. 

Ma non è il tipo da sminuire gli innocenti, quindi nonostante i suoi genitori Margot (Elizabeth Mitchell) e Sebastian (Will Swenson) e sua sorella maggiore Elinor (Gracie Dzienny, straordinaria), le ricordano costantemente quanto sia importante per la reputazione della famiglia, Jules è riluttante ad affondare i denti in qualcuno o qualcosa.

Fino a quando non incontra la nuova ragazza Calliope, che dovrebbe anche lei fare la sua prima uccisione dopo aver fallito il suo tentativo iniziale e aver visto i suoi fratelli, Theo (Phillip Mullings Jr.) e Apollo (Dominic Goodman), accumulare liste di vittime. Sotto la pressione dei suoi genitori, Talia (Aubin Wise) e Jack (Jason Robert Moore), Cal decide che Jules sarà la sua prima uccisione, proprio come Jules decide che Cal sarà la sua. E così, abbiamo la nostra configurazione.

Ovviamente ci sono molte metafore intessute in questa narrazione, poche sottili. Ma c’è qualcosa di divertente in un punto visivo così ovvio come un barattolo di ciliegie che si rovescia sul pavimento di una dispensa quando le ragazze si baciano per la prima volta. 

La narrazione che chiude ogni episodio, che Jules e Cal forniscono alternativamente, è un tocco troppo sul naso, ma la mancanza di pretese dello show è piuttosto affascinante. Sta cercando di divertirsi; avere il suo frutto proibito e mangiarlo se vuoi.

In che misura ciò costituisca un problema dipenderà dai desideri specifici del singolo spettatore. First Kill vuole essere un dramma adolescenziale, ma vuole anche essere una storia fantasy legittima con una mitologia relativamente ampia che coinvolge letteralmente il Giardino dell’Eden.

Un thriller quasi politico su antiche dinastie familiari dispettose e, talvolta, persino un mostro horror , trascinando fuori una banda di bestie nate attraverso quella che sembra la computer grafica dell’era PS2. 

first kill stagione 1 recensione

E non è solo il genere con cui gioca lo spettacolo, ma il tono: uno dei momenti più sorprendenti e brutali della stagione è immediatamente seguito da una risata di sciocchezza.

Anche in questo caso, potrebbe non essere un problema per alcuni, ma a volte è stato un problema per me, anche se First Kill mi è piaciuto molto più di quanto mi aspettassi grazie al suo cast capace e alla sua capacità di sorprendere. 

I fan di una certa età lo mangeranno, opportunamente, in particolare i pezzi più sbarazzini e alcuni aspetti della costruzione del mondo più ampio che implicano tutti i tipi di temi e idee interessanti che questi otto episodi non hanno il tempo di esplorare. 

Lo stesso si può dire per vari personaggi secondari che ottengono un’introduzione ma poco in termini di profondità o sviluppo; ci sono almeno un paio di serie spin-off qui se le stai cercando, per non parlare di un altro paio di stagioni, se tutto dovesse andare abbastanza bene da spingere Netflix a tuffarsi più a fondo nelle sue tasche apparentemente senza fondo.

Potremmo aspettarci una seconda stagione?

E quel tipo di serie TV a misura di fan pronta per i meme è esattamente ciò di cui Netflix ha bisogno, dati i suoi recenti problemi di borsa e la base di abbonati in diminuzione. 

First Kill non è il prossimo Stranger Things , ma non c’è motivo per cui non possa essere qualcosa del genere, a patto che trovi il pubblico giusto.

Certo, non è buono come qualsiasi stagione di Stranger Things , ma in questi giorni è quasi fuori luogo. Essere così accuratamente coltivato per creare fandom e presumibilmente entusiasti headcanon – la serie è già adattata da un racconto del creatore VE Schwab – probabilmente darà allo spettacolo un sacco di chilometraggio della cultura pop tradizionale e, in un certo senso, direi che lo merita. 

Potrebbe essere un po’ avverso alla profondità, e potrebbe non essere sempre eseguito nel modo più convincente, ma penso davvero che ci sia qualcosa qui che risuonerà con un numero sufficiente di persone da suscitare scalpore, anche se è solo piccolo.

first kill stagione 1 recensione

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page