fbpx

Fear Street Part Two: 1978 Recensione

Reading Time: 5 minutes
TRAMA FEAR STREET PART TWO 1978

Shadyside, 1978. La scuola è finita e le attività estive al campeggio Nightwing stanno per iniziare. Ma quando un’altra possessione scatena istinti omicidi, il divertimento sotto il sole diventa una spietata lotta per la sopravvivenza.

fear street 1978

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale al film

Raccontando una storia che abbraccia 300 anni in tre film, Leigh Janiak e gli scrittori hanno intrapreso una ricerca selvaggiamente audace. Forse, è comprensibile che la parte centrale diventi un po’ traballante, fino a una direzione sbagliata che non suona mai davvero. L’ultimo film della trilogia ad essere girato, Fear Street Part 2: 1978 sembra affrettato. La sua sceneggiatura è piena zeppa di punti della trama. I suoi personaggi mancano di raffinatezza e la sua cinematografia manca del tipo di copertura che avrebbe potuto rendere le sue scene d’azione eccellenti invece che utili. 

Per merito del direttore della fotografia della trilogia Caleb Heymann, ci sono molte carrellate eseguite magistralmente che danno la sensazione di inseguire silenziosamente questi personaggi attraverso i boschi oscuri. Ma i momenti cruciali sono vaneggiati da una netta mancanza di angoli. Tuttavia, qui c’è molto da divertirsi per i fan dell’horror, dalle uccisioni scosse e da una rete di tradizioni magiche, alle allusioni a Carrie, L’esorcista e Venerdì 13. Dopo un primo capitolo così forte, la seconda parte sembra un po’ deludente, ma è comunque un buon momento.

fear street 1978

Ma ecco cosa ci mostra il secondo film di Fear Street

Quest’estate Netflix svela una trilogia horror spaventosamente ambiziosa con nuove paure e un nuovo capitolo pubblicato ogni settimana. Ispirata ai famosi romanzi YA di RL Stine, la trilogia di Fear Street svela la saga della maledizione di Shadyside, che genera un orribile massacro seriale ogni decennio circa. Fear Street Part 1: 1994 ha dato il via alle cose con una storia di adolescenti inseguiti da una serie di serial killer non morti, che si crede stiano facendo gli ordini di una strega malvagia . Ora, Fear Street Part 2: 1978 ci riporta a un’estate selvaggia e all’eroina straziata che è sopravvissuta a malapena.

Come il “mezzo uomo” della trilogia di Fear Street, C. Berman (una infestata Gillian Jacobs) è definita dal suo ruolo di sopravvissuta sfregiata, destinata a guidare la prossima ondata di vittime. In Fear Street Part 1: 1994, è lei che avverte Deena (Kiana Madeira) che la strega non ha finito con Sam (Olivia Scott Welch). 

Per salvare la ragazza che ama, Deena cerca il solitario Berman per ascoltare la storia del massacro di Camp Nightwing del ’78. Tra il sole estivo e una colonna sonora anni ’70 da urlo, incontriamo due sorelle Berman.

La prima è Ziggy (Sadie Sink di Stranger Things), un adolescente problematica dai capelli rossi con una furiosa propensione a scatenare l’inferno. Dopo aver irritato gli arroganti campeggiatori di Sunnyvale e i consiglieri stufi, è sul punto di essere cacciata dal campo. Poi, in un baleno il futuro sceriffo, Nick Goode (Ted Sutherland), arriva in suo soccorso. Mentre questa strana coppia forma un legame improbabile per l’amore per Stephen King, la sorella maggiore di Ziggy, Cindy, ha problemi più grandi e una trama tutta sua.

Cindy Berman (Emily Rudd) è un’adolescente perfetta: solare, intelligente, laboriosa e devotamente spensierata. Lei respinge le avance sessuali del suo ragazzo, ricordandogli che intende rimanere vergine, grazie mille! E, naturalmente, non gioca con la droga come gli altri consiglieri di Shadyside (che si divertono anche a sottrarsi al loro lavoro per fare sesso). In un classico slasher, Cindy sarebbe The Final Girl, che dà una corsa ai suoi soldi al slasher centrale. Certo, i suoi amici potrebbero essere abbattuti dalla lama di un slasher e macchiare di sangue la sua bella polo bianca, ma la sua virtù la proteggerà intrinsecamente da tali mali… giusto?

Laddove il primo film ha rifiutato gli stereotipi, Fear Street Part 2: 1978 li abbraccia: il disadattato, la vergine, l’atleta sexy, gli adolescenti spericolati il ​​cui amore per il sesso e la droga si dimostreranno pacchiani allestimenti per il massacro. Pertanto, questo sequel sembra più omaggio e meno innovativo rispetto al suo sensazionale predecessore. 

Ma è facile capire perché siano state scelte figure così familiari. La sceneggiatura di Zak Olkewicz e del regista della trilogia Leigh Janiak utilizza l’abbreviazione di personaggi standard per impostare rapidamente il mondo di Camp Nightwing, mentre nel ’94 la rivalità tra Shadyside e Sunnyvale sfocia in tensioni di classe che esplodono in scontri violenti. E questo prima che un assassino armato di ascia inizi a fare a pezzi sia i campeggiatori che i consulenti!

Con una valutazione hard-R, Janiak versa non solo sangue, ma anche scene di sesso e parole di quattro lettere che danno un tocco appropriato al periodo al suo orrore. Tuttavia, tira i suoi pugni (o colpi d’ascia) quando si tratta dei bambini uccisi. I campeggiatori vengono assassinati fuori dalla telecamera. Sfortunatamente, queste scene di massacro hanno un peso emotivo inferiore rispetto a quelle di Fear Street Part 1: 1994, perché molti dei personaggi eliminati si sentivano sottilmente abbozzati fin dall’inizio. Le loro morti sono orribili. Ma anche se le loro teste sono staccate dalle loro spalle, potresti avere difficoltà a ricordare i loro nomi. 

fear street 1978

La vita sembra più economica in questo sequel, il che è strano considerando che le sue trame sono incentrate sulla lealtà di fronte alla morte. Mentre le sorelle in guerra Ziggy e Cindy si fanno impazzire a vicenda, sono decise a sfidare boschi oscuri e caverne misteriose per salvarsi a vicenda dallo spietato assassino. 

Il percorso di Ziggy la conduce tra le braccia di Nick, mentre quello di Cindy la infila con l’arrabbiata ex migliore amica Alice (un affascinante e sarcastica Ryan Simpkins). All’interno di questo, la prima trova una storia d’amore vertiginosa, anche se inopportuna, mentre il secondo affronta un amico tradito. Attraverso le storie dei Berman, Janiak continua i temi dell’amore adolescenziale, della droga come capro espiatorio, del legame femminile e delle tensioni tossiche tra Shadyside e Sunnyvale. Tuttavia, essendo un ponte tra le parti 1 e 3, la parte 2 è troppo sottile per raggiungere tutti i suoi obiettivi.

In linea con il ruolo di C. Berman come mentore mutilato dell’eroina della trilogia, in questo secondo capitolo viene tralasciata molta tradizione. Tuttavia, tutte queste discariche espositive lasciano gli archi di relazione con una sensazione ristretta. Quindi, la storia d’amore adolescenziale tra Ziggy e Nick non colpisce con la stessa efficacia di quella di Deena e Sam, attutendo l’impatto di quelli che dovrebbero essere grandi momenti. 

La colpa potrebbe anche essere attribuita a Sink e Sutherland, che non condividono molto in termini di chimica. Tuttavia, Sink è una protagonista avvincente quanto Rudd, entrambi dotati di un innegabile carisma che ti fa fare il tifo per loro fin dal loro primo urlo. Tuttavia, questo film è più vivo quando si confida che questi due siano combattenti, non amanti. I loro occhi fiammeggiano di determinazione e furia, sono elettrizzanti da seguire, anche quando il percorso si fa roccioso.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page