Extinction Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 3 minutes

Extinction il nuovo film di Netflix, disponibile da luglio, è un “thriller” di fantascienza nella sola descrizione. Un ritmo irregolare e la prestazione secca dell’attore principale sottomettono ogni senso di eccitazione. La premessa familiare del film – un uomo è tormentato da un incubo ricorrente che può o non può essere una visione del futuro. Detto questo, includendolo nel suo insieme, l’estinzione non è poi così male.

Diretto da Ben Young, Extinction è incentrato su un ingegnere di nome Peter (Michael Peña) e sui suoi sogni inquietanti. Spesso raffigurante una guerra di sorta, con persone che vengono uccise per le strade da una forza invisibile, le sue notti non sono mai pacifiche. Nel corso del tempo, la mancanza di sonno di Peter inizia a influenzare la sua vita; soffre di black out, si aliena dai suoi amici e apparentemente trascura la sua famiglia. Alla fine, su sollecitazione di sua moglie Alice (Lizzy Caplan), Peter prende un appuntamento con una clinica vicina. L’idea era di parlare con un professionista (forse una psicologa) nella speranza di liberarsi dagli incubi. Sfortunatamente, le cose non vanno come previsto.

Non è uno spoiler dire che gli incubi di Peter sono più che semplici sogni. La costruzione lenta dal problema iniziale a quello in pericolo di vita è prevedibile. Tanto che all’inizio la lotta di Peter diventa banale. Il ritmo sembra trascinare a causa di un risultato previsto. Il che è strano considerando il ritmo accelerato della sceneggiatura, con certe azioni che superano la logica del film. Alice passa dall’essere un po’ infastidita quando si sveglia di notte preoccupata che la salute mentale di Peter stia influenzando negativamente la loro famiglia. All’improvviso, tutto ciò che è andato storto nelle loro vite è il risultato diretto dei suoi incubi. Il fatto è che questo sentimento non si riflette necessariamente su ciò che sta accadendo sullo schermo. La spaccatura che si sta formando tra Peter e la sua famiglia non sembra collegata; il suo arrivo in ritardo alla serata di famiglia, scatena una breve discussione che ha alimentato le preoccupazioni di Alice, potrebbe essere il risultato del suo eccessivo lavoro. Non a causa di un sogno (nonostante ciò che realmente accade).
La sceneggiatura e la direzione generale rendono difficile connettersi con Peter e la sua famiglia. Le loro azioni sono realistiche fino a un certo punto. Ma poiché le cose sembrano muoversi più velocemente per loro rispetto al pubblico, può essere difficile entrare in empatia. Questo problema è sostenuto dalla recitazione rigida di Michael Peña. Considerando che la maggior parte dello strano comportamento esibito dal cast è spiegata verso la fine del film, il suo rifiuto di mostrare emozioni vere (oltre alla rabbia o allo smarrimento) è sorprendente; la sua performance non può essere incolpata su un dispositivo di trama. Non è come se Peña fosse un cattivo attore. I suoi precedenti sforzi lo rendono degno di questo ruolo da protagonista. Questo non è un buon aspetto per lui. Pur non essendo così male, la sua recitazione qui è simile alla performance di John Leguizamo in The Happening – è quasi sconvolgente. Soprattutto se paragonato ad alcuni dei suoi castmates.

Per fortuna, Extinction è per lo più salvato dal trattamento minimalista del film e da una svolta interessante che è prefigurata dappertutto. Un’ambientazione oscura che fa interrogare il pubblico sul periodo di tempo del film, sulle somiglianze nelle vesti di tutti, sulla strana illuminazione durante il giorno – La normalità dell’estinzione evoca un’atmosfera inquietante. Le cose sembrano ok, ma il pubblico sa che qualcosa non va bene. Questa sottigliezza mantiene i momenti dal ritmo lento da essere completamente noioso. Questo cambia una volta iniziato il combattimento. E mentre gli effetti speciali vanno bene, non scoraggiano dall’esperienza generale. La svolta del film non riesce a fornire un messaggio (presumibilmente) previsto, grazie a poche righe e scene che si sentono virate verso la fine.

TRAILER

CONSIGLIO / SCONSIGLIO

Consiglio per chi è amante dei film di fantascienza

Sconsiglio perchè purtroppo non è il primo film di Netflix di fantascienza in cui non riesce a mantenere un buon ritmo e a farci apprezzare la fantascienza nel suo insieme. Basta solo pensare ad Annihilation o The Cloverfield Paradox.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page