Crea sito

Emily in Paris Stagione 1 Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 2.5

Classificazione: 2.5 su 5.

Commento personale alla stagione

Hollywood ha un grosso problema con Mary Sue. Lo abbiamo visto molto con i recenti successi, tra cui Rey in Star Wars, Mulan (la versione 2020 riavviata) e persino Captain Marvel. Il problema con un’eroina impeccabile è una totale mancanza di tensione o lotta, che rende insignificanti gli ostacoli poiché sappiamo che la nostra eroina li supererà con facilità. Nonostante un buon inizio, Emily In Paris abbraccia il modello Mary Sue a braccia aperte, portando a una serie deludente e indifferente.

Ma ecco cos’è o cosa non è successo in questa prima stagione di Emily In Paris

Per essere onesti, il primo episodio in realtà mette le cose in modo abbastanza promettente. La coraggiosa ed entusiasta dirigente del marketing Emily viene portata in aereo a Parigi per il lavoro di una vita. Incapace di parlare la lingua e con un fidanzato meno che entusiasta a casa, Emily si ritrova a lottare per adattarsi e far sentire la sua voce.

Ci sono alcuni giochi adorabili sulla lingua e un paio di momenti di risate ad alta voce che sembrano pronti a sfruttare appieno i guai linguistici di Emily. È costretta a cercare il significato di “La Plouc” online, sbaglia costantemente la pronuncia e le sue parole francesi vengono perse nella traduzione ai potenziali clienti.

Alla fine dell’episodio 3, è immediatamente evidente che Emily In Paris è più simile a Emily In America 2.0. La sottotrama del linguaggio viene completamente abbandonata dopo aver fatto una grande dichiarazione sulle parole femminili e maschili. Invece, lo spettacolo inizia a raddoppiare i suoi schemi di moda e marketing, ed è qui che arriva Mary Sue.

Per il resto della stagione, Emily In Paris presenta problemi episodici che la nostra protagonista Emily dovrà affrontare. Sebbene apparentemente difficili, sono tutti risolti con facilità nello stesso episodio e con poche conseguenze per le azioni di Emily.

emily in paris stagione 1 recensione

Ad un certo punto Emily bacia il suo vicino Gabriel solo per scoprire che in realtà ha una ragazza. C’è un accenno di qualcosa di consequenziale proveniente da questo, ma niente lo fa mai. Ci sono anche alcune tensioni tra il capo di Emily, Sylvie, e la stessa Emily, ma a parte un paio di momenti imbarazzanti in ufficio, elimina facilmente qualsiasi problema.

In effetti, non ci sono grandi lotte o elementi drammatici di cui parlare davvero. Emily non impara da nessuno dei suoi errori e, alla fine, sembra destinata a impegnarsi in nuovi errori, persino infrangere le regole della sua casa in ufficio. C’è anche un sacco di deus ex machina qui – di solito sotto forma di influencer che si mette in contatto proprio mentre le cose sembrano destinate a prendere una svolta per il peggio.

emily in paris stagione 1 recensione

Il risultato è uno spettacolo che sembra costantemente sul punto di esplodere in una confusa esplosione di melodramma, ma non preme mai il grilletto. Durante i 10 episodi questa serie è sempre sul punto di diventare buona, ma non esce mai da una mediocrità dimenticabile abbastanza a lungo da abbracciare ciò che ha reso i primi episodi così piacevoli.

È particolarmente problematico perché Emily In Paris ha in realtà alcuni elementi convincenti. Girata interamente a Parigi, questa bellissima città si mostra in tutto il suo splendore. Lo splendido sfondo della Torre Eiffel di notte, le gite in barca sulla Senna e persino gli ampi scatti della città aiutano ad autenticare l’ambientazione.

Anche l’amicizia in erba di Emily con Mindy è fantastica, e ci sono alcuni momenti solidi in cui Emily aiuta la sua amica a salire alle stesse altezze che raggiunge.

emily in paris stagione 1 recensione

Sfortunatamente tutto questo è minato da tutti coloro che parlano correntemente l’inglese a metà dello spettacolo. È ancora più sconcertante perché all’inizio non è affatto così. Emily deve tradurre molte delle sue conversazioni e si ritrova da sola in questa grande città.

Quando questa sottotrama viene abbandonata, lo è anche ogni speranza che questo spettacolo si diletti in una lotta avvincente e riconoscibile per il nostro protagonista che non può sbagliare.

Questo riporta l’intera conversazione al punto precedente su Mary Sues. Avere una forte protagonista femminile in questo momento è sicuramente un vantaggio ma non è questo il modo giusto per farlo. Come abbiamo visto in passato da Buffy Summers, Ellen Ripley e Sarah Connor, puoi creare un personaggio interessante, memorabile e potente con molti difetti.

Questa Emily raffinata e perfetta è un esempio di tutto ciò che non va in questa nuova ondata di personaggi femminili. Proprio come la facciata lucida di Parigi, può essere bella e levigata ma nasconde anche il lato brutto che è sempre ossessionato dalla vista.

Emily In Paris avrebbe potuto essere fantastica. Poteva essere stato uno spettacolo su una donna senza speranza che si autorizza a imparare una nuova lingua e ricominciare da capo la vita. Invece, lo spettacolo si perde nella sua traduzione, troppo impegnato a discutere con se stesso sulle parole maschili e femminili per vedere cosa ha reso i primi episodi così speciali.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: