Downton Abbey Film – Recensione

Reading Time: 5 minutes

Commento personale al film

Il film di Downton Abbey è più un episodio lungo che un film vero e proprio, ma lo chiamiamo film perché è ciò che è. Un po’ com’è successo per El Camino di Breaking Bad anche in questo caso, non c’è una trama solida o quanto altro. Ci fanno vedere come sono andate avanti le storie dei nostri amati personaggi e ci hanno regalato un degno finale per ognuno di essi. Ma oltre a questo non ci da’ molto di più. Gli unici due personaggi che hanno una rivincita o comunque fanno un balzo in avanti sono Tom Branson e Thomas Barrow , che sono coloro che hanno avuto più difficoltà nella serie e qui li vediamo finalmente rinascere. Il resto dei personaggi dallo staff alla famiglia Crawley, tutti stanno vivendo al meglio la loro vita.

Per sei anni, Downton Abbey ha conquistato il cuore dei fan con il suo dramma, i personaggi amati e l’umorismo ironico, quest’ultimo per lo più fornito da Maggie Smith. Ambientato negli anni ’10 e ’20, questa serie era incentrata sulla famiglia Crawley e sul loro staff per dare uno sguardo al funzionamento della società durante gli ultimi anni delle grandi tenute britanniche. 

Ora questi stessi personaggi e le loro storie sono apparsi per la prima volta sul grande schermo, offrendo ai fan la possibilità di rivisitare Downton ancora una volta. Va notato che questo è un film chiaramente realizzato per i suoi fan, che scelgono di spendere il loro tempo concentrandosi sul progredire oltre il finale dello spettacolo invece di impantanarsi con spiegazioni inutili e senza risposta.

Il film “Downton Abbey” si svolge nel 1927 – quasi due anni dopo il finale della serie – e si apre con la famiglia Grantham che riceve una lettera in cui King George V e Queen Mary visiteranno Downton Abbey come parte delle tenute itineranti del paese. Questo getta la famiglia in un vortice di attesa anticipata mentre la famiglia e il personale si preparano ad ospitare i loro migliori ospiti. Tuttavia, diversi giorni prima dell’arrivo dei reali, il loro personale domestico li precede e cerca di usurpare lo staff di Downton. Il resto del film racconta le disavventure che si svolgono nel corso di questa visita reale, intessendosi nella vita personale della famiglia e del personale di Grantham. La più importante di queste sottotrame coinvolge, come al solito, la Contessa vedova di Grantham (Maggie Smith) mentre affronta la sua relazione con una sua parente Lady Bagshaw (Imelda Staunton) sulla sua scelta di lasciare tutta la sua fortuna alla sua cameriera. Inoltre, il passato di Tom Branson (Allen Leech) come repubblicano irlandese con valori anti-monarchici lo raggiunge nel corso della visita reale. Altre storie secondarie degne di nota includono il dramma relazionale per Daisy Mason (Sophie McShera), l’adattamento al matrimonio di Edith Pelham (Laura Carmichael) e gli sforzi continui di Thomas Barrow (Robert James-Collier) per trovare una comunità che accetti un uomo gay.

Mentre molti altri critici accusano il film “Downton Abbey” di non essere abbastanza intricato o abbastanza coinvolgente – con una recensione del New York Times che si spinge fino al punto di affermare che “il film è principalmente vuoto” – penso che questo sia un ingiusta valutazione di ciò che il film stava cercando di realizzare. Il film “Downton Abbey” è tanto una celebrazione quanto una continuazione della famiglia Grantham e delle storie dello staff. È evidente dal modo in cui la cinepresa indugia su alcune scene, invitando gli spettatori a esaminare le stanze e le azioni in un modo più stilizzato e lento che dovremmo sentire parte della casa. Naturalmente la trama e lo sviluppo del personaggio non possono essere rigorosi come la serie; qui stanno lavorando con due ore per mostrare i progressi dei personaggi in due anni piuttosto che passare un’intera stagione nello stesso lasso di tempo. Una cosa certamente va detta, come ho già espresso nel mio commento personale precedente, il film appare essere più episodio lungo che un film. E questo è tutto ciò di cui avevamo bisogno: basta dare uno sguardo alle vite della famiglia Downton per vedere come se la cavano mentre i ruggenti anni ’20 stanno giungendo alla fine. “Downton Abbey” è una riunione, una commemorazione e un addio – supponendo che i produttori non cadano nella suddetta trappola di sfornare un sequel.

L’elemento di “Downton Abbey” che ha davvero cementato i miei pensieri secondo cui i suoi obiettivi erano la celebrazione e ulteriori risoluzioni è stato l’ulteriore sviluppo del personaggio testimoniato sia da Tom Branson che da Thomas Barrow. Al tempo della trama del film, sono passati quasi sette anni da quando Sybil, l’amata moglie di Tom, è morta a causa di complicazioni del parto. Ci sono state due occasioni in cui Tom avrebbe potuto andare avanti e sviluppare ulteriori relazioni romantiche, ma non le ha mai perseguite sul serio. Per quanto mi rattristasse guardare la solitudine e il dolore di Tom, ho apprezzato il fatto che lo show permettesse al suo personaggio di elaborare la sua perdita e di fare i conti con l’essere un padre single. Eppure in questo film, i fan hanno finalmente la possibilità di assistere a Tom in una luce più ottimista e curata, scambiando sguardi adorabili e sussurri con la cameriera di Lady Bagshaw. Inoltre, assistiamo a un riesame della convinta politica repubblicana irlandese di Tom e dell’identità generale mentre deve interagire con il re d’Inghilterra. Il modo in cui Tom si comporta in questi momenti cruciali della trama dimostra che mentre i suoi punti di vista e le sue maniere sono cambiati in modo significativo a causa del suo tempo a Downton Abbey, rimane individualista.

Per quanto riguarda lo sviluppo del personaggio di Thomas Barrow, il pubblico ha la possibilità di osservare temi simili di relazioni e fare i conti con la propria identità. Sin dal primo episodio dello show, i fan sono consapevoli che Thomas è un omosessuale riservato. Nel corso delle sei stagioni successive, Thomas ha affrontato l’ostracizzazione e le minacce di pene detentive, ha tentato cure medicinali fasulle per rimettersi in sesto e ha persino tentato il suicidio nell’ultima stagione. Ho sempre pensato che il suo sviluppo del personaggio e la trama fossero le aggiunte più importanti di “Downton Abbey” perché toccano le dure realtà che gli uomini gay dovevano affrontare negli anni ’20 e purtroppo ancora oggi. In questo film il viaggio di Thomas è continuato e, sebbene non abbia la promessa di un perfetto “per sempre felice” a causa di circostanze storiche, c’è un messaggio di speranza. Thomas in questo film è molto diverso dal personaggio vendicativo e depresso che era nella sesta stagione, e intraprende passi attivi verso l’accettazione della sua identità mentre incontra più uomini gay che hanno fatto i conti con la loro sessualità.

Nel complesso, “Downton Abbey” è una gioia da guardare e un must per i fan. Ciò è dovuto in gran parte alla sua continua caratterizzazione, ma vale anche la pena ricordare che la sua colonna sonora e la cinematografia si fondono perfettamente, permettendo a questo film di essere esteticamente più piacevole che mai. 

Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page