Don’t Look Up Recensione

Don’t Look Up  Recensione
Reading Time: 5 minutes
TRAMA DON’T LOOK UP

Don’t Look Up, film diretto da Adam McKay, racconta di come il professor Randall Mindy (Leonardo DiCaprio) insieme a Kate Dibiasky (Jennifer Lawrence), studentessa di astronomia prossima alla laurea, durante le loro ricerche facciano una scoperta terribile: una cometa, grande quanto l’Everest, è entrata nell’orbita del sistema solare ed è in rotta di collisione con il nostro pianeta.

I due si affannano ad avvisare autorità competenti del possibile impatto, ma nessuno sembra essere interessato alla gravità di questa minaccia, che rischierebbe di distruggere la Terra e i suoi abitanti. Comunicare alla popolazione cosa potrebbe entrare nella nostra atmosfera sembra un avviso troppo scomodo e allarmistico da dare.


Randall e Kate non si arrendono e, sostenuti dal dottor Oglethorpe (Rob Morgan), danno inizio a tour per comunicare l’imminente catastrofe e giungono fino all’ufficio del Presidente Orlean (Meryl Streep) e di suo figlio, il capo di gabinetto Jason (Jonah Hill), che finiscono per minimizzare la cosa, non dedicandole la giusta attenzione.

I due scienziati decidono quindi di rivolgersi alla comunicazione mediatica e si presentano nel programma mattutino di Brie (Cate Blanchett) e Jack (Tyler Perry), The Daily Rip, per allarmare i cittadini e avvertirli. Ma mancano 6 mesi allo scontro tra Terra e cometa e sembra che la popolazione sia troppo presa a fare altro, ovvero guardare il telefono e stare sui social media, per dedicarsi a una minaccia globale.

Cosa riuscirà a far staccare loro gli occhi da uno schermo per rivolgerli al cielo?

don't look up recensione

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale al film

Con le notizie sulla variante Omicron Covid sul quotidiano, la commedia all-star di Netflix Don’t Look Up sta arrivando nel momento migliore o peggiore.

Fortunatamente, non si tratta di una pandemia, ma c’è molto nell’ultimo film di Adam McKay che potrebbe essere troppo vicino all’osso per alcuni spettatori, o potrebbe essere catartico. Con una cometa in rotta di collisione con la Terra, Don’t Look Up esplora quanto potrebbe essere difficile diffondere il messaggio nell’era delle notizie false.

Sebbene sia stato scritto sulla crisi climatica (la cometa ne è solo una metafora, in realtà), c’è molto nel film che avrebbe potuto essere facilmente scritto sulla pandemia. McKay non tira pugni, quindi per quanto Don’t Look Up ti faccia ridere, potrebbe anche farti arrabbiare molto. E questo è il punto. Non è pensato per essere un film sottile, ma resta da vedere se è qualcosa che vuoi guardare con tutto questo in corso.

E’ un cupo commento sull’incapacità dell’umanità di affrontare il cambiamento climatico, Don’t Look Up sviscera i cliché dei film catastrofici e le istituzioni che non riescono a difendere il bene più grande dell’umanità. Mentre McKay fa alcuni passi falsi con la sua regia e la sceneggiatura, è un’uscita complessivamente forte guidata da un cast incredibile.

don't look up recensione

Ma ecco cosa ci mostra Don’t Look Up

Nel film di Michael Bay Armageddon del 1998 , gli scienziati hanno scoperto un enorme asteroide in rotta di collisione verso la Terra e gli Stati Uniti hanno usato tutta la loro forza e ingegnosità per reclutare una squadra di eroici disadattati per salvare il mondo. Ma dopo decenni di inazione sui cambiamenti climatici, una minaccia creata dall’uomo che ha effettivamente il potenziale per distruggere il pianeta, e la disastrosa risposta degli Stati Uniti alla pandemia di COVID-19, l’idealismo sciovinista dietro Armageddon ora sembra una fantasia assoluta. 

Adam McKay aggiorna la sceneggiatura in Don’t Look Up, una commedia brutalmente oscura su come l’avidità, la politica e la disinformazione ci condanneranno tutti.

Il film assolutamente costellato di stelle inizia con i classici ritmi apocalittici della fantascienza mentre Kate Dibiasky (Jennifer Lawrence), una studentessa di dottorato in astronomia presso la Michigan State, condivide con entusiasmo la sua scoperta di una nuova cometa con il suo adorabile e goffo professore Dr. Randall Mindy (Leonardo DiCaprio). . Un momento utile per calcolare la traiettoria della cometa diventa allarmante quando si rendono conto che entrerà in collisione con la Terra tra sei mesi. Dopo aver contattato la NASA, vengono rapidamente portati via per informare il presidente sulle loro scoperte e sono assolutamente sconvolti dalla sua reazione.

Il presidente Janie Orlean (Meryl Streep) è un leader nello stampo di Donald Trump, interessato molto più all’ottica che alla realtà. Lei e il suo viscido figlio/capo di stato maggiore Jason Orlean (Jonah Hill) respingono la scienza e promettono che le persone con una laurea in Ivy League la esaminino dopo il semestre. 

Quell’incontro surreale è solo l’inizio della rimozione da parte di McKay dei fallimenti di tutte le istituzioni americane, che a volte sembra a malapena una parodia. McKay non è estraneo ai film politici, avendo abbattuto la crisi finanziaria del 2008 in The Big Short e coperto la carriera del vicepresidente Dick Cheney in Vice , e Don’t Look Up sembra una continuazione del suo lavoro che sottolinea come tutti noi soffriamo a beneficio di pochi ricchi e potenti.

La dottoressa Mindy e Kate cercano di portare il loro caso alla stampa, ma non riescono a ottenere abbastanza successo dai lettori per continuare il ciclo di notizie. Perorando la sua causa in TV, Kate viene etichettata come un’isterica Cassandra, anche se Mindy ottiene più tempo dall’affascinante conduttrice di talk show Brie Evantee (Cate Blanchett). 

Gli astronomi e i loro alleati devono lottare disperatamente per mantenere l’attenzione di un pubblico più interessato alle rotture delle celebrità, una trama guidata da Ariana Grande che fa un lavoro spettacolare in questa trama come la pop star Riley Bina, passando senza soluzione di continuità dal parlare di salvare il lamantini con entusiasmo giovanile per respingere brutalmente Mindy e Kate come vecchie e fuori dal mondo.

don't look up recensione

Le cose si fanno ancora più terribili quando il mega donatore di Orlean e miliardario tecnologico Peter Isherwell (Mark Rylance) viene coinvolto nella situazione. Anche se non canalizza aspetti specifici di Mark Zuckerberg, Elon Musk o Jeff Bezos, Rylance riesce in qualche modo a incarnare le qualità che tutti condividono nell’inquietante e dolce Peter, che è assolutamente sicuro del proprio potere, forse perché la sua ricchezza e l’influenza lo protegge dal vedere qualsiasi conseguenza dei suoi fallimenti. 

È un avatar per il capitalismo fuori controllo: i tech bros che preferiscono riporre la loro fiducia in tattiche non provate come il lavaggio del carbonio e oscurare il sole piuttosto che fare un vero sacrificio e le compagnie petrolifere che mentono sull’impatto del cambiamento climatico anche se investire nella tecnologia necessaria per capitalizzare sullo scioglimento dei ghiacci artici.

Così tante battute del film sembrano terribilmente reali, come il capo della NASA che è un anestesista nominato politico, o i genitori di Kate che respingono i suoi tentativi di spiegare le sue scoperte dicendo “Non vogliamo parlare di politica”. Anche con tutte le virate di Don’t Look Up nell’assurdo, è quasi troppo oscuro, chiedere se è abbastanza per provare anche se non si riesce a fare la differenza.

don't look up recensione

È anche eccessivamente lungo, alla deriva in tangenti che sembrano sguazzare nel nichilismo mentre altre volte fanno cambiamenti troppo bruschi nella trama principale. McKay impiega anche alcune tecniche cinematografiche tipicamente stridenti come il supertesto che rompe la quarta parete e lo zoom della telecamera su oggetti inanimati come se si fosse annoiato della conversazione in corso tra il cast di immenso talento del film. 

McKay unisce anche a molti video di stock naturalistici, mostrando inutilmente cosa c’è in gioco in una storia che sarebbe meglio incentrata sui suoi personaggi.

Voi cosa ne pensate?

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page