Crea sito

Disclosure Recensione/Riflessione

Reading Time: 6 minutes

Il rilascio di Disclosure di Netflix non avrebbe potuto essere più tempestivo. Il documentario – sottotitolato Trans Lives on Screen – nel mese del Pride offre dettagli sulla storia della rappresentazione dei transgender in film e TV e arriva proprio mentre i titoli delle notizie riportano una varietà di sviluppi correlati: la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che la discriminazione sul posto di lavoro contro i dipendenti LGBTQ è illegale. 

L’assunzione da parte dell’amministrazione Trump di protezioni sanitarie contro i pazienti trans. L’omicidio di due donne trans nere, parte di un flagello in corso di violenza contro le persone trans. L’emergere del movimento Black Trans Lives Matter. E un tweet anti-trans mal informato dell’autrice di Harry Potter, JK Rowling, ha suscitato repliche accaldate. La varietà di voci trans sembra essere esattamente ciò di cui la conversazione attuale ha bisogno. 

Ma scopriamo insieme di cosa parla Disclosure e cosa ci mostra

Diretto da Sam Feder, questo documentario affronta una storia completa della rappresentazione transgender a Hollywood, uno che risale ai primi film dell’era muta, include Bugs Bunny, “The Jeffersons”, “The Silence of the Lambs“, “Pose” di FX e altro. 

Con centinaia di clip, il documento stabilisce una lunga storia di immagini per le persone che sono state emarginate fino ad oggi, ma affronta i media transfobici con la sua analisi tagliente – tanto doloroso quanto molte false dichiarazioni nella cultura popolare possono essere, “Disclosure” è una scia eloquente -up call contro cliché (sexworker, personaggi assassinati, psicopatici) e immagini che hanno dato a tutti l’idea sbagliata.

Un progetto come questo fa il giro completo con la chiara passione che c’è dietro di esso, soprattutto mentre cerca di raggiungere gli spettatori attenendosi a un approccio documentaristico a capo parlante. Feder fa alcune scelte vitali, una delle quali è che ogni persona intervistata è transgender. 

Ma perchè è importante guardare Disclosure

Quando i film fanno la loro magia, lo schermo diventa una specie di specchio, che riflette le dimensioni delle nostre identità o ci ritorna in modo profondo ed emotivo. Quando i personaggi non sono così familiari, servono come più di una finestra, offrendo una visione della vita di coloro che sono diversi da noi stessi. Ora immagina quanto possa essere angosciante per coloro che guardano lo schermo alla ricerca di qualcosa che possano riconoscere, solo per trovare rappresentazioni poco lusinghiere, imprecise e sprezzanti.

Il pubblico transgender conosce questa sensazione fin troppo bene. Per loro, il cinema può essere uno specchio crudele. Ma se il concetto di trans identità in qualche modo ti frustra o ti confonde, è probabile che tu non abbia preso in considerazione l’importanza della televisione e dei film. È qui che entra in gioco il documentario essenziale e coinvolgente Disclosure di Sam Feder , che ripercorre il modo in cui i personaggi non conformi al genere sono stati rappresentati sullo schermo almeno dal silenzioso “Judith of Bethulia” di DW Griffith del 1914. 

Chiaramente ispirato nel suo approccio da Rob Epstein e dal definitivo documento del 1995 “The Celluloid Closet”, che ha fatto lo stesso nei confronti di personaggi gay e lesbiche un quarto di secolo prima, Disclosure è un divertimento enorme per i fan del cinema. 

Invece di far sentire male il pubblico per i film a tema trans che potrebbero aver ingenuamente apprezzato in passato, educa sulle questioni più grandi mentre disimballa un retaggio di rappresentazione problematica. “Problematico” è diventato un eufemismo praticamente insignificante del tardivo, applicato retroattivamente al lavoro che non si allinea più ai valori contemporanei, quindi aiuta Feder che ha assemblato una gamma così diversificata, in ogni modo immaginabile, di persone, intervistando attori, creatori e critici culturali di quasi tutti i colori per partecipare a questa reinterpretazione allegramente bizzarra dei film classici,

Se qualcuno viene escluso da questa particolare conversazione, è il cosiddetto contingente cisgender – o coloro che si identificano con il genere con cui sono nati , che hanno ampiamente monopolizzato la rappresentazione delle espressioni di genere che il pubblico vede. La “divulgazione” non dedica tempo alla definizione di gran parte di questo vocabolario o alla focalizzazione troppo stretta sulla storia dell’identità trans. C’è semplicemente troppo da spiegare in termini di come i media hanno affrontato personaggi non conformi.

“I modi in cui le persone trans sono state rappresentate sullo schermo hanno suggerito che non siamo reali, hanno suggerito che siamo malati di mente, che non esistiamo”, spiega l’attrice e avvocato Laverne Cox , anche produttore di il film, che ricorda Geraldine Jones di “The Flip Wilson Show” come punto di riferimento personale. 

Il personaggio di Geraldine potrebbe essere stato un primo esempio di comico afroamericano che si travestiva per far ridere, ma Cox sostiene che le cose non vanno molto meglio quando gli attori maschi cis Jared Leto o Eddie Redmayne lo fanno per i loro ruoli più “rispettabili” in “The Dallas Buyers Club” o “The Danish Girl” – specialmente quando quegli stessi attori appaiono alla notte degli Oscar con il loro aspetto più maschile o in un bellissimo abito, come ha fatto Hilary Swank per la sua vittoria “Boys Don’t Cry” . Quando lo fanno, rinforza la percezione che l’identità trans sia una sorta di esibizione, come Robin Williams che scivola dentro e fuori dalla sua “Mrs. Doubtfire”, piuttosto che un impegno permanente per abbracciare la propria vera identità.

Ritornando alla metafora dello specchio, che facevo sopra, molte delle persone che compaiono in “Disclosure” condividono quanto sia stato difficile accettare la propria identità perché non potevano relazionarsi con quelle che esistevano in film e TV in quel momento. “Disclosure” realizza qualcosa che pochi altri film fanno: mettendo in mostra celebrità trans forti e sicure, il film offre una netta alternativa al ritratto familiare visto dal pubblico quando attori come John Lithgow (“Il mondo secondo Garp”) o Chris Sarandon (“Dog Day Afternoon”) sono scelti come personaggi trans. E per non pensare che un documentario celebrativo come “Paris Is Burning” risolva le cose, il film scava anche nella delicata politica di quel film.

“Quando interpreto una donna trans, non devo interpretare la transessualità”, afferma Jen Richards. Simile agli attori con disabilità o a coloro che provengono da contesti culturali non bianchi, i trans interpreti ritengono che debbano essere considerati praticamente per qualsiasi personaggio – anche se i direttori del casting quasi sempre non considerano gli attori bianchi e abili di cisgender, a meno che il ruolo non indichi diversamente. I film con parti trans sono decisamente ossessionati dai personaggi, ehm, parti, mentre i presentatori di talk show non possono fare a meno di chiedere agli intervistati trans cosa hanno fatto dei loro genitali.

Qual è la critica che muove Disclosure sulla rappresentazione del mondo trans

Questa è una fissazione specificamente cis-centrica, sostiene “Disclosure”. Lo stesso vale per la divulgazione: l’atto di condividere il proprio status di trans a beneficio di un partner fragile, con una mentalità binaria. La montatrice Stacy Goldate interpreta questo cliché per la commedia, anche se è chiaramente uno dei tropi più preoccupanti nella rappresentazione trans – come mostrato in un montaggio di attori femminili travestiti che si strappano le camicie per rivelare il loro seno, o il famigerato colpo di scena, dopo di che il personaggio “tradito”corre immediatamente nel lavandino per vomitare. “Hollywood sta insegnando alla gente che il modo in cui reagisci quando vedi il corpo di una persona trans è vomitare”, spiega Cox.

Questa critica non è del tutto giusta, come rivela la parodia di “Ace Ventura: Pet Detective” della scena “Crying Game“: quando viene spinto a un estremo comico, l’eccessiva reazione di Jim Carrey viene registrata come assurda, piuttosto che appropriata. Sebbene non spinga mai alla censura totale, il documentario sembra suggerire che le rappresentazioni negative (alla “Il silenzio degli agnelli”) siano direttamente responsabili del suicidio e degli abusi nella cultura in generale. Questo è un grave addebito, anche se non si può negare che le vite trans siano a rischio sproporzionatamente alto, o che una maggiore sensibilità (attraverso spettacoli come “Transparent” e, sì, anche “I Am Cait”) stia spostando l’opinione pubblica in modo positivo.

Come osserva ironicamente la co-regista di “The Matrix” Lilly Wachowski, i film più vecchi riflettono tempi più conservativi, eppure, molti dei tropi nocivi che hanno introdotto persistono. 

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: