fbpx

Daniel Radcliffe parla dell’eguaglianza di genere che dovrebbe esserci a Hollywood e te lo farà amare ancora di più

Reading Time: 3 minutes

Dire che Daniel Radcliffe è schietto su ciò in cui crede sarebbe un eufemismo. Sullo schermo, l’ex star di Harry Potter è noto per aver interpretato personaggi tanto vari come Allen Ginsberg, beat poet e Igor, il compagno di Victor Frankenstein, e fuori dallo schermo, Radcliffe è noto per il suo attivismo , sostenendo associazioni di beneficenza come Get Connected UK, Demelza House e il progetto Trevor.

Quindi, non è una vera sorpresa che Radcliffe disapprovi su come Hollywood tratti le donne, in termini di ruoli che ottengono e delle storie che raccontano. Ma se avessi dimenticato, per un momento, perché ami l’attore, le sue parole te lo ricorderanno sicuramente.

“Ovviamente, [Hollywood sta mancando] storie di donne di colore”, dice Radcliffe, quando parliamo prima dell’uscita del suo nuovo film ” Bestie del Burden” . “Se parli di settori che sono sottorappresentati, questa è un’area che l’intero settore potrebbe sopportare di migliorare”.

Questo è un eufemismo. Quando il Centro per lo studio delle donne in televisione e film ha pubblicato il proprio studio annuale esaminando la quantità di donne che lavorano dietro le quinte dei 250 migliori film del 2017, hanno scoperto che solo il 18% dei registi, scrittori, produttori, produttori esecutivi, editori e cineasti erano donne. E questo è stato un miglioramento rispetto al 2016, che ha vantato il 17%.

La mancanza di donne dietro le quinte è qualcosa a cui Radcliffe ha pensato molto recentemente. Oltre a Beasts of Burden, che uscirà il 23 febbraio, l’attore è stato recentemente scelto come protagonista in Miracle Workers , una commedia TBS su due angeli che cercano di convincere Dio a non distruggere la terra se possono aiutare due persone a innamorarsi. Quel progetto ha aperto gli occhi a Radcliffe, in più di un modo.

“Nel telefilm che ho appena fatto, ho lavorato con una regista di nome Ryan Case che è fantastica. [Ma] improvvisamente mi è venuto in mente il secondo giorno di riprese con lei che lo facevo da quando avevo nove anni – Sono passati 19 anni – ed è la prima regista donna con cui ho lavorato sullo schermo “, dice. “E questo è pazzesco, quando in realtà faccio un passo indietro, è una cosa folle.”

Perché la cosa è, Radcliffe non è solo interessato a più personaggi femminili che vengono aggiunti al grande schermo e al piccolo schermo. (Mentre i primi tre film di incassi più alti del 2017 – The Last Jedi, Beauty and the Beast e Wonder Woman – erano tutti diretti dalle donne, il Centro per lo studio delle donne in televisione e film ha riferito che le protagoniste femminili rappresentavano solo il 24% tra i 100 migliori film del 2017 – il 5% in meno rispetto al 2016 ). L’attore è anche interessato alle donne che hanno la possibilità di scrivere e dirigere le donne – come ha fatto Patty Jenkins con un effetto sorprendente dirigendo Wonder Woman o come Greta Gerwig quando ha scritto la sceneggiatura di Lady Bird.

“Penso che un’area in cui possiamo fare molto meglio è raccontare storie di donne e donne che raccontano le loro storie piuttosto che ragazzi che scrivono storie di donne”, dice Radcliffe. “Ovviamente, gli uomini scriveranno sempre personaggi femminili, non sto dicendo che non possa accadere, ma la stanza dello scrittore su [ Miracle Workers ] era circa 50-50 tra i generi, penso, [e] quello era un rinfresco modificare.”

E l’attore sembra essere deluso in sé stesso, così come lo è nel settore nel suo insieme. “Questo non dovrebbe essere qualcosa che sto notando ora e andando, ‘oh mio dio, questo è così insolito,'” dice. “Questo dovrebbe essere gestito dal mulino, sicuramente sarebbe qualcosa che spero che miglioreremo”.

Potrebbe essere troppo tardi per il 2017, ma tra la nomination all’Oscar di Lady Bird , Patty Jenkins che chiude un affare relativamente lucroso per dirigere Wonder Woman 2 , e il blockbuster A Wrinkle In Time da 100 milioni di dollari di Ava DuVernay che uscirà quest’anno, c’è ancora spero per il 2018. E puoi scommettere che Radcliffe starà guardando per vedere se Hollywood offre.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page