CODA Recensione

CODA Recensione
Reading Time: 5 minutes
TRAMA DI CODA

CODA – I segni del cuore, il film diretto da Sian Heder, racconta la storia di Ruby (Emilia Jones), una ragazza di diciassette anni che durante le prime ore del mattino, prima di entrare a scuola, lavora sulla barca di famiglia per aiutare i suoi genitori (Marlee Matlin e Troy Kotsur) e suo fratello (Daniel Durant), per portare avanti la loro attività di pesca sulla costa del Massachusetts. Ruby è l’unica persona udente della sua famiglia.

Da quando la giovane ragazza è entrata a far parte del coro della scuola, scopre di avere una forte attrazione per il canto. Il suo maestro Bernardo (Eugenio Derbez), crede ci sia qualcosa di speciale nella giovane adolescente e la spinge a considerare una prestigiosa scuola di musica per il suo futuro.
Ruby si troverà così davanti a un bivio: abbandonare i suoi adorati genitori per seguire il suo più grande sogno o continuare ad aiutare la sua famiglia.

coda recensione

Questo è il nostro punteggio 4.5/5

Commento personale al film

CODA è catartico. Un film che ti mette un groppo in gola e allo stesso tempo ti solleva il morale.

Ma ecco cosa ci mostra CODA

Questa recensione del film CODA per Apple TV+ non contiene spoiler. 

Potrei iniziare con un paio di dozzine di cliché di critica cinematografica sul film di Sian Heder, CODA . Frasi come “È il film di cui abbiamo bisogno in questo momento!”, “Tutti salutano i poteri curativi di CODA!” o uno dei miei preferiti esagerati e strabilianti, “Un film che può cambiare i cuori e le menti”, ma non on lo farò qui. No. Mai. Oh, che diavolo. Forse andrò con l’ultima.

coda recensione

Quello che dirò è che CODA è catartico. È uno di quei film che piacciono alla folla che ti fanno venire un grosso nodo in gola mentre allo stesso tempo ti sollevano il morale. Il tutto prendendo il genere di formazione da una nuova prospettiva. Una visione del mondo è normalmente ignorata dal cinema e dalla televisione? Pensaci. Quanti film o programmi hai visto che non sono un documentario, in cui oltre la metà dei dialoghi è tradotta nella lingua dei segni?

CODA vede Emilia Jones (Brimstone) nel ruolo di Ruby Rossi. È un’anziana di 17 anni che si addormenta spesso in classe odorando di acqua salata e pesce vecchio. Questo perché sta aiutando l’attività di peschereccio della sua famiglia all’alba nelle prime ore del mattino a Gloucester, nel Massachusetts. Lei deve. Altrimenti, non saranno in grado di mantenere a galla la loro attività di pesca. Questo perché è l’unico membro della sua famiglia che non è sordo e non possono permettersi ulteriore aiuto per un marinaio udente.

Sua madre, Jaclyn (la grande Marlee Matlin), gestisce i conti. Suo padre, Frank (Troy Kotsur), è un bicchiere d’acqua alto con una splendida barba e un cattivo senso dell’umorismo. Suo fratello, Leo (Daniel Durant), frega qualsiasi ragazza che lo guardi. Lo ha ereditato dai suoi genitori che hanno mantenuto la furiosa pulsione sessuale di un adolescente fino ai 50 anni. Sono un gruppo affiatato, che fa molto affidamento su Ruby per collegare il mondo dell’udito. Con sgomento di Leo, usano spesso sua sorella invece di lui per aiutare a gestire l’attività.

Non è qualcosa per cui Ruby si è offerta volontaria. Ama la musica ma non riesce nemmeno ad ascoltarla con le cuffie perché i suoi genitori pensano che sia scortese. Si mette alla prova per il coro della scuola ma non ha mai cantato per nessuno. È la sua cosa preferita e spesso canta in giro per casa o in una cava locale dove nessuno può sentirla. Il suo insegnante ( Eugenio Derbez di How to Be a Latin Lover ), aiuta a guidarla fuori dal suo guscio per perseguire la sua passione. Dandole un piccolo senso di speranza per perseguire i suoi sogni e avere una vita al di fuori della sua attuale situazione.

CODA è un acronimo che sta per figlio di un adulto sordo. Un termine sviluppato da Millie Brother perché il 90% dei bambini nati da genitori sordi non sono sordi o ipoudenti. L’importanza di questo potrebbe non essere evidente alla maggior parte degli americani. I figli di due genitori sordi sono paralleli a quei figli di immigrati di prima generazione che si affidano ai loro figli come tramite, guida e interpreti dal mondo sordo a quello udente.

coda recensione

Il film, scritto e diretto da Heller (Tallulah, Glow ), è radicato, ma divertente e dolce. Potrebbe non essere il ritratto più accurato di una non udente, ma non lascia mai che ciò ostacoli una buona storia. La sua sceneggiatura rimane fedele ai temi del film pur essendo abbastanza divertente da trasmettere il messaggio del film anche se potrebbero legare troppo facilmente alcuni inchini su alcune sottotrame. Soprattutto quando si tratta di opportunità di borse di studio o anche di avere i soldi per avviare un’attività in proprio e rimanere a galla. Questo film ha lo scopo di essere “piacevole alla folla”, non deprimente.

Il casting è semplicemente perfetto. Emilia Jones è semplicemente fenomenale qui. È un maschiaccio con una voce adorabile. Duro, forte, resiliente e sensibile. E dai credito ai realizzatori per aver saputo quanto fosse importante interpretare tutte le parti della famiglia Rossi con attori sordi. 

Troy Kotsur si esibisce in modo divertente e toccante nei panni del patriarca della famiglia Rossi. Esprime battute con un tempismo comico incontaminato, dai suoi impulsi impenitenti di essere intimo con sua moglie o dalle scene più tenere in cui tocca il collo di sua figlia per sentire il potere del dono con cui sua figlia è stata benedetta. È davvero una delle migliori performance dell’anno. 

Dirò questo su CODA . Funziona su due livelli. È un film volto a cambiare i cuori e le menti (vedi, l’ho fatto). Non è solo uno sguardo rinfrescante a una famiglia sorda, ma è anche raramente guardato. Pensa al mondo in cui viviamo oggi. I film ne sono sempre stati un riflesso. L’ultimo decennio è stato pieno di odio. 

Ciò che Heder ha fatto qui ha preso una questione del mondo reale e ha trovato un modo per comunicarlo attraverso gli occhi delle famiglie sorde non accettate dalla loro comunità. Un gruppo tagliato fuori dal resto del mondo. Contando sui propri figli e su un gruppo affiatato di persone che sono proprio come loro.

CODA ha posizionato facce bianche e ha utilizzato una storia di non immigranti per ottenere quel punto saliente sull’accettazione e l’intolleranza.

Voi cosa ne pensate?

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page