Chicago Med: dove eravamo rimasti?

Reading Time: 4 minutes

Questa notte alle ore 4.00 italiane, verrà trasmesso negli Stati Uniti la premiere della 3° stagione dello show di One Chicago, Chiacago Med. La puntata sarà intitolata “Speak your Truth” e vedrà i dottori del Med alle prese con nuovi pazienti e nuove storie.
Siccome è passato qualche mese dall’ultima puntata, facciamo un passo indietro e vediamo dove eravamo rimasti.

Nell’ultima puntata della seconda stagione abbiamo assistito a molti avvenimenti, o se vogliamo, colpi di scena.


Robin (Mekia Cox), uscita da poco dal reparto di psichiatria e tornata a casa, è stata portata in ospedale da Connor (Colin Donnel) dopo essersi chiusa fuori al balcone della sua camera da letto in preda a un attacco psicotico. Dopo essere stata sedata, è stata trasferita nel reparto di psichiatria dove, e inseguito a vari accertamenti e controlli, le è stato riscontrato un tumore al cervello. Questo ha quindi cambiato la diagnosi: la dottoressa Robin Charles, non è matta come tutti temevano, inclusi suo padre e il suo fidanzato, ma semplicemente malata.
Abbiamo conosciuto una new entry dello staff del Chicago Med, la dottoressa Eva Bekker (Norma Kuhling), rivale del dottor Rhodes, che si è incaricata di operare la dottoressa Charles assieme al dottor Latham (Ato Essandoh) salvandole così la vita asportando il tumore. Il personaggio interpretato dalla Kuhling lo conosceremo meglio in questa nuova stagione e qualcosa mi dice, anche se personalmente spero proprio di no, che metterà in pericolo la storia tra Connor e Robin.

E non è tutto qui, molte altre cose sono successe.
Nella penultima puntata abbiamo assistito ad un quasi bacio tra il dottor Choi ed April che però ha preferito tirarsi indietro all’ultimo, lasciando il bel dottore di stucco. Questo però non ha fatto scoraggiare il capo specializzandi che, proprio al termine dell’ultima puntata, è comparso dal nulla alla festa di diploma di Noah, baciando la bella infermiera in riva al lago.


E proprio alla festa di Noah Sexton (Roland Buck III) è successo tutto quello che poteva succedere.
Will Healsted si è deciso finalmente ad ascoltare il suo cuore decidendo di lasciare la sua fidanzata, la patologa Nina Shore (Patti Murin), per correre dal suo unico amore: la dottoressa Nathalie Manning.
Nathalie (Torrey De Vitto) dal canto suo, accortasi dei sentimenti che anche lei nutre per Will ha deciso di mettersi in mostra con l’amico, facendo qualche cambiamento al suo taglio di capelli lasciando tutti senza fiato compreso il diretto interessato e invitando Jay (Jesse Lee Soffer), il fratello di Will alla festa di diploma del dottor Sexton. Che abbia fatto tutto ciò per far ingelosire un po’ il piccolo di casa Halstead? Secondo me si! In fondo noi donne si sa, quando vogliamo cambiare iniziamo dai capelli e sappiamo anche che la gelosia a volte può farci ottenere ciò che vogliamo.
Ovviamente, il povero Jay, che scemo non è, ha capito tutto e ha declinato l’invito preferendo lasciare la dama a suo fratello, che per una volta si è fatto coraggio e ha invitato l’amica a ballare con lui.

Alla festa dei giovani però non hanno partecipato i più anziani, il dottor Charles e la signora Goodwin infatti sono rimasti in ospedale a svolgere il loro mestiere.
Il finale di stagione ci ha lasciati ancora una volta di piombo. Il dottor Charles (Oliver Platt) è stato sparato da un suo paziente ed è rimasto a terra fuori dall’ospedale.

Chissà se l’equipe del suo ospedale riuscirà a salvarlo o Oliver Platt sarà costretto ad abbandonare il cast?
Per scoprire come si evolverà la situazione basterà aspettare soltanto qualche altra ora e seguire il primo episodio di Chicago Med 3.

Per restare aggiornati sulle vostre serie tv preferite restate connessi su Show teller –  Desperate Series Addicted 2.0 e sulla pagina fb Show teller – Desperate Series Addicted.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Faty Quarantino

since 1998.... sono appassionata di libri, film, ma soprattutto serie tv. di cui amo parlare .. è inutile specificare che posso guardarne a centinaia.

You cannot copy content of this page