Reading Time: 4 minutes

Commento personale alla puntata

Senza la signora Coulson o la politica generale del Magisterium questa volta, His Dark Materials offre un episodio molto più lento, uno che combina elementi degli altri libri e li combina con la storia di Lyra con effetti contrastanti. I segmenti di apertura di questo episodio in realtà sembrano anche l’inizio di un libro e anche se mi pento vergognosamente di non aver letto questa trilogia, sono consapevole che questo non viene detto in ordine cronologico. Le linee temporali intrecciate mi hanno incuriosito e non vedo l’ora di scoprire di più sulla connessione tra i mondi. His Dark Materials ha fatto bene finora per gettare le basi per alcuni drammi da seguire, ma resta da vedere se questa deviazione dalla storia di Lyra per condividere i riflettori con Will venga poi ripagata.

A tre episodi dalla fine di questa prima stagione, His Dark Materials carica la storia in maniera incredibile, questa volta introducendo un altro giocatore chiave Will. Con due linee temporali che corrono simultaneamente, His Dark Materials sembra che si stia preparando per una drammatica conclusione di questa prima stagione, ma lo fa con un episodio che fa progredire i nostri personaggi con poca azione o comunque con qualche momento tragico solo verso la fine dell’episodio.

Nel tetro inverno del Nord, iniziamo con la narrazione che circonda la profezia di Lyra. Come presto apprendiamo, c’è un ragazzo che condivide il suo destino, un ragazzo di cui vediamo gli sguardi e sembra essere collegato a questo mondo. Mentre i Gyptians e gli altri si dirigono verso nord, il sempre opportunistico Lee giace sul carro che trasporta la mongolfiera mentre si spostano verso nord, mentre Boreal osserva da lontano il ragazzo profetico, William.

Lyra usa la bussola per leggere ciò che gli aspetta man mano che si avvicinano, grazie a una visione indulgente che prende il sopravvento su qualcosa che si nasconde nell’ombra. Consultando John Faa, afferma con esitazione che potrebbe essere un fantasma, ma per esserne sicura deve tornare indietro per capire e scoprire. Si rifiuta, dicendole che ci sono problemi più urgenti a cui occuparsi, spingendola invece a parlare con Ma e chiedendole il permesso di andarsene. Avendo bisogno di riflettere su questa proposta, dice a Lyra di darle del tempo.

Nel frattempo William mette le cose nel suo armadietto mentre sua mamma esce di casa. Boreal la affronta e racconta una storia di John, fingendo dolore per la sua perdita. Mentre gli racconta della spedizione e di come si è perso nella tempesta 13 anni fa, il viscido Boreal le stringe la mano e le dice che gli dispiace. Anche lei è chiaramente sconvolta da questo, e si affretta verso Will sul ring dove si affretta a seguirla e discutono di quello che è successo.

Lyra si siede con Ma e parla al daimon di John Faa per quanto riguarda il suo istinto e cosa dovrebbe fare. Menziona il re Iofur e il modo in cui le cose si stanno muovendo nel Nord, mentre John stesso incontra Serafina da solo e le chiede aiuto, conoscendo l’impossibile compito che gli sta davanti. Dopo qualche criptico discorso sull’aurora e di Asrail. Ci si aspetta una grande guerra, la notte diventa giorno e il gruppo si muove di nuovo.

Cavalcando sulla schiena di Iorek, Lyra si lancia attraverso le pianure innevate, decisa a trovare risposte, fino a quando non si imbattono in una grotta, dove si nascondono per il momento. Nell’altra linea temporale, Will parla a sua madre di suo padre. Lei gli dice che è straordinario ma il suo comportamento irrazionale prende il sopravvento alla sua convinzione che qualcuno sia stato nella loro casa. Alla fine si calma e mentre lo fa, gli mostra una busta piena di lettere nascoste.

Lyra e Iorek guardano in basso verso il villaggio del pescatore nella torva luce della sera prima di trovare Billy che giace immobile a terra senza il suo daimon. Afferrandolo, tornano al campo. Lyra parla a Lee della rimozione dei daimon simile a quella di distruggere la propria anima e i veri orrori di ciò che sta succedendo con l’operazione Gobbler viene mostrato come non mai. Ma Billy alla fine muore.

Nel frattempo, occhi indiscreti guardano da lontano Will e sua mamma. Boreal inizia a saperne di più su ciò che è successo con John e si rende conto che potrebbe essere a conoscenza della finestra sull’altro mondo. Dato che potrebbe aver lasciato una scia di informazioni con dettagli su questo, quella rivelazione della trama potrebbe benissimo legarsi alla situazione riguardante le lettere nella busta.

Nel cuore della notte, gli assassini si infiltrano nel campo e iniziano a uccidere gli uomini uno per uno. Tuttavia, mentre Lyra esce per indagare, viene catturata e portata via dove dice ai suoi rapitori che si chiama Lizzie. Mentre il suo daimon vola via, la donna inizia a parlare in una lingua straniera prima di incoraggiare Lyra ad entrare in una stanza dove viene preparata per un trattamento immediato. Mentre la donna apre l’armadio, Lyra vede il suo abbigliamento futuro; la stessa tuta che Billy indossava quando lo ha trovato. Qualunque sia questo posto, non sembra certamente essere una buona notizia quando chiudiamo l’episodio.

L’episodio stesso trascorre molto tempo a presentare Will e sua mamma, insieme a Boreal che indaga su di lui e suo padre, il che prende prezioso tempo lontano dalle iniziative di Lyra attraverso il ghiaccio. Detto questo, vedere cosa succede ai bambini senza demone è certamente una preoccupazione che apre gli occhi e la rivelazione straziante di Billy alla fine rende l’attesa degna di questo finale emotivo. Ciò comporta anche un sacco di problemi per Lyra poiché ora è nel profondo del territorio nemico e sembra che stia affrontando un pericolo insormontabile.

Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Reading Time: 4 minutes

Commento personale alla puntata

Con più elementi fantasy in questa puntata e alcuni dialoghi meravigliosamente scritti per Lyra, con un po’ di confidenza e intelligenza, His Dark Materials offre il suo episodio migliore. Vedere Iorek e Lee inietta la serie con l’ennesimo strato, dato che l’oscuro passato tra questi due rimane un mistero per ora. Il re Olfur alla fine aggiunge un bel po’ di prefigurazione per l’inevitabile combattimento a venire e tutto questo sembra destinato a riversarsi in una seconda parte davvero drammatica. Non avendo letto i libri, sono consapevole che questa stagione ha combinato elementi dei sequel insieme, ma ad essere sincera, non saprei dirti quali sono queste parti, così è il modo sottile della loro inclusione. Ciò che ci riserva l’episodio di questa settimana è la supposizione di chiunque (tranne quelli che hanno letto i libri ovviamente!), ma His Dark Materials sta certamente andando nella giusta direzione per finire quest’anno con il botto. Con una seconda stagione già prevista, His Dark Materials è uno dei grandi spettacoli che non vedo l’ora di guardare ogni settimana e sono sicuramente incuriosita dal vedere cosa ci aspetta nel resto della stagione. Siamo ormai giunti a metà prima stagione manca davvero poco alla conclusione di questa prima stagione!!

Con Lyra ora consapevole della verità che circonda la signora Coulter e tutti quelli diretti a nord, in questo episodio di His Dark Materials entriamo nel vivo e con un’introduzione a nuovi personaggi e una fetta più guidata di azione fantasy. L’episodio si apre con una grande mongolfiera, pilotata da Lee Scorseby, che sta seguendo Lyra e i Gyptians in alto. Mentre la nave attracca, lo stesso vale per la mongolfiera mentre circolano voci di orsi corazzati. Il sempre carismatico Lee borseggia un uomo prima di commentare l’insolita presenza di Gyptians che arrivano a nord.

Farder Coram coglie l’occasione per chiedere a Lyra qualche risposta dalla bussola, ma con il Magistero in agguato, vengono rapidamente interrotti. Insieme, partono per visitare il Console delle Streghe, nella speranza che li porti più vicino a trovare i bambini scomparsi. Una volta lì, Lyra usa la bussola per convincere il dottor Lensilus a indirizzarli nella direzione di Iorek Byrnison, un mostruoso orso polare con un grosso chip sulla spalla.

Nel frattempo la signora Coulter viene rimproverata per la sua mancanza di moderazione alla visita nell’accademia da parte del magistero. La conseguenza di ciò sembra essere quella di venire privata di tutti i doveri ufficiali. Dopo aver applaudito, la signora Coulter gli dice che ha Lord Asriel in una prigione controllata da orsi che, a loro volta, sono controllati da lei. È un’affermazione audace e una di quelle che lei sostiene sostenendo che andrà a nord e lo riporterà in cambio di ciò che vuole. Con una bussola tutta sua, la signora Coulter pone una semplice domanda: “Chi è Lyra”.

Nel frattempo, Lee suscita più problemi arrivando al bar e chiedendo se qualcuno ha visto un orso corazzato. Lo fissano con occhi stanchi e diffidenti fino a quando il visitatore non tocca un punto dolente di quei cittadini rispetto a quello che dovrebbe dire o per lo meno non dire fino a quando non inizia una scazzottata e lui si ritrova sbattuto fuori dal bar. Dopo la infruttuosa visita di Lyra con Iorek all’inizio dell’episodio, Lee si imbatte in lui più tardi quella notte, offrendo il suo aiuto. Giura di riprendegli la sua armatura ed è qui che apprendiamo che sono vecchi amici.

Con la notizia della cattura di Asriel che si diffonde fino a nord, Lyra supplica John Faa di permettere a Iorek di combattere al loro fianco. Dati gli orrori del mondo, Lyra rivolge la sua attenzione a Lee e qui apprende di più sull’armatura di Iorek, che sembra essere preziosa quanto daimon. Spinge Lyra a parlare di nuovo con Iorek, dove lo convince a recuperare la sua armatura, grazie in parte alla bussola che mostra la via.

Dopo aver recuperato la sua armatura, Lee arriva sulla scena e convince Iorek a non uccidere gli uomini, dove alla fine si riuniscono con i diffidenti Gyptians che li accolgono a bordo. Con le forze del buon raggruppamento per il combattimento a venire, la signora Coulter tenta di invertire la tendenza a suo favore e visita il re in profondità nelle montagne. Offre al re Olfur un battesimo nel magistero, in cambio della distruzione della ricerca di Asriel e del suo controllo. Con le ruote messe in moto, Coulter gioca una partita pericolosa mentre combatte per entrambe le squadre, lasciando le cose su una nota inquietante mentre l’episodio si chiude con il nostro gruppo disfunzionale che si dirige più a nord.

Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Reading Time: 4 minutes

Commento personale alla puntata

His Dark Materials offre qui un altro episodio decente, questa volta ancorato ai Gyptians e alla loro ricerca dei bambini. Vederli tutti riuniti verso la fine è un bel tocco e non avendo letto il libro, immagino che questo ritmo più lento sia molto più adatto al romanzo rispetto all’azione frenetica che alcuni potrebbero aspettarsi se vedessero il film di Hollywood. Tuttavia, vedere il gioco del gatto e del topo tra Marisa e Lyra è ben elaborato nella trama e il modo in cui converge anche con i Gyptians aiuta sicuramente a legare tutto insieme. Vale la pena menzionare la colonna sonora anche qui, e Lorne Balfe ha fatto un ottimo lavoro componendo una colonna sonora piena di brani orchestrali e un motivo accattivante per la serie, poiché l’introduzione si intreccia attraverso vari scatti affermativi in ​​ogni episodio. Questo, combinato con un po’ di cinematografia elegante, aiuta His Dark Materials a sembrare un’epopea fantasy di grande budget. Evitando intenzionalmente il segmento “next time on”, non posso commentare cosa succederà nel prossimo episodio, ma His Dark Material sembra che stia iniziando a stabilirsi nella trama principale qui, che è fantastico da vedere. PS non mi ero scordata ma penso che per chi abbia letto i libri era più chiaro che Marisa era la madre di Lyra, ma chi invece come me non lo ha fatto penso sia una notizia shock!!

His Dark Materials sono stati una delle sorprese più piacevoli di quest’anno. Sono sempre un po’ dubbiosa quando si tratta di drammi della BBC, soprattutto dopo essere stato delusa dalle deludenti finiture di The Capture e Bodyguard, ma con i compiti di produzione condivisi con HBO questa volta, sembra che potrebbero essersi imbattuti nel formula vincente con questo epico fantasy. La grande grafica e la narrazione metodica si estendono anche all’episodio 3, che continua a basarsi finora sulle basi della trama con un’altra ora decente di dramma ..

Dopo il drammatico finale della scorsa settimana, torniamo a trovare Lyra salvata dai suoi rapitori grazie ai Gyptians, che si uniscono in gran numero per trovare i bambini scomparsi. John Faa chiede a Lyra i gobbler ma rimane a bocca aperta, rivelando invece di conoscere la verità sul fatto che Asriel è suo padre. Alla fine accetta di stare con loro per il momento. Nel frattempo, Marisa arriva davanti al Dr. Carne e gli fa domande su dove si trovi Lyra. Non trovano la risposta che sperano, lei e Boreal estendono il loro parametro di ricerca dopo aver quasi distrutto il college nel processo di ricerca di indizi.

Neanche loro impiegano molto a scoprirlo, poiché Boreal apprende che gli ufficiali sono stati inviati per riportare Lyra dai Gyptians. Questo inevitabilmente lo riporta di nuovo ad attraversare il portale dove arriva nel nostro mondo. Guidando la sua auto, arriva in un luogo appartato dove incontra il suo contatto, apprendendo che c’è una possibilità che l’uomo che sta cercando avrebbe invece potuto viaggiare dal nostro mondo attraverso il mondo dei daimon. Con le informazioni cruciali acquisite, Boreal esce di corsa dalla casa nuovo dopo averlo ringraziato.

Nel frattempo, a Lyra viene mostrato il gobbler sotto stretto interrogatorio ma durante la loro discussione, vengono interrotti da minacciose corna che risuonano nell’aria, spingendo gli ufficiali del magistero a salire a bordo e iniziare a cercare Lyra. Per fortuna riesce a sfuggirle, nascondendosi dietro il lavandino. Con la minaccia passata per ora, John Faa e gli altri raccolgono tutta la forza del loro numero e discutono su cosa fare con i Gobblers. Quindi il ruolo in questo “gioco” è del tutto capovolto in questo e dato che i Gobbler stanno viaggiando a nord verso la terra dell’oscurità, il Re Occidentale dice loro di prepararsi a combattere e portare i bambini a casa.

Nel cuore della notte, Tony sgattaiola fuori nell’appartamento di Marisa, determinato a prendere gli schemi che la collegano ai gobbler. Sfortunatamente vengono catturati in ufficio, spingendo Marisa ad uscire dalla sua stanza con una pistola. Sebbene Tony riesca a sgattaiolare via sul tetto, Benjamin non è così fortunato, suicidandosi piuttosto che dare informazioni su dove si trovino i giziani.

Nel frattempo, Lyra mostra a Farder Coram la bussola d’oro, credendo di potersi fidare di lui. Spiega come funziona la bussola e i numerosi simboli diversi, ma continua a dirle che ci vogliono anni per padroneggiare, data la complessità e la natura complicata del congegno. Da sola, consulta Pan prima di decidere di seguire quel consiglio e provare a decifrare la bussola. Usando la sua intelligenza, abbina i diversi simboli e frecce prima di vederne una dondolare liberamente verso l’immagine di una clessidra con un teschio. 

Uscendo per dirlo a Coram, all’improvviso viene tesa un’imboscata da due mosche spia. Mentre riescono a intrappolarne uno, l’altro sfugge alla cattura, spingendo i giziani a dirigersi in fretta verso nord per evitare la cattura. Poco prima di loro, Tony ritorna con gli schemi, rivelando la cattiva notizia a John Faa su Benjamin. Lui e gli altri si dirigono verso il Nord, più determinati che mai a scoprire cosa hanno fatto i Gobbler con i bambini.

L’episodio si chiude quindi con Boreal in visita a Marisa e chiedendo cosa volessero i giziani da lei. Gli dice in modo criptico che hanno ancora una carta da giocare ma prima che possano continuare, appare la mosca spia e si annida nella mano di Marisa. La caccia è iniziata.

Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi