Castle Rock 1 x 08 “Past Perfect” Recensione

Reading Time: 3 minutes

Nell’episodio della scorsa settimana, intitolato “The Queen”, Castle Rock ha presentato il suo episodio migliore, con la rappresentazione straziante e bella di Sissy Spacek di un supereroe che viaggia nel tempo lottando per far fronte alla demenza.

Questa volta Castle Rock distoglie l’attenzione da Ruth e torna agli ingombranti elementi soprannaturali che circondano Henry e The Kid, in un episodio che è spesso troppo criptico per il suo bene.

Mentre “Past Perfect” non è un cattivo episodio in sé, trascorre una quantità inutile di tempo sul mistero di The Kid e sulla sua connessione con il padre di Henry. Certo, questi sono aspetti importanti della trama generale, ma non sono i punti di forza della serie. Lo sviluppo del personaggio è il punto in cui Castle Rock brilla, ma purtroppo questa uscita sembra più interessata alla creazione degli ultimi due episodi piuttosto che alla creazione di un’affascinante narrativa autogenerata di un’ora.

Un altro problema ricorrente è che alcuni dei personaggi periferici di Castle Rock sembrano irrilevanti per la trama. Jackie Torrence, ad esempio, sembra esistere solo per la sua connessione con suo zio, l’antagonista che brandisce l’ascia di Shining, Jack. Oltre a salvare Henry da una morte raccapricciante per mano dei peggiori proprietari di bed & breakfast di sempre, Jackie non ha ancora fatto davvero nulla di particolare, e gli episodi finali avranno un sacco di cose da fare per farla apparire qualsiasi altra cosa che incidentale.

Le parti migliori dell’episodio “Past Perfect” sono il centro dei recenti abitanti di Castle Rock, Gordon e sua moglie. Le loro avventure esilaranti e raccapriccianti sono divertenti da guardare, poiché il loro B&B a tema omicida si trasforma in una trappola mortale letterale per una coppia sfortunata e Henry. Jackie potrebbe non essere il personaggio più vitale della serie, ma le folli sequenze d’azione che coinvolgono lei, Henry e i proprietari dell’hotel sono avvincenti.

Guardando al futuro, Castle Rock ha molto terreno da percorrere nelle ultime due puntate. Il rivelare che Wendell ha anche il dono di ascoltare la Voce di Dio è intrigante. Questo dono/maledizione è un tratto ereditario, e se sì, come fa Henry ad averlo se Pastor Deaver non è il suo vero padre?

C’è anche Ruth, che, la settimana scorsa, sembrava essere una specie di giramondo che può teoricamente sconfiggere il malvagio di Castle Rock. Ora sembra che Ruth stia davvero perdendo la testa, dato che Alan Pangborn è morto nella timeline attuale. Forse il suo viaggio in chiesa rivelerà un’altra svolta nella sua storia nelle prossime settimane?

Infine, l’apparente morte di Molly nel bosco tanti anni fa solleva più domande. E mentre sono curiosa di scoprire cosa le è successo, il rapporto di Molly con Henry rimane uno degli attributi più forti della serie, quindi speriamo che Castle Rock non abbia ancora finito di esplorare il loro viaggio.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulla nostra pagina affiliata Tutta colpa delle serie TV

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page