Brain on Fire Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 4 minutes

Proprio quando pensavi che il genere della malattia della settimana avesse esaurito le malattie, ecco che arriva “Brain on Fire”, uno stile fatto per la TV per l’encefalite dei recettori anti-NMDA, una malattia autoimmune estremamente rara che trasforma una giovane ambiziosa (ma altrimenti estremamente poco interessante) giovane reporter del New York Post in una pazza psicotica.

Basato sul bestseller memoir di Susannah Cahalan, interpretato da Chloë Grace Moretz in apparente bisogno di un esorcismo, questo film imbarazzante – prodotto da Charlize Theron – sostiene l’importanza dei medici che arrivano al minuto finale a trovare la cura quando le diagnosi da manuale non ci riescono. È il tipo di ruolo per il quale i Razzie sono stati inventati, e il poco pubblico che troveranno quasi certamente sarà a disagio quando guarderà Moretz implodere.

Se mai c’è stato un film per Lindsay Lohan – che ha seguito un percorso simile di promessa, fusione e recupero provvisorio – è questo, anche se il ruolo era originariamente destinato a Dakota Fanning. Moretz è una brava attrice che si imbatte in un Cabbage Patch Kid dall’aspetto gonfio: una biondina dalla faccia da bambola che è stanca di scrivere storie di softball sui social media, ma vuole farsi un nome a lavoro. Sul continuum di giovani personaggi femminili decisi a irrompere nell’imprevedibile cisterna di squali di New York, Susannah si trova in mezzo a l’assistente di Anne Hathaway in “The Devil Wears Prada” e il giovane giornalista senza limiti Morgan Saylor interpreta l’infinitamente spigoloso “White Girl” – anche se è fortunata ad avere nel suo angolo una compagna di scrivania saggia (Jenny Slate) e un editor compassionevole (Tyler Perry).

Ha anche al suo fianco un fidanzato più perfetto di New York, un musicista relativamente privo di ambizioni interpretato da Thomas Mann, che sembra andare d’accordo con i suoi genitori divorziati (Richard Armitage e Carrie-Anne Moss). Incontriamo quest’ultimo, insieme alle loro nuove fiamme, in un confuso picnic di compleanno, quando la ventiquattrenne Susannah nota il primo sintomo che qualcosa non va bene: non può spegnere le candeline sulla sua torta. Presto, sente delle voci, si stringe in modo vacuo alla fronte e si mette di fronte ai taxi – praticamente, recita come il primo personaggio ad essere infetto in un film di zombi, colui che impiega mezz’ora a capire cosa sta succedendo al suo cervello, ma impotente per invertire il processo. Se il film fosse scritto meglio, l’effetto non sarebbe meno degno del film horror, poiché, a tutti gli effetti, lo sembra.

Un medico con 20 anni di esperienza (Vincent Gale) dà un’occhiata e lo classifica come un caso standard di un hangover un po’ troppo lungo. I genitori di Susannah non sono troppo sicuri, chiedendo che l’establishment medico faccia il suo lavoro. Nel frattempo, Moretz interpreta la crescente paranoia del personaggio come qualcosa fuori dalla televisione diurna, perseguitata dall’acqua che gocciola nel lavandino di casa (“Cosa !? Fallo di nuovo!” Sfidando il rubinetto incriminato) o arrampicandosi sugli armadi e urlando contro i suoi colleghi di lavoro. Tutto ciò sembra lontano dalla sfera di conforto del regista Gerard Barrett. Ciò che distinse i primi due lungometraggi del regista irlandese – “Pilgrim Hill” e “Glassland”, in cui Toni Collette immerse il fondo di roccia grezza dell’alcolismo – era precisamente la sua capacità di resistere al tipo di melodramma ceco che ha creato qui.

Dopo decenni passati a celebrare l’impegno di attori per sensibilizzare sensibilmente i disturbi fisici e mentali sullo schermo, il pubblico è diventato diffidente nei confronti di prodezze acrobatiche (e peggio, paternalistiche). Viviamo in un’era di distacco ironico – l’era degli snark – in cui gli spettatori stanchi hanno sempre più difficoltà a mantenere la faccia seria quando si confrontano con offerte così superficiali per empatia. Ma chi è la vera Susannah Cahalan? A parte il suo disturbo, perché dovremmo preoccuparci? Questo film suggerisce che tutto ciò di cui aveva bisogno era un buon dottore (interpretato qui da Navid Negahban) per ripristinare la sua vita altrimenti perfetta, sebbene qualsiasi dottore di sceneggiature possa dirti che i problemi del film sono più profondi di quello, e ci sono possibilità che tu possa superare la narrazione in prima persona, Cahalan ha una storia molto più avvincente da raccontare.

TRAILER

Consiglio / Sconsiglio

Consiglio si per iniziare la storia di Susannah Cahalan e la sua malattia così poco conosciuta, forse magari il libro racconta meglio del film, dico forse perchè purtroppo non ho letto il libro e non so dirvi con certezza se il film è meglio del libro o il contrario.Consiglio

Sconsiglio la lentezza ma sopratutto l’approssimazione di come viene rappresentata questa malattia.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page