Bohemian Rhapsody Recensione

Reading Time: 7 minutes

Rami Malek interpreta il ruolo del cantante dei Queen Freddie Mercury in un film biografico che ripercorre i primi 15 anni del quartetto britannico.

Incisivi extra: è così che un giovane Freddie Mercury, interpretato con magnetismo e fisicità mozzafiato da Rami Malek, spiega la sua gamma vocale di quattro ottave a potenziali compagni di band. Il momento arriva presto in Bohemian Rhapsody , un film che non condivide l’eccesso di incisivi di Mercury; non ha nessuno. Il che non vuol dire questo convenzionale, il ritratto di una band anticonvenzionale non offre nulla da masticare. O che non riconosce le sfaccettature più oscure della fiaba. Lo fa, sempre così alla leggera, per tutto il tempo sottolineando con fervore ciò che è dolce e ottimista al riguardo. Un giorno un’altra caratteristica di Queen potrebbe andare più in profondità. Questo potrebbe o non potrebbe rendere un film migliore. 

Il coinvolgimento dei membri della band Brian May e Roger Taylor, in qualità di consulenti e produttori esecutivi di musica, ha più che poco a che fare con la dolcezza che abbatte le possibilità narrative indisciplinate. Ma il loro coinvolgimento amplifica anche l’autenticità musicale del materiale. Per il merito dei cineasti, e anche se non evitano del tutto il gergo factoide che spesso affligge il genere, questo è un film biografico che favorisce l’esperienza sensoriale dell’esposizione. Capisce cosa può essere puro, elettrizzante, divertente rock ‘n’ roll.

Il cigno nero epopea pop-opera di un singolo del 1975 che dà il nome al film, il cui suono non aveva mai ascoltato prima e che non ha più, è brillantemente disseminato nel racconto: i primi istinti di songwriter, a cominciare dalla melodia ; la sessione di registrazione esuberante, stravagante e seriamente inventiva; l’eccezionale performance del concerto di beneficenza Live Aid del 1985 per l’Etiopia. Quest’ultimo bit arriva nella sequenza di bravura che chiude il film (e che, in particolare, è stato il primo ad essere girato). Bryan Singer, che è stato sostituito da Dexter Fletcher (Eddie the Eagle) nel programma delle riprese, è il regista accreditato del film, e la sua affinità per lo spettacolo su larga scala è evidente. Raccogliendo i pezzi, Fletcher – non estraneo all’argomento, essendo stato coinvolto in una precedente iterazione del biopic a lungo gestante del produttore Graham King – si basa sul lavoro di un team di produzione di asso e di un cast animato. Il prodotto finito è energico, se non sempre liscio, il suo affetto per Mercury e i Queen è indiscutibile anche quando il dramma è denutrito.

La sceneggiatura di Anthony McCarten, tratta da un suo racconto e da Peter Morgan (noto per aver scritto di un’altra regina), non scorre tanto da un momento all’altro. Comincia nel 1970 a Londra, dove lo studente d’arte Farrokh Bulsara ha già cambiato il suo nome in Freddie, con la dolorosa disapprovazione del suo tradizionale padre Parsi (Ace Bhatti). Una delle più clamorose istanze di informazioni che si presentano come dialoghi riguarda l’emigrazione di Bulsara da Zanzibar quando Freddie era un adolescente. L’ulteriore passaggio a un cognome amico del palcoscenico è a pochi passi da lì.

Entrando nel vuoto lasciato dal cantante uscente di un quartetto locale, Freddie è la scintilla che accende un nuovo livello di ambizione per il chitarrista May (Gwilym Lee), il batterista Taylor (Ben Hardy) e il bassista John Deacon (Joseph Mazzello) – tutti i quali , a differenza di Freddie, avevano un Piano B se la musica non funziona. Per quanto riguarda l’indefinibile, trascendente qualcosa conosciuto come band chemistry, il film non penetra abbastanza nel mistero. I ragazzi si definiscono disadattati che suonano per disadattati, che difficilmente cattura ciò che li rende unici tra gli artisti rock. Ma quando  Bohemian Rhapsody fa il suo  ingresso nel loro “dare e avere”, è chiaro che quattro spiriti creativi hanno unito le loro forze.

Quando fa clic, l’umorismo, sia sceneggiato che improvvisato, sottolinea senza sforzo il legame dei personaggi. Gli attori sono convincenti nelle sequenze musicali, che si basano su registrazioni di Queen (e talvolta usano la voce di Malek nel mix). Nei punti cruciali della storia del fuori scena, però, le esibizioni di Lee, Hardy e Mazzello sono ridotte a colpi di reazione. Dato il facile cameratismo e la missione artistica carica che questi artisti evocano, ci sono troppe opportunità drammatiche sprecate. Di conseguenza, le tensioni e le fratture del gruppo non si registrano con la forza prevista, e la crescente imperiosità di Mercury non sembra mai veramente una minaccia per la coesione della band.

Non è colpa di Malek. Affrontare un compito scoraggiante, lui più che consegna. Anche se è solo un pollice più corto di Mercury, in genere è più piccolo e delicato, e con i suoi enormi occhi distintivi, non sarà mai un campanello per il frontman. Ma, equipaggiato con il famoso overbite e una squisita serie di costumi di Julian Day, e muovendosi con un’eleganza feroce e muscolosa, Malek si trasforma.

Alludato ma lasciato fuori dallo schermo è la passeggiata del foraggio scandalistico di Mercury sul lato selvaggio, che Sacha Baron Cohen, già nel cast del progetto, ha detto che sperava di esplorare. Lo sguardo divorante di Malek suggerisce l’appetito sessuale di Mercurio ma anche un’innocenza dolorante. A malapena dai 20 anni in cui la Gran Bretagna ha depenalizzato l’omosessualità, il cantante non è desideroso di attribuire un’etichetta al suo modo di vivere. Non è interessato ad essere un simbolo o un portavoce.

E la sceneggiatura di McCarten è più preoccupata del profondo amore di Mercury per l’esibizione, e l’identificazione che egli forgia sul palco. È tutto lì nel modo in cui il newbie rocker lotta con il microfono, prima impacciato e poi domato come una bestia. Da lì, la sua sicurezza vola con la fama della band, il suo look si trasforma da haute hippie a catsuit arlecchino al machismo stilizzato della scena gay in pelle. Nella sfilata tonale in continuo mutamento del gruppo, i curl del compositore barocco di May’s, pur nella calma, sono l’unica costante.

Gli eccezionali contributi del makeup e hair designer Jan Sewell sono essenziali come le mode di Day e il ricco design di produzione di Aaron Haye. E la moda è una componente vitale della biografia di Mercury: lui e la fidanzata Mary Austin (Lucy Boynton, di Sing Street ) si innamorano a Biba, la boutique di tendenza dove lavora, e dove incoraggia teneramente la sua diva interiore.

La loro storia d’amore è la relazione più complicata e sviluppata nel film, senza lasciare dubbi sul perché, dopo che gli incontri di smistamento hanno risvegliato l’attrazione di Freddie per gli uomini, Maria rimane la sua amica più cara e incrollabile. Rimangono anche i vicini: la sua luce di una lampada le segnala un disperato riferimento sulla luce verde di Gatsby.

Ma molte scene del triste ragazzo ricco, da solo sulle lenzuola di raso nella sua villa di Kensington, non riescono a scrollarsi di dosso il soffio del cliché. Questo vale anche per il baccanteio esagerato che Mercury lancia, con il film che prova troppo duro, proprio come il suo ospite-con-il-più-protagonista, per essere scioccante – senza cadere nel territorio R-rated. Dopo che i tradimenti dell’assistente personale di Mercury (Allen Leech) si sono svolti in modo troppo evidente, una lezione inaspettata di autostima da una conoscenza gentile (Aaron McCusker) è una pagina di benvenuto in questa saga da rockstar.

Gli elementi music-biz di quella saga suonano una nota più leggera, come ci si potrebbe aspettare quando Mike Myers viene scelto per interpretare un EMI exec, un quarto di secolo dopo che Wayne’s World ha riportato la canzone del film in classifica. Un Myers quasi irriconoscibile è il ragazzo di soldi affamati di successo che una volta sosteneva il gruppo e ora non ottiene il “Bo Rhap”, sei minuti di piega del genere, come un freddie senza scrupoli, rimbalzando per l’ufficio come una rana, chiama la loro nuova canzone. La scena è un po ‘tesa di burlesque-incontra-manifesto, in qualche modo redenta dalla sua battuta finale, molte scene dopo.

Bo Rhap il film è nella sua posizione più sicura nelle sequenze musicali. Gli esperimenti in studio sono gioiosi, i concerti suonano a dovere, e il montaggio di John Ottman li collega in modo fluido, come quando uno scarabocchio della linea di basso prosegue senza un attimo di respiro dallo studio al Madison Square Garden.

Chiamalo pandering o love, ma Queen ha costruito almeno una canzone, “We Will Rock You”, attorno all’idea di partecipazione del pubblico, e il film è, in modo memorabile, una celebrazione di ciò che è condiviso, se la band gironzola su Beelzebub e l’imperscrutabile “Galileo figaro magnifico” o migliaia di titolari di biglietti cantano un coro di inno di parole monosillabiche. La celebrazione raggiunge un eccitante crescendo nella sequenza finale, una potente interpretazione del set di Live Aid di galvanizzazione – e raccolta di fondi – che è stato definito il più grande spettacolo live rock di tutti i tempi. In picchiata da un’imponente ripresa dall’alto dello stadio di Wembley (Haye ha ricreato il palcoscenico del locale defunto, in scala, su un campo d’aviazione) fino all’intima interazione sul palco dei musicisti, alla folla rapita e viceversa,

Gli spigoli della storia di Freddie Mercury potrebbero essere attenuati in questo racconto, le indulgenze e la dissolutezza di zucchero. Questa è la vita reale? È solo fantasia? È un po’ di entrambi. Ma, colto da una valanga di titoli sconvolgenti, in un momento in cui la connessione, la curiosità e la sincerità si sentono come specie in via di estinzione, l’esilarazione persistente di quella scena da concerto è davvero dannatamente magnifica.

TRAILER

Commento personale al film

Nel complesso, devo dire che Bohemian Rhapsody è assolutamente da vedere … non solo per gli appassionati di musica, ma per gli appassionati di cinema. È fatto magnificamente, e anche se fosse stato finzione, sarei stato risucchiato dal dramma; ma era (almeno per lo più) vero. Non andare in attesa di vedere una copia perfetta di Freddie Mercury e degli altri. Guarda un concerto o un’intervista per quello; questo non è come 20.000 Days on Earth di Nick Cave , dove la telecamera ha seguito lui e la sua band per un periodo. Questa è una drammatizzazione della vita di una grande figura, all’interno della vita di una grande band: ovviamente ci sono alcune libertà con esattamente quello che è successo o quando; ed è naturale che i membri della band che sono ancora in giro abbiano avuto un’influenza. Se accetti il ​​film per quello che è, godrai immensamente del viaggio.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv Time

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page