Barbari Stagione 1 Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 3.5

Commento personale alla stagione

Considerato da molti come la più grande forza militare del suo tempo, l’Impero Romano si estendeva fino a 5 milioni di chilometri quadrati al suo apice del potere. Nel 9 d.C., l’Impero Romano era una macchina spaventosa e inarrestabile.

Tuttavia, quando questa macchina entrò in Germania, i romani si ritrovarono scritti nei libri di storia grazie a una lotta che cambiò per sempre il corso della storia.

barbari stagione 1 recensione

Ma cosa vediamo in questa prima stagione di Barbari?

Questo momento cruciale fa da sfondo all’ultima epica storia di Netflix Barbari. Mentre l’evento in sé è epico, la serie tedesca in 6 parti di Netflix è tutt’altro. Invece, questa serie è abbastanza divertente ma impallidisce anche rispetto ai colossi storici Vikings e The Last Kingdom, che entrambi superano questo in termini di portata e narrazione.

È un peccato in un certo senso perché l’ambientazione claustrofobica della Foresta di Teutoburgo fa abbastanza bene a nascondere la mancanza di variazioni di set e avrebbe potuto rivelarsi un grande velo per interpretare una storia più drammatica di quella che ci viene servita. Le stesse posizioni emergono più e più volte, giustapponendo gli elementi soprannaturali e veggenti ultraterreni che non vengono mai espansi completamente.

Detto questo, però, i barbari prosperano con il suo ribollente conflitto tra le forze romane e germaniche. In mezzo a questo calderone ribollente di tensione si trova uno dei nostri personaggi centrali, Arminius. Il figlio adottivo del nuovo senatore romano Varo ha una storia piuttosto lunga con il popolo germanico. Durante i 6 episodi, si ritrova in conflitto su dove risiede realmente la sua fedeltà.

barbari stagione 1 recensione

Mentre il confine tra nemico e amico si confonde per lui, per tutti gli altri questa è una storia in bianco e nero. I romani sono ovviamente i cattivi con il popolo germanico che funge da sfortunato sfavorito che lotta per la libertà.

La storia – e il conflitto che seguirà – inizia davvero con una semplice rapina maliziosa. Gli amanti Thusnelda e Folkwin rubano una statua dell’aquila romana d’oro dal mezzo di un accampamento romano, che alla fine vede tutto degenerare in una grande battaglia culminante ai margini delle foreste nell’episodio 6.

Lungo la strada, lo spettacolo esplora un triangolo amoroso travolgente, traballanti alleanze tra clan e semplici personaggi archetipici che non crescono mai veramente.

Quei suddetti problemi con la crescita del personaggio alla fine ostacolano questo spettacolo e lo trattengono dalle aspiranti vette che avrebbe potuto raggiungere. Non c’è un solo personaggio memorabile qui, con Thusnelda e Folkwin che si sentono come le ombre dei protagonisti centrali di Vikings.

barbari stagione 1 recensione

In effetti, per tutto il tempo Barbari si sentono come se vivessero nell’ombra della serie storica di Amazon Prime e non premono mai il grilletto per permetterti di abbracciare ed entrare in empatia con nessuno di questi personaggi.

Segestes, ad esempio, rimane viscido e spregevole per tutto lo spettacolo senza alcuna punizione. Varus non ha molto da fare e nonostante un momento epico durante il combattimento, non arriva ad essere un degno personaggio. Questo per non parlare del finale cliffhanger che funge da ciliegia sopra questa torta un po’ assurda.

Ma oltre questi problemi vediamo cosa resta in questa prima stagione di barbari

Nonostante tutti i suoi problemi, c’è sicuramente qualcosa di avvincente con i barbari per tenerti agganciato per guardare di più. Ad essere onesti, gran parte di questa forza motrice deriva dal desiderio di arrivare alle cose buone alla fine; conoscere l’epica battaglia della foresta di Teutoburgo è all’orizzonte. Questa aspettativa arriva con un po’ di delusione, nonostante l’efficacia della battaglia sia sparata e giocata.

barbari stagione 1 recensione

Questo è in definitiva uno di quegli spettacoli che è molto divertente al momento ma anche immediatamente dimenticabile una volta che hai finito di guardarlo. È certamente un peccato perché c’è sicuramente del potenziale con questo, specialmente con una possibile seconda stagione per espandere l’ambientazione e le idee.

Dato il tasso di cancellazione di Netflix, è difficile dire se questo dramma storico sia abbastanza buono per Flix per dare il via libera alla stagione 2. Per ora, dovremo aspettare e vedere. Nel frattempo, Barbari è una serie abbastanza divertente ma improbabile che possa essere considerata come uno dei migliori drammi storici di quest’anno.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page