And Just Like That Premiere Recensione

And Just Like That Premiere Recensione
Reading Time: 4 minutes
Di seguito è riportata una recensione senza spoiler dei primi due episodi di And Just Like That…

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale alla premiere

E proprio così… è una massiccia partenza da Sex and the City in tutti i modi peggiori. Scambia il suo ingegno con una serie di sequel priva di umorismo e sorda che lotta per giustificare la sua esistenza. La sua unica qualità redentrice è l’interpretazione sfumata di Sarah Jessica Parker nei panni di una Carrie in lutto, ma per il resto è piena di una scrittura degna e ampollosa. E sì, ti mancherà Samantha.

ma ecco cosa è successo nella premiere di and just like that

Il primo segno che la serie sequel And Just Like That… sarà un drastico allontanamento dal suo predecessore arriva con la primissima linea di Carrie, che affronta direttamente la pandemia di COVID-19. 

Sex and the City è sempre stato un intrattenimento di evasione – questo è uno spettacolo che ha avuto luogo a New York negli ultimi anni e non ha nemmeno affrontato l’11 settembre, dopotutto – e diventare un po’ più attuali non è necessariamente una cosa negativa . Dove fallisce drammaticamente, tuttavia, è la sua esecuzione sciatta. Via con l’evasione c’è l’ottimismo, l’arguzia e l’umorismo che hanno reso Sex and the City così speciale, regalandoci un nuovo capitolo cupo, ampolloso e occasionalmente meschino. Mentre guardavo la premiere di due episodi, non ho potuto fare a meno di chiedermi… gli autori di Sex and the City odiano i propri personaggi?

and just like that premiere recensione

Mentre Sex and the City era una commedia di mezz’ora, And Just Like That diventa un dramma di 45 minuti con tentativi, immagino, di commedia. Riprende con tre su quattro dei nostri trentenni preferiti di Manhattan mentre ora attraversano i 50 anni. 

Carrie e Big si sono stabiliti nella felicità domestica, Miranda intraprende nuovi obiettivi di carriera mentre si occupa di un figlio adolescente ipersessuale e Charlotte è impegnata a essere la madre prepotente che avrebbe sempre dovuto essere. 

Manca, tuttavia, l’amata e perennemente arrapata quarto pilastro della serie originale, Samantha, a causa del rifiuto molto pubblicizzato di Kim Cattrall. Suppongo che sia merito suo, And Just Like That non balli intorno alla sua assenza (e come potrebbe?), ma il suo scarso affrontare l’argomento è la prima bandiera rossa che questo sequel non renderà giustizia ai suoi personaggi.

Senza rovinare il motivo specifico per cui Samantha è volata via, sembra stranamente infedele al suo personaggio. Certo, poteva spesso lasciare che il suo orgoglio prendesse il sopravvento, ma era sempre lì per i suoi amici – Carrie in particolare – quando le cose si facevano difficili. Qui, è fatta per essere insolitamente meschina. 

Le rotture tra amici sono certamente all’ordine del giorno per l’esplorazione nei media ma qui abbiamo solo un lato della storia. Certo, c’è solo così tanto che è proprio così si può fare senza Cattrall, ma a volte mi sono sentita come una figlia di genitori divorziati che sente sempre la stessa cosa da un genitore amareggiato. Non è solo uno schiaffo in faccia a Samantha, ma a tutti coloro che hanno amato il personaggio, la donna che ha messo il sesso in Sex and the City.

and just like that premiere recensione

Tuttavia, i personaggi che sono lì non se la cavano molto meglio, in particolare Miranda, la cui trama potrebbe benissimo essere la parte peggiore dello spettacolo. Mentre torna all’università per ottenere un master in diritti umani, fa una gran figura di merda (passatemi il termine, ma purtroppo è vero) di fronte alla sua professoressa di colore in una scena che dura così a lungo ed è così spaventosa che ho quasi dovuto spegnere la TV. 

La commedia da brividi può essere fatta bene ma quello che manca qui è, beh, qualsiasi commedia – lo spettacolo è poco divertente. Ma è anche sconcertante vedere gli scrittori rendere Miranda così idiota. Aveva i suoi problemi nella serie originale, ma essere una vera buffona non era uno di quelli.

and just like that premiere recensione

A questo proposito, And Just Like That prova molto a commentare la “veglia” e come la nostra troupe si adatterebbe a questo — seriamente, c’è un podcast in cui gli ospiti di Carrie hanno letteralmente un “momento di risveglio!” soundbite (il conduttore del podcast, Che, è l’unico nuovo personaggio che ha un impatto, con Sara Ramirez che porta una buona dose di fascino e tempismo comico a un personaggio che altrimenti avrebbe potuto essere piuttosto odioso)

Ma il modo in cui funziona è tutto sbagliato e sorprendentemente stonato. In teoria, vedere i personaggi principali navigare in questo tipo di ambiente potrebbe essere intrigante, ma la scrittura sembra meno interessata ad avere qualcosa da dire al riguardo e più interessata a stringere il pugno su internet e urlare.

Questa è la cosa frustrante di And Just Like That: fa emergere molte idee che potrebbero essere divertenti da esplorare, ma le confonde quasi tutte. L’unica cosa che funziona è la sua sorprendente esplorazione del dolore e l’andare avanti dopo la perdita. 

and just like that premiere recensione

Questo sembra essere il fulcro di And Just Like That, e la sua rappresentazione del processo del lutto non lineare è commovente con sfumature. Sarah Jessica Parker lo racconta bene, dai tentativi da zombie di Carrie di andare avanti nella sua quotidianità alle sue occasionali esplosioni di lutto.

È solo un peccato che questo sia sepolto sotto così tanta scrittura imbarazzante e incoerenza tonale. Poiché tratta di tragedie e persino di una trama bollente sull’abuso di sostanze, è disattento, sciatto e scritto male. Va bene così non è Sex and the City. Ma perché sembra così in guerra con esso?

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page