A United Kingdom: Recensione

Reading Time: 4 minutes

Con le feste si guardano molti film e non solo film natalizi ma qualsiasi tipo di film. In questi giorni girovagando e stando bella sdraiata sul divano mi sono imbattuta in questo film A United Kingdom.

E’ un film su due persone che si amavano così profondamente e che hanno rischiato di perdere tutto pur di poter stare insieme – le loro famiglie, le loro case, persino i loro paesi.

Basato sulla storia vera dell’ex re del Botswana e della donna britannica, il cui matrimonio alla fine degli anni ’40 provocò un tumulto internazionale, A United Kingdom è limitato a un difetto. La regista Amma Asante colpisce tutte le note che ti aspetteresti in modo raffinato. Ha talento, attori meravigliosi nelle stelle David Oyelowo e Rosamund Pike. E ha una storia innegabilmente stimolante da raccontare.

A United Kingdom è ben fatto e ben intenzionato. Ma Asante è  affittato con una sceneggiatura di Guy Hibbert che spiega tutto per il pubblico e semplifica eccessivamente i suoi personaggi teoricamente complessi. Seretse Khama di Oyelowo fu esiliato dalla sua terra natale – allora conosciuto come Bechuanaland, un protettorato britannico – per lunghi periodi di tempo per seguire il suo cuore. Ha anche fatto arrabbiare e alienato suo zio (Vusi Kunene), che lo ha cresciuto come suo figlio, per aver portato a casa una donna bianca per servire come la regina del loro popolo.

Allo stesso modo, Ruth Williams di Pike è diventata lei stessa una paria, attirando l’ira di suo padre dalla mente chiusa (Nicholas Lyndhurst) per aver sposato un uomo di colore. Allo stesso tempo, i poveri cittadini del Bechuanaland non hanno accolto questa elegante straniera a braccia aperte. E poiché il governo britannico non avrebbe permesso a Khama di tornare a casa a causa della nascente e bestiale apartheid nel vicino Sudafrica, Ruth fu costretta a trascorrere la gravidanza da sola. Ha dato alla luce il primo figlio della coppia, una figlia, senza di lui in un ospedale rurale. 

È un film drammatico, pieno di emozioni ricche e complicate. Ma come sono raffigurati qui, Khama e Ruth sono singolarmente virtuosi. Certo, versano qualche lacrima. Khama spinge giù un mazzo di carte da una scrivania in un breve momento di rabbia. Ma individualmente, entrambi hanno l’abilità di dire la cosa più commovente ed edificante al momento giusto. E mentre Oyelowo e Pike condividono una bella chimica, specialmente durante il corteggiamento della coppia, non è mai quella che indica il tipo di passione profonda che deve aver guidato il sacrificio della vita reale di queste figure.

I loro primi giorni insieme forniscono una scintilla calda all’inizio, però, e sono tra i migliori del film. Khama e Ruth si incontrano a un ballo nel 1947 a Londra; lui è uno studioso di giurisprudenza, lei è una segretaria vivace. Il ritmo energico di questa sezione, condividendo l’amore per gli album di ballo e jazz, fornisce un grande senso della vertigine che provavano nel scoprirsi a vicenda. 

Ma il dovere chiama sotto forma di una lettera dello zio di Khama, che lo informa che i suoi studi all’estero lo hanno preparato bene e che ora è tempo per lui di tornare a casa e guidare la sua gente. Solo che lui non vuole farlo da solo: porta Ruth con sé come sua sposa, una decisione intima con ripercussioni mondiali che nessuno dei due avrebbe potuto prevedere. Asante, lavorando con il direttore della fotografia Sam McCurdy , fornisce un contrasto sorprendente e sontuoso tra il gelo nebbioso dell’Inghilterra e il soleggiato assembramento dell’Africa.

Ironia della sorte, però, quando la posta in gioco diventa più alta, A United Kingdom diventa meno coinvolgente. E molto di questo ha a che fare con il fatto che i funzionari del governo britannico che esercitano il loro potere per tenere separati i Khamas sono rappresentati in modo così monotimamente cattivo. Uno di questi è interpretato da Tom Felton – Draco Malfoy  – a cui è stato concesso un maggiore sviluppo del personaggio in tutta la serie Harry Potter.

La battaglia tra il bene e il male è così ovvia, è quasi noiosa. Questi ragazzi si astengono pietosamente dal roteare i loro baffi, ma sorseggiano lo sherry come un riflesso comico della loro condiscendenza e crudele autorità.

Oyelowo può pronunciare un discorso con un potente mix di fuoco e serietà, anche se, come abbiamo visto anche nel suo magnifico lavoro in Selma. Pike mostra ancora una volta che è capace sia di vulnerabilità che di feroce forza femminile. E in The United Kingdom, otteniamo solo un barlume di abilità di questi attori per desiderare di vederli in un film migliore.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Serie Tv News e Tutta colpa delle serie TV

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page