Una Donna Fantastica (Una mujer fantástica) – Recensione film 2017

Reading Time: 4 minutes

Il capolavoro cileno di Sebastián Lelio Una mujer fantástica (2017) – A Fantastic Woman – è una visione essenziale, che presenta uno straordinario viaggio cinematografico in un territorio frustrato inesplorato. Attraversando un paesaggio di amore e perdita attraverso l’esperienza di una giovane donna transgender, il film affronta l’ingiustizia vissuta dalla comunità trans attraverso una storia di compassione e onestà.

La protagonista femminile Marina – interpretata dalla prima attrice trans cilena Daniela Vega – è discriminata dopo un’improvvisa tragedia personale e la narrazione di Lelio presenta i problemi dei giorni nostri che sperimenta nei suoi tentativi di piangere e andare avanti.

Marina e il suo compagno Orlando (Francisco Reyes Morandé) sono follemente innamorati: è in procinto di trasferirsi nel suo appartamento e non vedono l’ora di fare un viaggio all’estero. Tutto della loro relazione rivela una permanenza – rafforzata dal rispetto reciproco, dall’adorazione e dal desiderio. Lelio si concentra sulla compassione tra la coppia, la loro aura romantica rispecchiata dalla splendida cinematografia di colori vivaci e ipnotici mentre ballano lentamente insieme. Dopo essere tornato da ubriaco a casa e essersi addormentati dopo aver fatto sesso, Orlando si sveglia durante la notte a sentimenti di nausea. Apparentemente sani, il rapido declino del delirio impazzisce Marina che tenta disperatamente di trasportare in ospedale il suo compagno malato. Ma nonostante tutti i suoi sforzi, Orlando non riesce a sopravvivere.

Ma il suo viaggio con il dolore è continuamente ostacolato da coloro che la circondano. Lelio esplora i vari gradi sociali della transfobia di Marina in seguito alla morte di Orlando, dalle micro aggressioni del personale ospedaliero ai parenti del pregiudizio profondamente radicato di Orlando. A livello istituzionale, funzionari statali e medici manipolano istantaneamente il tragico insieme di circostanze impreviste che riguardano la morte di Orlando in uno scontro – il suo corpo, coperto di lividi a causa di inciampare accidentalmente al piano di sotto mentre Marina era preoccupato di chiudere il loro appartamento, è incorniciato come prova . I medici sono titubanti, resistenti o sdegnosi nei confronti di Marina, che fugge spaventosamente dall’ospedale per evitare conflitti indesiderati, ma viene presto messa in discussione. La condizione femminile di una donna transgender influisce sulle percezioni della sua relazione da parte della gente, con il detective Adriana Cortes (Amparo Noguera) dell’Unità di offese sessuali della polizia investigativa che fa condiscendentemente presunzioni all’apparizione. “So molto bene cosa succede alle persone … mi dispiace, con donne come te. Perché ho visto tutto […] Dovevi difenderti da lui? ‘, Rifiutando di credere alle spiegazioni giustificate di Marina.

A livello individuale, l’ex moglie di Orlando e i suoi figli sono determinati ad allontanare Marina dalla sua precedente relazione. Bombardandola di abusi transfobici – tra cui un attacco fisico e verbale profondamente sconvolgente dopo il funerale di Orlando – respingono il bisogno di Marina di addolorare la morte del suo compagno. Escludendola dal suo funerale, appartamento e rubando il loro cane in comproprietà, è costretta a interiorizzare il suo lutto. Eppure, nonostante tali esperienze, è meravigliosamente sicura di sé nel suo status sia di donna transgender che di essere umano. Rifiuta di accettare o riconoscere come il pregiudizio dell’altro dovrebbe impedirle di provare sia l’amore che la perdita, e combatte continuamente per piangere Orlando come gli altri.

Allo stesso tempo, contro tali ingiustizie, il film mostra anche le relazioni di sostegno e le esperienze che Marina ha avuto da coloro che le stanno intorno. Momenti di compassione compassionevole da parte dei suoi familiari contrastano la natura barbarica dei parenti di Orlando. I colleghi al suo ristorante, il suo insegnante di canto e un legame amorevole con sua sorella sono potenti significanti della sua legittima accettazione e del suo posto all’interno della società, rifiutando l’ingiusto licenziamento e disapprovazione degli altri. Tuttavia, Lelio non sta incorporando questa antologia narrativa per evidenziare l’illecito della transfobia delle persone, ma mostra invece come Marina non sia completamente respinta dalla società: dove c’è oscurità, c’è anche luce profonda.

Eppure, in definitiva, la relazione più importante che Marina ha è con se stessa: è resiliente e risoluta, vagando per il mondo del dolore con ammirevole coraggio. Mentre la telecamera segue Marina camminando per la strada, il suo corpo lotta contro il vento crescente mentre diventa praticamente parallela al marciapiede, Lelio illustra la sua determinazione incrollabile di fronte alla discriminazione. La sequenza finale del film offre una splendida conclusione al difficile viaggio del protagonista, che ti sposterà fino alle lacrime attraverso la sua bellezza cinematografica e il suo clamoroso messaggio di sfida e potere. Vega è la forza motrice di uno spettacolo ad ogni svolta e questo candidato all’Oscar per la migliore categoria di film stranieri è un meritatissimo vincitore e francamente un’esperienza imperdibile.

TRAILER

Consiglio/Sconsiglio

Consiglio il film perché è un film che fa vedere come una persona trans quando raggiunge il suo stato di benessere e di consapevolezza sa far valere i propri diritti e non si fa calpestare da niente e nessuno. Inoltre lo consiglio perché le musiche scelte sono davvero in sintonia con ogni scena che ci viene mostrata.

Sconsiglio a chi ancora non è pronto a vedere un trans sullo schermo di un cinema e per chi non ha una mente aperta all’evoluzione cinematografica.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page