“1922” Recensione

Reading Time: 4 minutes

Il 2017 è stato davvero l’anno di Stephen King , ma l’ultimo di una lunga serie di film e programmi TV è, in qualche modo, il più sorprendente. 

Un remake di It era inevitabile, anche se nessuno si aspettava che fosse il gigante del botteghino. The Dark Tower  era in uno stato di pre-produzione per anni, e Mike Flanagan ha portato personalmente la sua visione di Gerald’s Game sul grande/piccolo schermo di Netflix. In TV, The Mist (sinceramente mi aspettavo che fosse fatta meglio e mi ha molto delusa) sembrava una scelta ovvia in un mondo post – The Walking Dead mentre il successo di Mr. Mercedes ha reso inevitabile quell’adattamento televisivo.

Il che ci porta a 1922, una novella di 131 pagine contenuta nell’antologia di King del 2010 Full Dark, No Stars. È un lavoro decente, ma non uno che urla lungometraggio, e la relativa sottigliezza del materiale di partenza fa male al film di Zak Hilditch con lo stesso nome.

Chiunque sia alla ricerca di ulteriori spavalderie inarrestabili troverà nel 1922 una dura delusione, una narrativa a fuoco lento che sceglie di destabilizzare piuttosto che brivido. Ma c’è una minaccia irremovibile che indugia, una storia di colpa e rimpianto che si fa strada sotto la pelle. Wilfred (Thomas Jane) gode di una vita semplice con la sua famiglia nella fattoria che la moglie, Arlette (Molly Parker), ha ereditato. Ma uno stile di vita così parrocchiale non è quello che lei aveva in mente e un piano è concepito per vendere la fattoria e trasferirsi in città. Wilfred è fermamente contrariato e quando Arlette annuncia che andrà comunque, prendendo il loro figlio, Henry (Dylan Schmid), arriva con un piano tutto suo: ucciderla.

C’è una terrificante mondanità nei confronti del pensiero di Wilfred, la sua decisione di dare priorità ai desideri egoistici e al guadagno finanziario su sua moglie, dando al film un brivido immediato e fornendoci un insolito antieroe. E ‘una sfida per uno sceneggiatore per costruire un film intorno a un uomo disposto a uccidere la moglie mentre lei dorme, ma il regista e sceneggiatore Zak Hilditch riesce a tenerci torvo a bordo in tutto, accompagnando Wilfred nel suo viaggio inquietante. Uno dei motivi per cui siamo così costretti a restare con lui è una performance trasformativa e profondamente impegnata da un Thomas Jane quasi irriconoscibile.

È straordinariamente bravo qui, con profondità che in passato è stato tenuto nascosto (o che gli è stata negata l’opportunità di esibire), e il film è un comodo compagno di letto con l’altrettanto deprimente refrigeratore The Mist, interpretato anche da Jane. È fin troppo facile ritrarre un personaggio come Wilfred come un semplice ingenuo, ma Jane offre una svolta attenta, studiata, seria, come un uomo che cade sull’orlo e scende nella follia. L’orribile assassinio di sua moglie è solo l’inizio, l’incitamento del primo atto, e il resto del film dipende dalle devastanti ricadute. La cosa interessante di 1922 è che la narrativa non dipende da una minaccia esterna alla libertà di Wilfred (c’è poco o nessun coinvolgimento della polizia), ma piuttosto una minaccia interna alla sua sanità mentale.

La sua colpevolezza si manifesta sotto forma di branchi di topi sanguinanti e che si dimenano e il loro graffio è uno dei tanti strumenti che Hilditch usa per sostenere un’atmosfera viscida e inquieta mentre la presa sulla realtà di Wilfred cade gradualmente. Il sound design in generale è ferocemente efficace, brutale quasi come lo stesso uomo che vive all’interno di Wilfred. Ci sono temi che King ha esplorato prima, come disarmonia coniugale, crescente follia e mascolinità tossica, ma il film vanta una forza crudele propria. È decisamente poco sentimentale per la maggior parte, il che rende alcuni tentativi finali di tormentare le emozioni un po’ frustranti e del tutto infruttuose.

Le storie di King spesso vacillano verso la fine e questo non fa eccezione. Il finale non è così complicato e goffo come nell’altro adattamento di Netflix, Gerald’s Game, ma non è così inquietante come potrebbe essere, Hilditch ha scelto una rappresentazione più viscerale su qualcosa che sarebbe caduto in linea con la sottigliezza visualizzato altrove. È un lavoro tonalmente mutevole che potrebbe quasi essere classificato come un dramma, se non per alcune immagini che strisciano la pelle e mentre, per la maggior parte, questo equilibrio viene gestito con abilità, non si ripaga nell’atto finale.

Il 1922 rimane efficace grazie al lavoro rivelatore di Jane e al senso di terrore irto, a dimostrazione che la disintegrazione lenta e putrescente della propria psiche è molto più spaventosa di qualsiasi clown malvagio.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page