13 Reasons Why Recensione Season 3 – Originale Netflix

Piccola premessa prima di iniziare questa recensione della stagione completa. Avrete notato che i primi 3 episodi ho fatto le recensioni, ma dovrete perdonarmi, questa stagione è stata davvero molto noiosa. Io amo il trash nelle sue varie forme, basti dire che ho visto PLL e il suo spinoff, guardo Riverdale, ma questa season 3 di 13 Reasons Why è stata pesante e noiosa. Certamente ci sono stati argomenti davvero interessanti e attuali però la stagione in sé nel suo complesso è stata noiosa. Gli episodi erano lunghi da guardare molto lenti. Ma bando alle ciance e iniziamo questa recensione!! PS ovviamente fatemi sapere la vostra opinione!!

Nella sua terza stagione di 13 episodi, ha dimostrato definitivamente che non ha più motivo di esistere. Non è sempre stato così sia ben chiaro. La prima stagione dello show è stata socialmente irresponsabile nella sua rappresentazione del suicidio; gli esperti dell’epoca hanno avvertito che violava la maggior parte delle loro linee guida per evitare il contagio suicida, e un recente studio ha trovato una correlazione tra la premiere dello show del 2017 e un aumento dei tassi di suicidio dei giovani. Ma se mettiamo da parte quei problemi estremamente gravi e li consideriamo puramente come intrattenimento, la prima stagione è stata un solido programma televisivo. Aveva un plauso della critica allora per un motivo.

La prima stagione di ha raccontato la storia di Hannah Baker, una ragazza di 16 anni morta per suicidio, lasciando dietro di sé un set di 13 cassette per i 13 compagni di classe che ha accusato per la sua morte. Mentre a volte lo spettacolo poteva sentirsi auto-congratulato per la sua tristezza, era avvincente e da thriller nel suo ritmo.

È stato facile prendersi cura di Hannah, è stato facile farsi coinvolgere dai giochi adolescenti casualmente brutali che i suoi compagni di classe hanno fatto con lei, e facile voler sapere cosa ha portato alla sua morte. E la fine della stagione, in cui l’ultimo nastro viene finalmente riprodotto e lo stupratore di Hannah viene arrestato, è chiaramente il punto di arrivo naturale per la serie. È qui che anche il libro di Jay Asher si basa sulla prima stagione. Non c’è altro posto dove andare da lì.

Tuttavia, la serie è andata avanti. Ha lasciato una seconda stagione a buon mercato e lugubre nel 2018 che si è concentrata sul processo allo stupratore di Hannah e sembrava raddoppiare su tutti i problemi per i quali è stata criticata la prima stagione – si conclude con una scena di stupro grafica e un tentativo di sparatoriaa scuola – pur mantenendo sia dentro che fuori dallo schermo che in realtà, stava solo esponendo alcune dure verità ed esplorando i veri problemi che gli adolescenti affrontano nella loro vita quotidiana. Stava iniziando una conversazione. Stava insegnando.

Quindi, all’inizio di quest’anno, la serie è tornata indietro abbastanza a lungo per rimuovere quella scena suicida grafica dalla prima stagione e promettere che la terza stagione sarebbe molto meno controversa.

La terza stagione di 13 Reasons Why probabilmente è meno controversa della prima stagione, in quanto probabilmente non sarà collegata alla morte di alcun ragazzo. Ma continua l’approccio che ha reso la prima stagione così pericolosa: questo spettacolo insiste sull’esplorazione di problemi della vita reale molto seri nel maggior numero possibile di dettagli didattici, ma non mostra alcuna prova di aver fatto la ricerca per ottenere l’esplorazione giusta. Fa errori goffi, pigri e non forzati esattamente nei momenti in cui cerca l’onestà, e se questa volta quegli errori potrebbero non portare alla morte, beh, questa è una barra piuttosto bassa su cui puntare.

Inoltre, la terza stagione di 13 Reasons Why è una brutta stagione della televisione.

La stagione 3 è noiosa e anche ridicola

Questa terza stagione è legata ad un misterioso omicidio. Lo stupratore di Hannah, l’affascinante e ricco sociopatico Bryce Walker, è morto. Bryce era uno stupratore seriale che aveva distrutto casualmente delle vite, quindi la maggior parte del cast principale aveva un motivo per volerlo morto – incluso il nostro eroe, Clay, che aveva una cotta per Hannah quando era in vita. Ora, Clay è un sospettato della morte di Bryce e, per provare la propria innocenza, deve trovare il vero assassino.

Il tutto è narrato dalla nuova studentessa Ani (Grace Saif), che ora è inspiegabilmente la migliore amica di tutto il cast, ma era anche vicino a Bryce, perché sua madre è l’infermiera di suo nonno, quindi anche Ani e Bryce hanno vissuto insieme. “Vedo le cose”, ci dice con voce portentosa in voiceover, prima di continuare a guidarci per tutta la stagione per scoprire chi ha ucciso Bryce.

Teoricamente, puoi vedere come questa storia sarebbe interessante. Tutti nel cast principale hanno buone ragioni per odiare Bryce e vogliono che sia morto. È un mistero per omicidio in cui forse potresti fare il tifo per l’assassino, Murder in stile Orient Express. Potrebbe essere divertente!

Ma Dio trascina questa stagione. Sono solo infinite, infinite scene dai toni grigi di adolescenti tristi che sussurrano un’esposizione l’un l’altro prima di rannicchiarsi per piangere sulla loro dipendenza da eroina / problema di steroidi / genitori deportati / borsa di studio del college persa / inserire un altro problema adolescenziale di là. E questi problemi sono davvero trattati in modo più o meno intercambiabile: come segreti ogni personaggio si nasconde fino a quando arriva l’episodio della verità tramite un monologo striato di lacrime che lascia Clay a fissare, a bocca aperta, a quanto poco capisce il dolore del suo amici.

Ani, nel frattempo, è meno un personaggio di quanto non sia una macchina da esposizione. Non c’è motivo per cui si preoccupi del gruppo di amici di Clay e non c’è motivo per cui si preoccupino di lei, tanto meno si confidino con lei tanto quanto loro. La sua narrazione – apparentemente la sua dichiarazione alla polizia – è piena di battute che si suppone vengano fuori come epigrammi saggi ma sono davvero solo stronzate ovvie. Sapevi che tutti hanno segreti? Perché Ani te lo dirà. Ti dirà davvero bene.

13 Reasons Why la stagione 3 è anche fallita tematicamente

La tesi della terza stagione è più o meno la seguente: il sistema è rotto (certo). Non ci si può fidare di nessun adulto affinché protegga i ragazzi dalla violenza di altri ragazzi (voglio dire … non esattamente, ma va bene). Ma tutti i ragazzi possono essere riscattati (va bene, sì, perché no). Pertanto, l’unica azione ragionevole è che i ragazzi si assumano la responsabilità reciproca e, di fronte a sociopatici violenti, prendono personalmente quei sociopatici sotto la loro ala e offrono loro una terapia senza licenza (cosa ?!).

Per illustrare questa tesi, la stagione si basa sulla questione se lo stupratore seriale Bryce Walker e il tentato sparatutto e voyeur di scuola Tyler Down possano essere riscattati attraverso il potere dell’amicizia.

Nei flashback, Ani fa amicizia con Bryce, che la scorsa stagione è stato condannato per stupro e punito con la libertà vigilata. Sotto la sua guida, tenta di diventare una persona migliore. Inizia la terapia e cerca di scusarsi con alcune delle persone che ha ferito.

Nel frattempo, Clay e il suo gruppo di amici si assumono la responsabilità di Tyler, che alla fine della seconda stagione è stato violentato da un altro ragazzo nella loro scuola e ha risposto presentandosi al ballo della scuola con una borsa piena di pistole. Clay e i suoi amici si sbarazzano delle pistole di Tyler e lo coprono con gli sbirri. Creano un programma in modo che possano pianificare di avere sempre qualcuno con Tyler, per proteggerlo dai bulli della scuola e dal suo odio per se stessi.

La grande domanda tematica della stagione è: queste strategie hanno funzionato? Bryce e Tyler sono riscattati? Le persone che hanno fatto cose terribili potranno mai fare di meglio?

Questa domanda è interessante e complessa. È vero che il nostro sistema legale non è in grado di affrontare gli stupratori, in particolare gli stupratori bianchi privilegiati come Bryce, e molti di loro finiscono per vedere un minimo tempo di prigione. È anche vero che il nostro sistema carcerario non è bravo a trasformare gli stupratori seriali in persone che non violentano o trasformare uomini armati in persone che non sparano nelle scuole. Se siamo interessati a cambiarlo, è teoricamente importante pensare a modi alternativi di trattare con persone che hanno fatto o quasi fatto cose terribili.

E dovrei notare che 13 Reasons Why fa di tutto per chiarire che Bryce non deve il perdono o qualsiasi altra cosa alle sue vittime e che quando si sente male nell’essere isolato nella sua nuova scuola a causa della sua reputazione di stupratore, questa non è la loro responsabilità.

Tuttavia, questa stagione privilegia il punto di vista di Bryce in un modo che non privilegia quello delle sue vittime. Ci viene detto che Bryce ha violentato “sette o otto” ragazze oltre a Hannah, ma ne conosciamo solo una: Jessica, l’unica ragazza oltre ad Ani, rimasta nel cast principale . Il suo recupero e il suo viaggio per prendere il controllo del proprio corpo dopo l’attacco di Bryce ha avuto un episodio di esplorazione.

L’unica vittima di violenze sessuali femminili oltre a Jessica che ha più linee di dialogo è Casey, un personaggio che è ridotto a un simbolo ambulante per l’idea che forse #MeToo è andato troppo lontano quando monta un funerale di #MeToo Bryce sulle obiezioni di Jessica. Casey è colei che grida che il mondo dovrebbe preoccuparsi più del dolore delle vittime che degli autori, ma il suo discorso è inquadrato come acuto e aggressivo. Non sappiamo cosa le sia successo e non ci viene davvero chiesto di preoccuparci – solo di giudicarla per aver fatto l’attivismo nel modo sbagliato.

Il dolore di Bryce, nel frattempo, è l’obiettivo principale della stagione. Ogni episodio contiene flashback a un Bryce solitario e isolato, e ogni episodio ci mostra che Bryce sta lavorando per essere una persona migliore. C’è anche un momento sconcertante in cui Ani, che è teoricamente amica intima di Jessica, decide di dormire con lo stupratore della sua amica, che dovrebbe dimostrare al pubblico che vede qualcosa dentro di lui che vale la pena salvare.

Ecco il problema con questo equilibrio: il nostro sistema giudiziario è già impostato per privilegiare il punto di vista di Bryce. Ecco perché molte persone come Bryce non vengono mandate in prigione, in modo che i loro brillanti futuri non vengano distrutti da tutto lo stupro seriale. 13 Reasons Why ha realmente bisogno di spendere così tanto tempo concentrandosi sul dolore di Bryce? Aveva davvero bisogno di demonizzare le sue vittime ogni volta che chiedevano al mondo di considerare anche il loro dolore?

Queste scelte rendono ancora più evidente il numero di personaggi femminili nel cast originale dello show che sono stati messi da parte o scritti del tutto: Hannah appare solo in un flashback al suo stupro, e altri personaggi come Courtney sono lì solo per la più breve cammei. Per uno show così pesante da passare così tanto tempo a pensare ad aggressioni sessuali senza anche scrivere alcuni personaggi femminili più corposi, lasciando l’intera trama a riposare su Jessica e il suo episodio da vetrina singola, è una scelta sconcertante.

La trama di Tyler è un altro esempio di questo spettacolo che cerca di raccontare alcune verità cupe sul mondo senza riuscire a fare le sue ricerche, perché la ricerca direbbe che i bambini come Tyler in realtà non esistono. Dovremmo ammettere che Tyler ha cercato di sparare alla scuola non perché è un sadico, ma perché è un bambino vittima di bullismo che è stato violentato e spinto al limite e voleva ferire il mondo che gli ha fatto del male – la nostra idea di tiratore della scuola, reso popolare sulla scia di Columbine, è un emarginato. Ma statisticamente, quel profilo è spesso un mito. I tiratori di Columbine avevano una cerchia attiva di amici.

Nella vita reale, non esiste un modo sicuro per fare un profilo di una persona che vuole sparare a scuola. Sono spesso depressi, ma questa è l’unica caratteristica che molti condividono. Alcuni tiratori di scuola sono solitari che si sentono perseguitati o vittima di bullismo, ma molti sono ragazzi che erano già violenti – non sono ragazzi vittime di bullismo che sono stati feriti fino a quando non si sono spezzati, sono bulli che fanno del male ad altri ragazzi e quindi continuano a intensificare la loro violenza fino a raggiungere l’utilizzo di una pistola.

Ecco perché la scelta dello show di lodare ripetutamente la decisione eroica della stagione 2 di Clay di mettersi di fronte alla pistola di Tyler e fare appello al potere dell’amicizia non è solo sciocca. È irresponsabile. Non è questo il modo di fermare coloro che sparano a scuola, perché coloro che usano le pistole nelle scuole non sono per lo più ragazzi come Tyler.

Va bene che i programmi TV non riflettano la vita reale in modo completamente accurato, perché i programmi TV sono finzione e sono scritti per intrattenere. Ma 13 Reasons Why si è costantemente posizionata come uno spettacolo didattico che esiste per iniziare una conversazione sui problemi reali che i ragazzi reali stanno affrontando. Se lo farà bene, ha la responsabilità di descrivere tali questioni onestamente, non ricadendo su miti pigri e imprecisi.

Ci sono momenti in cui 13 Reasons Why l’approccio funziona! Sono … brevi.

La cosa forse più frustrante di questa stagione è che ci sono momenti – momenti molto brevi – in cui tutta l’etica della rappresentazione di problemi reali che i ragazzi affrontano con l’onestà radicale paga davvero.

Un episodio mostra che l’ex ragazza di Bryce sta subendo un aborto e attraversa ogni fase esasperante del processo: il modo in cui viene risucchiata in un centro di gravidanza in crisi quando sta cercando un programma per aiutarla a pagare per la procedura; il suo incontro con manifestanti fuori dalla clinica quando finalmente arriva lì; il periodo di attesa obbligatorio che la costringe a tornare in clinica due giorni dopo; il suono che la macchina emette quando è finalmente agganciata. Questi sono tutti dettagli che non vengono mostrati in TV molto spesso, e vale la pena esporli con dettagli metodici e non sensazionalizzati.

E l’episodio di Jessica si concentra sulla sua lotta per rivendicare la proprietà del suo corpo dopo che Bryce l’ha violentata, portandola a comprare un vibratore e imparare a masturbarsi. Quella sequenza non ha il fascino intricato di una scena simile in Sex Education di Netflix , ma è un momento dolce che si concentra sulla sessualità delle ragazze in un modo ancora raro in TV e che vale la pena esplorare.

Quando ho visto quegli episodi, ho pensato che forse 13 Reasons Why finalmente stavo imparando. Forse aveva trovato la sua corsia! Forse aveva capito che c’erano alcuni argomenti per cui la sua “onestà radicale” schtick aveva funzionato, e alcuni argomenti non lo faceva, e poteva semplicemente attenersi al primo e diventare finalmente un divertente programma televisivo che è anche socialmente rilevante.

Ma vivevo in una fantasia, che ho realizzato non appena l’episodio di Jessica si è spostato verso la sua riunione con l’ex fidanzato Justin, che nella prima stagione ha dato a Bryce il permesso di violentare Jessica mentre era incosciente. 13 Reasons Why sceglie di inquadrare questa riunione come parte di Jessica che rivendica il suo corpo e possiede la sua sessualità, sulla base del fatto che Jessica non è attratta sessualmente dal suo attuale fidanzato ed è attratta da Justin, e comunque ora Justin si sente davvero male per tutto .

Questa è una scelta narrativa davvero sconcertante in un mondo in cui esistono più di due ragazzi (sicuramente Jessica potrebbe trovarne uno da cui è attratta, che non l’ha nemmeno servita a uno stupratore su un piatto?). È anche emblematico del modo in cui 13 Reasons Why racconta una storia, che è sempre, sempre, scegliere l’approccio più frustrante.

Ogni volta che questo spettacolo fa quasi qualcosa di buono, va semplicemente al pigro trattato del secondo anno. È faticoso ed è spiacevole ed è spesso pericoloso, e a questo punto, non c’è motivo per cui dovrebbe essere ancora in circolazione. La storia è estenuante perché è esaurita, perché non c’è altro posto dove potrebbe andare la trama se non in cerchi contorti, ingoiando la propria coda. 13 Reasons Why non ha motivo di continuare eppure tuttavia, tornerà per la quarta e ultima stagione il prossimo anno.

Commento personale alla stagione

Come potete vedere e leggere la recensione purtroppo diventa un commento a questa terza stagione che mi ha proprio delusa, per i motivi citati all’inizio nella premessa e poi continuando in questa recensione, che mi scuserete se è venuta troppo lunga. Ma volevo farvi capire cosa mi ha trasmesso e perché non riesco a commentare e scrivere episodio per episodio. Spero di non aver distrutto troppo questa stagione e che ci sia invece qualcuno a cui sia piaciuta. Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED

Precedente Carnival Row 1 x 03 "Kingdoms of the Moon" Recensione Successivo "Limetown": nuova serie per Jessica Biel

Un commento su “13 Reasons Why Recensione Season 3 – Originale Netflix

  1. Antonio il said:

    una recensione cosi faziosa non pensavo di trovarla: gia questa serie da’ un’importanza quasi ossessiva allo stupro, ci manca pure colpevolizzare in eterno i carnefici? Invece gli amori veri sono a volte storie proprio come quelle tra Justin e Jessica, dove si va avanti tra errori e mancanze come partner. Si ama oltre gli errori dell’altro. E anche una persona malvagia come Bryce puo diventare una persona migliore, anche se è un percorso lungo e complicato da come si vede. Giudicare ogni cosa solamente dalle battaglie femministe messe all’interno della serie non rende giustizia alle storie e ai personaggi. L’errore è stato di far morire un personaggio cosi complicato come quello di Bryce, non soffermarsi sul suo dolore. È veramente da persona misera, senza empatia, non voler vedere il dolore dei carnefici ma soltanto delle vittime.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.