13 Reasons Why 2 x 13 “Bye” Recensione – Originale Netflix Season Finale

Anche questa volta voglio aprire con delle avvertenze come è successo per l’episodio 11. Questo episodio dimostra rappresentazioni grafiche e spiegazioni di stupro, riferimenti a suicidi e ha una legata alle armi da fuoco che può essere angosciante per gli spettatori. Suggeriamo a tutti di saltare i minuti dal 38 al 40.

Nessuno dovrebbe guardare la scena nell’ultimo episodio di 13 Reasons Why dove Tyler viene violentemente violentato da Montgomery. Non ho intenzione di condividere ulteriori dettagli su ciò che accade perché è incredibilmente grafico e suscettibile da innescare alcuni comportamente. Mi sono sentita male dopo averlo visto e molti altri con cui ho parlato hanno detto che si sentivano allo stesso modo. Non sono sicura del motivo per cui lo show ha ritenuto necessario includerlo, ma consiglio di saltare l’intera scena (dai minuti 38 al 40).

Torneremo su Tyler più avanti in questa recensione, ma prima, torniamo all’inizio dell’episodio. L’episodio 13 riprende un mese dopo l’arresto di Bryce e Justin. Bryce viene condannato e parla di quanto sia dispiaciuto. Jessica parla pure. “Forse non ricordo tutti i dettagli, ma non dimenticherò mai il puro terrore di sentire il tuo peso su di me. Di non poter respirare,” dice guardando Bryce. Per quanto sia sconvolgente provare i dettagli dello stupro di Jessica, lo spettacolo trasforma il suo discorso in un commovente omaggio al movimento #MeToo. Mentre parla, Jessica si trasforma in Hannah, che condivide la sua storia, poi Nina, Courtney, Mrs. Baker, Sheri, Mrs. Jensen, Mackenzie e la mamma di Jessica in tutti i momenti in cui sono stati assalite o molestate.

Jessica chiede al giudice di dargli una dura frase, “Può dire alle vittime come me, che la nostra storia è importante.” Ma non è quello che succede. Bryce viene condannato a tre mesi di libertà vigilata, Justin, in qualche modo, ottiene sei mesi. Durante la sua condanna, l’avvocato di Bryce e il giudice dicono alcune cose inquietanti che chiunque abbia seguito il movimento #MeToo sa che accade nella vita reale. Di Bryce parla avvocato per quello che Bryce ha perso – le sue borse di studio e un campionato potenziale di baseball – “vive e scelte” Nel frattempo, i colloqui giudice di non voler “fare ulteriori danni”, e che sia Bryce e Jessica dovrebbe guardare duro al loro E ‘ una frase debole e ovviamente deludente, ma Jessica dice che si sente ancora più forte per averlo fatto e aver fatto pressioni.

Un altro omaggio al movimento #MeToo è stato il casting di Anthony Rapp come il prete che supervisiona il servizio di Hannah. Anthony Rapp è stato il primo ad uscire allo scoperto e ha dichiarato di essere stato aggredito sessualmente da Kevin Spacey.

Il signor e la signora Baker si incontrano con il prete di una chiesa per avere un funerale per Hannah. Ammettono di non averlo fatto prima perché si vergognavano. Scopriamo che sono andati in altre chiese che li hanno rifiutati perché Hannah è morta per suicidio, considerato da alcuni un peccato. “Un atto non definisce una vita”, il sacerdote dice loro e così tengono il funerale lì in chiesa. Il prete parla anche con Clay e spiega che il Dio in cui crede, un Dio giusto, avrebbe pietà di un’anima come quella di Hannah.

Clay parla al funerale di Hannah e la maggior parte del suo discorso è consegnato all’allucinazione di Hannah. Condividendo qualcosa di simile a ciò che gli diceva Skye, Clay dice: “Posso amarti e lasciarti andare. Allora, Hannah, ti amo e ti lascio andare. Mi manchi, e spero che ovunque tu vada, senti la pace, ti senti al sicuro, in un modo che non hai mai fatto qui.” Questo sembra essere abbastanza per l’allucinazione di Hannah e lei si alza ed esce in una luce bianca. Mentre non mi dispiace vedere andare via l’allucinazione di Hannah, lo spettacolo non affronta mai il motivo per cui Clay aveva un’allucinazione. Nella prima stagione, è stato discusso che Clay ha avuto o ha una malattia mentale. Questa informazione in coppia con le sue allucinazioni avrebbe fatto una bella conversazione su come appare l’aiuto, ma non lo capiamo.

Dopo il funerale, c’è un raduno da Monet. La signora Baker dice a Clay che si trasferirà a New York perché era il sogno di Hannah. Lei gli dà anche la lista di “Reasons Why Not” di Hannah, che contiene 11 articoli. “Non importa quante ragioni ci siano per il si,” gli dice la signora Baker, “ci sono più motivi per cui no.” Clay annuisce in accordo. Questa sarebbe una dichiarazione potente se non si sentisse semplicemente come lo spettacolo che affronta le critiche per mostrare il suicidio come qualcosa che proviene da una serie negativa di eventi. La prima stagione è stata criticata per aver glorificato il suicidio e la seconda stagione, mentre ha cercato di correggere alcuni dei suoi errori precedenti, riuscendo comunque a mettere Hannah su un pilastro.

Non è solo la signora Baker a cambiare vita, Clay dice a Justin che i Jensen vogliono adottarlo. “Lo sai che sono davvero un casino, vero?” Dice Justin, piangendo. Clay dice che vogliono ancora adottarlo e Justin accetta. Sempre da Monet, apprendiamo anche che Alex e Jessica stanno uscendo insieme. Vale la pena applaudire 13 Reasons Why qui per mantenere la disabilità di Alex per l’intera stagione. Avevo previsto che Alex avrebbe subito lesioni a seguito del suo tentativo di suicidio per uno o due episodi e poi si sarebbe miracolosamente curato, ma, come nella vita reale, non è successo. Lo spettacolo ha trattato la sua disabilità rispettosamente e questo è davvero molto apprezzato.

È, purtroppo, il tempo di tornare alla trama di Tyler. Penso di averlo detto in ogni recensione che ho scritto in cui sono state coinvolte le pistole: vorrei che lo show non fosse andato lì. Mentre possiamo provare e giustificare i motivi per cui qualcuno può porre fine alla loro vita, nulla può giustificare una sparatoria a scuola. Brutalizzare Tyler per mostrare un “motivo per cui” potrebbe rivolgersi alle pistole era inutile. Lo spettacolo avrebbe potuto ridurre sia la violenza a Tyler che la trama della pistola e sarebbe comunque stato uno spettacolo completo. In effetti, se si concludesse dopo l’episodio 12, avrebbe comunque avuto abbastanza suspense perché ci fosse stata una “terza ragione”, la terza stagione.

La violenza contro Tyler è perpetrata da Montgomery (Monty). In precedenza, nell’episodio, sono state presentate accuse contro Monty per il fatto di terrorizzare Clay e gli altri. Nonostante tutto, Monty è ancora fedele a Bryce, che sta lasciando la Liberty per andare in una scuola privata chiamata Hillcrest. Monty chiede a Bryce come può aiutare, e Bryce gli dice di dimenticarlo e di uscire dalla sua vita.

Monty non prende bene questo rifiuto e decide di scagliarlo contro Tyler, che ha appena incontrato il nuovo consulente scolastico. Tyler dice al consulente che sta andando bene e ha imparato a controllare le sue emozioni. Questa è la prima volta che vediamo un personaggio abbastanza importante (non sto contando Skye qui) chiedere e ricevere aiuto, quindi quello che succede dopo è ancora più devastante.

Monty, per qualche motivo, incolpa Tyler per aver rovinato la stagione del baseball. Tyler cerca di rispondere nel modo in cui ha imparato nel suo programma, ma Montgomery non molla. È devastante guardare, e ancora, se non hai ancora guardato, ti consiglio di saltare questo pezzo.

Tyler è gravemente ferito dopo l’assalto. Si spera che qualcuno lo trovi o che cerchi aiuto, ma simile alla trama di Hannah nella prima stagione, decide di prendere in mano la situazione. Come sta funzionando a questo punto è oltre me. Ha una grave ferita alla testa e dovrebbe essere in ospedale. Tyler mente ai suoi genitori riguardo al suo primo giorno.

È arrivato il ballo della scuola e quasi tutti alla Liberty High sono lì, incluso Bryce. Non ho idea del motivo per cui la scuola lo avrebbe lasciato partecipare al ballo, ma eccolo. A parte il fatto che Bryce è lì, il ballo inizia come un normale ballo. Caleb è lì con Tony, Courtney è lì con la sua ragazza Tamika e Jessica e Alex si baciano.

Naturalmente, in 13 Reasons Why le cose non possono rimanere belle per più di due minuti. Jessica si allontana e trova Justin. Justin chiede a Jessica se pensa mai al suicidio. Lei dice di no e Justin è d’accordo. Ha avuto giorni di merda ma ha sempre voluto vivere. Si baciano e sono intimi. È bello vedere Jessica essere in una posizione di potere, ma è difficile non provare sentimenti per Alex.

La canzone che Clay e Hannah hanno ballato durante il ballo “The Night We Met” di Lord Huron dell’anno scorso risuona e Clay viene risucchiato nel passato. Fortunatamente, Clay non è l’unica persona che ricorda quanto sia significativa la canzone. Tony arriva e il resto degli amici lo segue fino a diventare un lento abbraccio di gruppo.

L’abbraccio non dura a lungo perché Tyler sta arrivando con il suo arsenale di armi. Mackenzie parla di Mackenzie mentre va a scuola, probabilmente qualcosa del tipo “esci, vado a fare una sparatoria”. Cyrus mostra il testo a Clay, che decide di fare qualcosa. Dice a Jessica e Justin di prendere Tony e di chiudere a chiave le porte e tenere tutti dentro. Dice anche loro di non chiamare la polizia. Se chiami la polizia, è finita per Tyler, spiega. È chiaro che vuole salvare Tyler, mentre non ha potuto salvare Hannah.

Abbiamo già discusso qui e in precedenti recensioni come confrontare Tyler e Hannah è pericoloso. Chiaramente Hannah aveva bisogno di aiuto e, chiaramente, Tyler ha bisogno di aiuto. Ma non è responsabilità di Clay. Nessun diciassettenne dovrebbe sentirsi tale peso. E’ una fortuna che Clay sia in grado di impedire a Tyler di entrare a scuola e fare una strage, ma il rischio che ha preso è stato enorme e non dovrebbe essere celebrato.

Clay chiede cosa dovremmo fare quando qualcuno è nel bisogno e commette un terribile errore. Non so come rispondere quando si riferisce a uno studente che porta le pistole a scuola per uccidere i loro compagni di classe, ma so che il modo in cui l’ha gestito è sbagliato. Se la tua risposta è “è solo uno show televisivo”, sei tecnicamente corretto. Tuttavia, lo show è andato in onda il giorno della sparatoria della scuola a Santa Fe High School, in Texas , quindi il messaggio che inviamo ai ragazzi – che guardano questo spettacolo – sulle sparatorie a scuola e sulla violenza armata sembra importante qui. Non saprei cosa fare in quella situazione, ma non penso che la risposta sia organizzare una macchina per la fuga con Tony alla guida.

VALUTAZIONI FINALI
Tutto ciò che era utile e bello di questo episodio è stato spazzato via dalla scena terribile contro Tyler, purtroppo ricorderemo tutti questo episodio soprattutto per quella scena e non per il resto.

Grazie per aver seguito con noi la seconda stagione di 13 Reasons Why ci vediamo l’anno prossimo con la terza stagione!!

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

Precedente House of Cards season 6: tutto quello che sappiamo al momento!! Successivo Recensione film- Revolutionary Road