fbpx
Crea sito

The Boys in The Band Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 4

Classificazione: 4 su 5.

Commento personale al film

Nel 2018, il padre di American Horror Story Ryan Murphy si è riunito con il pluripremiato regista teatrale Joe Mantello ( Wicked ) e una star insieme per rilanciare il punto di riferimento del gay dramma di Mart Crowley The Boys in The Band a Broadway.

Due anni dopo, la stessa squadra ha rilasciando un’altra versione della stessa storia con Netflix , che è tanto ricca di intensità quanto uno sguardo celebrativo sull’amicizia, la queerness e la vita.

the boys in the band recensione

Ma ecco cosa succede in The Boys in The Band

Ambientato a New York, durante lo stesso anno della produzione originale, il dramma si apre con un montaggio in stile Sex and the City , ambientato su Hold On, I’m Comin” di Erma Franklin, che offre uno sguardo a tutti i personaggi precedenti. incentrato sullo sceneggiatore spendaholic Michael (Jim Parsons di The Big Bang Theory).

Sta preparando una festa di compleanno per il suo amico difficile da accontentare Harold (Zachary Quinto) e sulla lista degli invitati per soli gay c’è il suo ex di Michael, Donald (Matt Bomer), il decoratore schietto Emory (Robin de Jesús), il bibliotecario Bernard (Michael Benjamin Washington), l’artista civettuolo Larry (Andrew Rannells) e l’insegnante Hank (Tuc Watkins), che ha recentemente lasciato sua moglie per Larry.

Più tardi, un giovane vestito da cowboy (Charlie Carver) si unisce alla festa, ingaggiato anche lui come regalo per Harold da Emory.

the boys in the band recensione

Ma è l’arrivo dell’ex compagno di stanza del college di Michael Alan (Brian Hutchison), che il gruppo presume sia chiuso e sull’orlo di uscire a causa del suo comportamento, oltre al gioco di bevute che apre gli occhi e che si traduce in alcol e battute. Serata piena che viene ribaltata e verità scomode che vengono alla ribalta.

Avendo perso la sua immagine di Sheldon Cooper nei panni di un agente predatore di talenti a Hollywood all’inizio di quest’anno, Parsons dimostra ancora una volta le sue capacità di recitazione qui.

the boys in the band recensione

Nei panni di Michael, fluttua abilmente tra l’essere un ospite affascinante, le cui maggiori preoccupazioni sono la sua attaccatura dei capelli sfuggente e se tutti hanno provato il granchio spezzato in offerta, e uno snarker seriale mentre lo shindig diventa più spinoso. Un minuto, sta cercando di mantenere la pace. Il prossimo, sta combattendo con Harold di Quinto, che è quasi altrettanto impressionante, nonostante il suo carattere – il più acuto del gruppo – sia un po’ monotono.

È chiaro che questi attori hanno ciascuno una relazione simbiotica con questi uomini di fantasia, avendoli precedentemente portati in vita per settimane, e la qualità e il senso di realismo del film sono senza dubbio elevati a causa di ciò. Nel corso degli anni, si è detto molto sull’opportunità o meno di assumere ruoli gay prevalentemente da artisti gay. Qualunque sia la tua posizione sull’argomento, è difficile, qui, non riconoscere quanto possa essere speciale quando lo sono.

Anche la coppia della vita reale Watkins e Rannells brilla sullo schermo, incaricata di interpretare una coppia di amanti appena formata che cercano di navigare nella monogamia e nei loro sentimenti potenzialmente travolgenti. Per cominciare, sembra che i due siano destinati al disastro, ma la chimica naturale del duo pervade anche i loro momenti più derisori, lasciandoti curioso di sapere dove, o come, potrebbero finire.

the boys in the band recensione

Poiché si basa su una produzione teatrale, la sceneggiatura è prevedibilmente ricca di dialoghi, che non sarà per i gusti di tutti gli spettatori.

UN po’ di storia su The Boys in The Band

Scritto dal defunto Crowley stesso e dal frequente collaboratore di Ryan Murphy Ned Martel, è brillantemente acuto, spiritoso ed energico, tuttavia, illumina chi sono questi personaggi e cosa significano gli uni per gli altri attraverso scambi carichi e poco altro. È una sceneggiatura – condita con un linguaggio colorato – che si fida del suo pubblico per riempire gli spazi vuoti.

Quando Crowley scrisse per la prima volta The Boys in the Band pre-Stonewall , più di 50 anni fa, le storie sulle persone LGBTQ + erano poche e lontane tra loro e lo spettacolo si rivelò un enorme successo poiché molti – uomini gay, in particolare – si precipitarono nei cinema per assistere a qualcosa che non avevano mai visto prima.

È stato descritto come rivoluzionario, e giustamente è anche così, in quanto ha fatto luce sulle specificità queer e su come l’era ha avuto un impatto su coloro che componevano la comunità in modi sia negativi che più piacevolmente positivi. Non c’erano cattivi, necessariamente, o colpi di scena terribilmente tragici; solo personaggi che sono, e questo era radicale.

the boys in the band recensione

Al giorno d’oggi, ovviamente, le cose non sono così scarse quando si tratta di rappresentazione, il che significa che la storia – che non è stata aggiornata in alcun modo – sembra un po’ datata e non riesce a contenere lo stesso effetto emotivo. Tuttavia, è ancora in movimento, senza dubbio, e in un certo senso la distanza rende i suoi momenti più appuntiti più facili da digerire e rende quelli più leggeri ancora più belli.

Quando si tratta di produzioni di Ryan Murphy , c’è sempre una cosa su cui puoi fare affidamento con tutto il cuore ed è l’estetica sensuale. The Boys in the Band offre molto sicuramente a questo riguardo, con i suoi sfondi affollati e i vivaci costumi adatti all’epoca.

A parte l’introduzione e un piccolo segmento verso la fine, tutto il film si svolge nell’appartamento di Michael, quindi è lodevole che il team renda questo pezzo da camera così interessante da guardare.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: