fbpx
Crea sito

Sharp Objects 1 x 08 “Milk” Recensione – Series Finale

Reading Time: 5 minutes

Il genere horror è disponibile in molte forme e dimensioni, ma se fatto bene, in genere ti lascia con una sensazione di terrore che dura molto tempo dopo la sua fine. “Milk” è un esempio di grande horror e orrore non solo per il sentimento che gli ultimi secondi ti lasciano, ma per come l’episodio descrive gli eventi che portano a quegli ultimi secondi. Tuttavia, ciò non significa che Sharp Objects nel suo complesso dovrebbe essere classificato come horror, e ciò rende la natura della sua fine piuttosto insoddisfacente.

Tuttavia, il finale è maturo con terrore emotivo. Tra il colpo di scena di Camille che si avvicina lentamente alla casa e poi è costretta a unirsi alla cena in famiglia bizzarra mentre sa esattamente cosa sta facendo Adora ad Amma, Sharp Objects assume un nuovo senso di presagio. Quello che prima era l’equivalente televisivo di una spiaggia che si trasforma in una pagina, trasforma la piena transizione in un inquietante ma credibile ritratto di malattia mentale.

Amy Adams, Patricia Clarkson ed Eliza Scanlen fanno tutte un ottimo lavoro, mentre Camille permette ad Adora di avvelenarla, così Amma può prendersi una pausa, ma questo episodio appartiene davvero al regista Jean-Marc Vallee e agli sceneggiatori Marti Noxon (lo showrunner della serie) e Gillian Flynn (autore del romanzo) che sanno come riempire una stanza con la fitta nebbia della paura che questi personaggi che abbiamo visto durante la stagione non riusciranno a sopravvivere. Il trio tira fuori un impressionante gesto di equilibrio portando a ebollizione quella tensione latente senza intaccare l’onestà emotiva dei loro personaggi.

Mentre Camille distrugge il suo corpo, questa volta per amor di Amma, cerca di convincere Adora a confessare. Ma la matriarca contorta rifiuta, schivando ogni opportunità spingendo più medicine giù per la gola di Camille. La cosa più inquietante, tuttavia, è che dopo quanto freddo e crudele abbiamo visto Adora, è come lei sta uccidendo sua figlia che sembra la più amorevole.

Camille, nel frattempo, mostra un’attenzione reale e sana per Amma in questa situazione, implorando che se ne vada per trovare Richard. Ma Amma è bloccata sotto l’incantesimo di sua madre, incapace di causare il suo dolore. L’episodio affronta straordinariamente bene queste emozioni complicate, senza mai tradire il duro lavoro preparatorio dei primi sette episodi per trasformare improvvisamente Adora in un vero e proprio cattivo. È instabile, e non è nemmeno completamente chiaro quanto lei stessa capisca. Rappresenta una parte emozionante e drammaticamente ricca del finale in cui non si sa se gli “eroi” dello show sopravviveranno.

Ma poi, una tregua. Le luci blu e rosse che lampeggiano dalle finestre del bagno sono un tocco visivo intelligente per rompere la tensione. L’editore di Camille finisce per essere quello che la salva, con Richard al suo fianco. Ma il momento più grande qui finisce per essere le pinze che la polizia trova mentre cercano in casa. Questo collega Adora agli omicidi delle due giovani donne. Ma Vallee ci tiene sulle spine durante e dopo il suo arresto. Qualcosa è spento; Adora ha sicuramente ucciso sua figlia Marion, ma come scrive Camille nel suo ultimo articolo, l’arma di sua madre era gentile, e ci vuole un estremo odio per commettere un omicidio che comporta l’estrazione dei denti della vittima.

Ma per un certo periodo, funziona come la risposta che stavamo cercando, al punto che siamo quasi disposti a trascurare i fili della trama penzolanti. L’arco di Camille giunge a una conclusione soddisfacente, poiché salva Amma poiché non è stata in grado di salvare Marion. Amma lascia la città che limita il suo potenziale. Alcune estremità libere che potrebbero essere state belle da includere sfortunatamente vengono ignorate, come la reazione di Vickery alla condanna di Adora, così come la liberazione di John e la successiva assimilazione nella società come un uomo innocente. Quello che otteniamo è la prima visione di Amma dell’arco di St. Louis, e momenti silenziosi di lei che si sta facendo una nuova amica in città. È bello, ma la sensazione pervade che non può durare.

Le piccole cose iniziano a salire e la tensione inizia di nuovo a accumulare. La madre di Amma si ferma e dice a Camille che hanno litigato, e si sta chiedendo dove siano. Poi Camille fa una scoperta nella casa delle bambole di Amma: denti umani che rivestono i suoi pavimenti. La fotocamera è impostata in modo che Camille li trovi, stiamo solo aspettando che Amma si presenti sulla porta. Lei ovviamente lo fa, e sussurra, “Non dirlo alla mamma”, prima di un veloce, stridente taglio ai titoli di coda, che includono un raccapricciante montaggio di Amma che commette gli omicidi, e un’ultima inconfondibile occhiata laterale dalla Donna in bianco – che era Amma da sempre.

Sebbene non sia sconvolgente che Amma sia diventata l’assassino, Sharp Objects trova un modo per rendere la rivelazione stessa sia sorprendente che emotiva. L’arco di Camille è finito a quel punto. Ha imparato a passare dalla sua colpa e a come prendersi cura degli altri. Ma poi è sradicato da lei, e siamo rimasti con il pensiero che i suoi problemi sono appena iniziati. Non sospetto che ci sia un mondo in cui Camille non si trasformi in sua sorella dopo questa rivelazione, ma quale oscuro percorso le impone? Non lo sapremo mai con certezza, visto che lo showrunner Marti Noxon ha insistito sul fatto che, a differenza di Big Little Lies, Sharp Objects non otterrà una Season 2.

Ciò che è frustrante di questa mancanza di risoluzione concreta è il fatto che questo non è il tipo di storia dell’orrore che termina dove quell’ultima paura non cambia davvero nulla della storia che è stata presentata prima. Amma, essendo l’assassino, cambia completamente la storia di Camille, così come le ramificazioni personali che dovrà affrontare per il resto della sua vita, così come alla fine sembrava aver chiuso il capitolo oscuro del suo passato e trovare un certo senso di equilibrio. Perché un episodio così forte finisca senza fornire un certo senso di chiusura, sembra che Noxon e Flynn abbiano dato la priorità agli elementi dell’orrore dello show nel lungo e lento studio del personaggio di Camille, il che non è vero per i sette episodi precedenti. Considerando quanto tempo ci è voluto per arrivare alla trama della serie, sembra un errore.

Sta di fatto che questa limited series è forse la migliore di questa estate 2018 e Amy Adams ha fatto davvero un lavoro epico, soprattutto se si pensa ai diversi film che ha fatto, questo è tutto l’opposto di essi.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent</a>

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: