fbpx
Crea sito

Lovecraft Country 1 x 03 “Holy Ghost” Recensione

Reading Time: 6 minutes
RECENSIONE PUNTATA PRECEDENTE LOVECRAFT COUNTRY

Questo è il nostro punteggio 3.5

Classificazione: 3.5 su 5.

Commento personale alla puntata

Ci sono troppe cose fatte bene in “Holy Ghost” di quelle che possono essere affrontate e lodate comodamente nello spazio di una singola recensione. Dagli alti ruggenti emotivi e bassi strazianti, alla consumazione appassionata ma tenera dell’affetto reciproco di Atticus e Leti, alla piccola ma consequenziale “apparizione” di George dall’oltretomba, il terzo episodio vede Lovecraft Country al completo controllo dei suoi elementi di definizione. “Holy Ghost” è senza dubbio un punto culminante per la serie finora.

Ecco cos’è successo in questo terzo episodio di Lovecraft Country

“Onestamente, da quando sono tornata mi sono sentito un fantasma. Come se mancasse qualcosa”, dice Leti ad Atticus nel terzo episodio di Lovecraft Country, in una conversazione a tavola calda che sembra più una confessione. “E continuo ad aggrapparmi a tutto, cercando di evitarlo. La chiesa, mia sorella… tu. Diavolo, pensavo che il mondo fosse in un modo e ora scopro che non lo è. E mi terrorizza. “

L’episodio di questa settimana di Lovecraft Country, appropriatamente intitolato “Holy Ghost”, affronta non solo i persistenti fantasmi del passato di Leti, ma anche lo spettro metaforico – e in questo caso molto letterale – del redlining, una manifestazione del razzismo sistemico che risale al lontano Il New Deal di Roosevelt, i cui effetti sono indissolubilmente legati alla formazione postbellica dei sobborghi americani e le cui ripercussioni continuano a perseguitare i proprietari di case neri americani fino ad oggi.

Usando i fondi e le risorse fornite (presumibilmente) dalla tenuta della sua defunta madre morta, Leti acquista una grande casa abbandonata nel North Side di Chicago nel tentativo di “fare la pioniera”, dove i proprietari di case neri acquistavano case in quartieri prevalentemente bianchi prima della Fiera Housing Act del 1968 in un appello per l’integrazione pacifica e la convivenza. Sfortunatamente, questi sforzi, il più delle volte, hanno incontrato un contraccolpo tutt’altro che pacifico. Apprendiamo in seguito che l’acquisto di Leti non è stato facilitato da un’eredità da sua madre, ma dalle macchinazioni di Christina Braithwhite, e che la Casa Winthrop ha una sua sordida storia quando si tratta di trarre profitto dal dolore nero. Prima di andare troppo avanti, però, spieghiamo cosa è successo nell’episodio di questa settimana.

ma partiamo dall’inizio di questa storia… cosa ne dite?

È passato più di un mese dalla sepoltura di George in seguito agli eventi di ciò che è accaduto ad Ardham. Hippolyta, ancora in lutto per la perdita del marito, diventa visibilmente risentita nei confronti di suo nipote Atticus, la cui presenza serve non solo come un ricordo vivente dell’assenza di George, ma un seme del sospetto che sia lui che suo padre Montrose le stiano nascondendo qualcosa riguardo alle circostanze dell’omicidio di suo marito.

lovecraft country 1x03 holy ghost recensione

Anche se il suo tempo sullo schermo questa settimana è relativamente piccolo rispetto ad Atticus, Leti o persino a Montrose, la grazia straziante, la rabbia e il puro peso emotivo della performance di Aunjanue Ellis come vedova in lutto è notevole e fa sorgere la prospettiva del suo futuro. L’episodio da solo sulla scia del focus di questa settimana su Leti ancora più emozionante. I tre si sono giurati di mantenere il segreto sulla verità di quanto accaduto ad Ardham, nel tentativo di risparmiare a Hippolyta il dolore di dover affrontare una nuova realtà che loro stessi hanno appena incominciato a capire. Tuttavia, a giudicare da ciò che abbiamo visto di Hippolyta in “Holy Ghost”, questo inganno è destinato a essere svelato abbastanza presto.

Atticus ha preso le distanze da Leti nelle settimane successive alla morte di George, gettandosi nel ruolo di un caregiver surrogato e di una struttura di supporto per il dolore e il senso di colpa. In quel periodo, Leti ha acquistato una casa, la già citata Winthrop House, per fornire un luogo di rifugio ai neri di Chicago che ne hanno più bisogno. I suoi piani e le sue intenzioni migliori vengono presto annullati, tuttavia, poiché lei e i suoi aspiranti pensionanti sono costretti a confrontarsi non solo con le intimidazioni dei suoi vicini bianchi, ma anche con la presenza malevola di una forza che infesta la casa.

Non mancano i superlativi che si potrebbero usare per descrivere la performance di Jurnee Smollett in questo episodio. La scorsa settimana ho ipotizzato che lo spettacolo molto probabilmente avrebbe raggiunto il suo ritmo più lontano si sarebbe spostato dall’orbita immediata della storia personale di Atticus e invece si sarebbe concentrato sui personaggi secondari intorno a lui. La qualità dell’episodio di questa settimana ne è una testimonianza. Dallo sfondare i fari delle automobili dei suoi vicini razzisti con una mazza da baseball come una scena uscita direttamente da Lemonade di Beyoncé, alle condanne urlanti in lacrime in un ultimo disperato tentativo di esorcizzare uno spirito demoniaco, la portata di Smollett in questo episodio è notevole.

lovecraft country 1x03 holy ghost recensione

Per molti aspetti, “Holy Ghost” sembra sia una correzione del percorso da “Whitey’s on the Moon” della scorsa settimana e un perfezionamento dei punti di forza della premiere della serie. C’è suspense e gratificazione, giubilo e angoscia, orrore e catarsi. La scena della festa di inaugurazione della casa di Leti è una perfetta ripresa della fin troppo rara rappresentazione della gioia comune dei neri che ci hanno regalato nel primo episodio di Lovecraft Country, e la svolta di questa settimana sulla narrativa in corso della serie, che inquadra l’episodio come una casa infestata. La storia con una minacciosa carta intestata prima di fare il conto alla rovescia dei giorni per il suo fatale finale cruento, è un cambio di ritmo così gradito che si può solo sperare che la serie continui a sperimentare sulla sua formula man mano che la stagione avanza.

Parlando di sangue, gli effetti pratici in questo episodio sono superbi. Dalle rigaglie mutilate e dalle orribili amputazioni, i disegni di trucco e costumi per il cast di apparizioni della casa fanno eco ad alcune delle forme più infernali di sperimentazione eugenetica mai perpetrate nella storia moderna. Le loro apparizioni risplendono soprattutto durante il culmine dell’episodio, dove un trio di vandali del vicinato vengono presi in modo diabolico uno per uno dai poltergeist più orribili della casa.

Per un episodio così apparentemente autonomo, “Holy Ghost” intreccia abilmente diversi fili narrativi lungo il suo runtime che stanno solo chiedendo di essere elaborati nei prossimi episodi. Dalla fatidica scoperta di Hippolyta di un misterioso orrery dorato in una stanza appartata della Winthrop House, al razzismo e insicurezza interiorizzati di Ruby di fronte al pregiudizio sistemico, a una conversazione spontanea su un certo predicatore meridionale che ottiene sostegno per i diritti civili, “Holy Ghost” offre molte direzioni allettanti che la serie potrebbe esplorare sia ora che in futuro.

Tutto questo per non parlare di una delle scelte creative più interessanti ma sottovalutate dell’episodio: la sua rappresentazione della religione e della fede. Anche se negli episodi passati abbiamo visto il rapporto estraneo di Leti con la fede, “Holy Ghost” mette immediatamente in primo piano quella crisi di fede in una commovente scena di apertura con lei seduta sui banchi della chiesa con un gruppo di parrocchiani immersi nel rapimento del canto.

Il suono scompare e sentiamo una voce che parla a Leti, presumibilmente quella della sua defunta madre. “Ehi Leti, cosa hai fatto per lasciare un segno in questo mondo?” la voce risuona per tutta la scena. “Quali montagne hai scalato? Quali angeli ti hanno dato le ali? Quali cieli hai volato? Quando hai raggiunto il cielo, chi c’era per prenderti quando sei caduto?” È una scena profondamente toccante, resa ancora più tale quando giustapposta al successivo confronto di Leti con gli spiriti maligni che la infestano in casa, una scena che porta alla luce il complicato groviglio di trauma e amore al centro della relazione di Leti con sua madre e, per estensione, la chiesa in cui è cresciuta.

lovecraft country 1x03 holy ghost recensione

Durante il suo arco personale durante “Holy Ghost”, Leti entra in un più pieno senso di certezza con se stessa, affrontando i fantasmi del suo passato e le sue indiscrezioni egoistiche per diventare una persona migliore e più forte. “Non posso vivere nella paura, non lo farò”, dice Leti ad Atticus durante quella stessa fatidica conversazione al ristorante, escogitando un mezzo per esorcizzare il male dalla sua casa. “Devo affrontare questo nuovo mondo a testa alta e scommettere su di esso.”

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: